30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Al-Fustat: Storia della prima capitale islamica in Egitto dall'inizio alla restaurazione

08-05-2022 17:04 - News
Il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ha intrapreso un tour d' ispezione del sito di sviluppo della Piazza della Moschea Amr Ibn Al-Aas, come parte del progetto di restauro del Vecchio Giardino Al-Fustat del Cairo.

Durante il suo tour di ispezione, Madbouly ha detto che il governo egiziano è determinato ad accelerare l'attuazione del progetto. Questo fa parte delle direttive del presidente Abdel Fattah Al-Sisi per comprimere la tempistica esecutiva, dato il suo valore aggiunto sugli sforzi per sviluppare la regione del Grande Cairo.

Il progetto rappresenta anche una visione della storia dell'Egitto che consente al paese di fungere da destinazione turistica regionale e globale che riflette la nobiltà della civiltà egiziana.

Il progetto fa anche parte degli sforzi dello stato per sviluppare strade principali, assi e ingressi che circondano il sito del progetto per accogliere il movimento dei cittadini e il turismo previsto verso il sito del progetto.

Madbouly ha incaricato di fare pressione sul programma esecutivo del progetto per sviluppare la Piazza della Moschea Amr Ibn Al-Aas, in modo che lo sviluppo pianificato per servire i visitatori di quest'area abbia luogo.

Ciò consentirebbe anche un reale miglioramento, dato che questo sito è l'ingresso principale del progetto Fustat Garden e vanta un'importanza strategica per la sua mediazione nel complesso interreligioso.

Il piano di sviluppo del Giardino Fustat, intitolato "Fustat Hills Park", dipende principalmente dalla progettazione di un parco pubblico che ha una vista su diversi siti archeologici e storici e punti di riferimento.

Questo lo rende una destinazione turistica regionale e globale, pur fornendo una serie di attività ricreative. Sostiene anche le industrie tradizionali specifiche della regione, oltre a far rivivere il patrimonio della zona attraverso varie epoche storiche.

In questo articolo, Daily News Egypt approfondisce la storia di Fustat, così come la storia degli scavi lì dalla fondazione della regione da parte di Amr Ibn Al-Aas fino ad ora.

Storia della capitale islamica

Osama Talaat, capo del settore delle antichità islamiche, copte ed ebraiche, ha affermato che Fustat è la prima e più antica capitale islamica, poiché è stata costruita poco dopo la conquista araba islamica dell'Egitto nell'anno 20 AH (641 CE).

Per la fondazione della nuova capitale, Amr Ibn Al-Aas scelse questo sito, che in precedenza era disabitato ad eccezione della fortezza romana conosciuta come Fortezza di Babilonia.

La nuova capitale fu chiamata Al Fustat, che significa "la tenda", anche se attualmente è conosciuta come il vecchio quartiere del Cairo. È uno dei quartieri più antichi del Governatorato del Grande Cairo, in quanto comprende molti siti archeologici degni di nota, tra cui la Moschea Amr Ibn Al-Aas, che è stato il primo edificio ad essere eretto nella nuova città.

Questo è in aggiunta a un certo numero di chiese della vicina area di Mar Girgis, che includono la Chiesa sospesa e la Chiesa di Abu Serga, che è stata costruita sopra la grotta in cui la Sacra Famiglia si rifugiava durante il loro viaggio in Egitto.

Altri monumenti degni di nota nella zona sono la Sinagoga di Ben Ezra, gli scavi delle rovine di Fustat, il Nilometre sulla vicina isola di Roda, così come il Palazzo Manasterly e il Palazzo di Muhammad Ali a Manial.

Pianificazione urbana di Fustat

Fonti storiche indicano che il primo edificio a Fustat fu la Moschea Amr Ibn Al-Aas, seguita dall'istituzione della Casa dell'Emirato, che fu costruita come residenza per i governanti fin dalla prima era islamica. Man mano che la popolazione nell'area circostante cresceva, anche le case furono gradualmente costruite, per accogliere la popolazione in crescita.

Non passò molto tempo prima che Fustat assumesse l'aspetto di una città con la sua grande moschea, i mercati commerciali circostanti e le case. C'erano molte corsie, vicoli e sentieri, che erano una manifestazione di espansione urbana e prosperità economica.

Alla fine dell'era fatimide, la città fu esposta a un enorme incendio che portò alla sua metà orientale in fiamme. Nel corso del tempo, questa metà orientale si sentì in rovina e rimase così fino al 1912 CE, quando iniziarono i primi scavi archeologici.

Scavi archeologici

Gli scavi archeologici e scientifici dell'Autorità egiziana per le antichità dell'epoca iniziarono nella città di Fustat tra il 1912 e il 1920, effettuati dall'archeologo egiziano Ali Bahgat e dall'ingegnere francese Albert Gabriel.

La coppia ha effettuato scavi organizzati che hanno portato alla scoperta di case, conosciute come "case fustat" e altre strutture risalenti a periodi successivi, a partire dall'era Tulunide fino ai Fatimidi, o dal 9 ° secolo CE al 12 ° secolo CE.

Le case, che si trovavano a quattro piani di altezza, erano costruite in mattoni rossi e consistevano in un cortile aperto, una sala principale e un gruppo di stanze, oltre a un giardino.

Sebbene i resti ora si trovino a soli 50 cm a 2,50 metri di altezza, la maggior parte conserva ancora i loro sistemi di approvvigionamento idrico e drenaggio, fornendo una visione affascinante.

Per quanto riguarda i reperti archeologici scoperti durante gli scavi, che includono papiri, tessuti, monete, ceramiche e altri, questi sono stati conservati e messi in mostra nel Museo di Arte Islamica.

Scavi nel 1932

L'archeologo Hassan Al-Hawari ha completato gli scavi iniziati da Ali Bahgat, andando a scoprire i resti della Casa Tulunid, che risale al 3 ° secolo dC. L'edificio fu costruito durante l'era di Ahmed bin Tulun, che assunse il mandato dell'Egitto rendendo il paese indipendente dal califfato abbaside.

Gli scavi nell'area continuarono sotto Gamal Mahrez nel 1964, seguiti dagli scavi condotti dalla Facoltà di Archeologia dell'Università del Cairo, guidata da Souad Maher, che si svolsero tra il 1973 e il 1975 nell'area della Moschea di Awliya.

La missione egiziano-statunitense ha intrapreso ulteriori scavi dietro la moschea di Abu Al-Saud sotto gli studiosi George Escanlon e Cobiac, mentre l'Istituto francese ha scavato nell'area di Establ Antar.

Questo è stato in aggiunta agli scavi della missione congiunta tra il Centro giapponese per gli studi mediorientali e l'ispezione delle antichità di Fustat e il Centro di ricerca americano. Questi ultimi scavi sono stati localizzati nell'area di Al-Fawakhir dietro la Moschea Amr Ibn Al-Aas.

Fonte: Daily news

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie