04 Febbraio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Ambasciatori del G7 sulla sicurezza alimentare: il G7 sostiene l'Egitto nella crisi dei cereali causata dalla Russia

15-06-2022 06:52 - News
Il prezzo del grano sui mercati mondiali è ai massimi storici, al 160% dei livelli pre-crisi.
Tutti i segnali indicano sfide ancora più difficili a venire. È la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina che mette in pericolo la fornitura di grano al mondo.

La soluzione a questa crisi immediata è quindi semplice: la Russia deve fermare la sua brutale guerra contro l'Ucraina e ritirare immediatamente le sue truppe dall'Ucraina.

La causa della crisi del grano è facilmente visibile in ogni campo di grano distrutto dalle bombe russe, in ogni contadino ucciso e in ogni nave ucraina bloccata nei porti del Mar Nero dalle forze russe.

A causa dell'aggressione russa, i raccolti di questa stagione in Ucraina diminuiranno del 50% e gli agricoltori ucraini potrebbero non essere in grado di seminare grano invernale. A venti milioni di tonnellate di grano esistente è stato impedito di essere esportati dall'Ucraina in paesi di tutto il mondo, compreso l'Egitto.

Per aggiungere all'insulto, rapporti credibili indicano che gli eserciti di Putin potrebbero trasportare grano dall'Ucraina destinato ai paesi che hanno un disperato bisogno di importazioni di grano nelle aree controllate dalla Russia.

La stessa Russia ha scelto di interrompere le proprie esportazioni di molti tipi di grano a causa della guerra e ha deciso di sfamare solo le "nazioni amiche". Ciò aggrava ulteriormente la situazione.

Dimostra anche che il presidente Putin è pienamente consapevole che la sua aggressione minaccia il mondo con la fame.

La decisione di armare il cibo è solo di Mosca e Mosca. Indipendentemente da ciò che i funzionari russi potrebbero dire sulla cooperazione con l'Egitto, non possono spiegare le difficoltà che questa guerra di aggressione sta causando in Egitto.

Né la Russia può distrarre dalle conseguenze finanziarie della guerra di aggressione di Putin, che minaccia la prosperità e i mezzi di sussistenza degli egiziani. La Russia potrebbe annunciare una o due navi di grano dirette in Egitto, ma questo rende solo più chiaro che Putin ha interrotto queste esportazioni in primo luogo.

La minaccia implicita dietro questo è sostenere i paesi "amici" mentre punisce i critici della sua guerra di aggressione. La sicurezza alimentare e la nutrizione sono beni pubblici e la fame non dovrebbe essere usata come arma contro i più vulnerabili, compreso il continente africano.

La Russia incolpa le sanzioni imposte dai paesi del G7 e altri per l'imminente crisi alimentare. Questo è falso.

Le nostre sanzioni prendono di mira i responsabili della guerra. Escludono forniture di cibo, prodotti agricoli e altri beni umanitari e medici.

Sono un mezzo per fermare la macchina da guerra russa, che sta causando la crisi alimentare globale. I paesi europei vicini come Romania e Polonia stanno venendo in soccorso trasportando grano via terra, come hanno fatto per una gara di grano egiziano la scorsa settimana.

Tuttavia, con una capacità molto inferiore e un costo più elevato, questa è solo una soluzione provvisoria.

Il fatto è che le navi da guerra russe stanno bloccando i porti ucraini, dove milioni di tonnellate di grano attendono l'esportazione.

Il G7 conferma il suo impegno a sostenere l'Egitto in questa crisi causata dalla guerra russa. Stiamo rafforzando la nostra cooperazione con l'Egitto per far fronte a questa crisi, attraverso un maggiore sostegno alle attività del Programma alimentare mondiale in Egitto, quadri regionali come l'Alleanza globale per la sicurezza alimentare (GAFS) o la missione per la resilienza alimentare e agricola (FARM) o il sostegno a il governo dell'Egitto attraverso l'assistenza bilaterale come la struttura alimentare dell'UE e le strutture nazionali.

La Russia non è riuscita a offrire tale sostegno.

Ci stiamo consultando a stretto contatto con l'Egitto e altri partner regionali su questa crisi, ad esempio nel Dialogo mediterraneo sulla crisi della sicurezza alimentare che ha avuto luogo a Roma la scorsa settimana, il 18 maggio il Global Food Security Call to Action Ministerial del Segretario di Stato americano degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Nations, la visita al Cairo della Presidente della Commissione Europea von der Leyen o l'imminente conferenza Uniting for Global Food Security a Berlino.

Proprio come il governo egiziano è attivamente impegnato nella sicurezza delle spedizioni di grano e altri prodotti alimentari, gli stati del G7 sono al lavoro per mantenere aperti i mercati agricoli globali. Sosteniamo l'Ucraina nella produzione e nell'esportazione di generi alimentari per contribuire ad alleviare la crisi.

Attraverso questo, siamo anche al fianco del popolo egiziano. Evitare questa crisi è possibile solo esercitando ogni possibile influenza sulla Russia. Il presidente Putin deve porre fine alla sua guerra di aggressione e alla distruzione e al blocco delle forniture alimentari essenziali al mondo per evitare la fame nel mondo.

https://ambilcairo.esteri.it/ambasciata_ilcairo/it/ambasciata/news/dall-ambasciata/2022/06/g7-ambassadors-on-food-security.html


Fonte: AMBASCIATA D'ITALIA IL CAIRO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie