04 Febbraio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

"Cairo Says": come un account Instagram è diventato il dizionario gergale egiziano

13-12-2022 08:49 - News
In ogni angolo del mondo, la lingua è una parte vitale della connessione umana. Le parole usate e le frasi pronunciate riflettono più che semplici strumenti di comunicazione, esprimono culture, sistemi di valori e sentimenti.

Per millenni, l'Egitto è stato intrecciato con diverse lingue a causa della sua storia colonizzata. Tuttavia, l'arabo alla fine si è instillato come lingua dominante in questo hub multilingue.

L'arabo in Egitto ha diverse variazioni e stili dialettali, e l'arabo "spavaldo" è comunemente usato in Egitto.

Creato nel 2020 dai tre fratelli Samman, Clara, Patricia e Chris, "Cairo Says" mira a colmare i divari generazionali e culturali aiutando le persone a comprendere le parole e le frasi comunemente usate in Egitto. "Noi [fratelli] siamo stati nelle scuole francesi per tutta la vita e abbiamo continuato a studiare all'estero", dice Clara Samman, responsabile del programma di 24 anni a Egyptian Streets. "Siamo sempre stati abituati a usare riempitivi egiziani o slang radicati in Egitto, come yaani (in qualche modo) o fakes (non importa) e ci veniva sempre chiesto di tradurli per i nostri amici stranieri."

La maggiore Samman, che ha fondato "Cairo Says" con i suoi due fratelli più piccoli, spiega che una delle principali ispirazioni dietro l'account Instagram è quanto fosse interessante sperimentare l'intersezione culturale mentre si viveva all'estero. Patricia e Chris condividono anche che sono entusiasti di pubblicare fotografie dell'Egitto contemporaneo, incluso il centro del Cairo, la Chiesa sospesa, i mercati e altro per loro conto, perché gran parte del colmare un divario culturale sta dimostrando che il paese non è tutto piramidi .

“Il nostro scopo principale è abbattere qualsiasi barriera culturale. Vogliamo promuovere la lingua egiziana e rappresentare come anche nel mondo arabo ci siano dialetti e significati diversi per le stesse parole”, sottolinea Clara. Spiega che l'idea è venuta loro durante il blocco del COVID-19 nel 2020, quando hanno scoperto che c'erano molte parole che i loro genitori, che sono egiziani, non capivano. "Non era solo un divario culturale, ma anche generazionale", afferma Samman.

Inoltre, "Cairo Says" utilizza la propria piattaforma anche per evidenziare questioni importanti, tra cui il cambiamento climatico e le molestie sessuali. "Quando il movimento contro le molestie sessuali ha iniziato a prendere slancio, abbiamo scelto la'a (No) come una delle nostre parole, perché avere una piattaforma che possa aumentare la consapevolezza è importante per noi tre", spiega Clara.

Sotto forma di battute spiritose e spiegazioni comprensibili, le parole scelte da "Cairo Says" sono scelte in modo complesso e delicato. "Queste [parole] a volte vengono naturali anche a noi", spiega la ricercatrice 21enne, Patricia Samman. “Quando siamo seduti con gli amici e viene detta una parola oscura, la scriviamo, facciamo un brainstorming sulla situazione e sul contesto in cui viene utilizzata, quindi abbozziamo le definizioni.
Quando tutti e tre siamo d'accordo, pubblichiamo. Nella loro visione, i fratelli Samman hanno tenuto presente che gli stranieri sono spesso esposti solo all'arabo formale.

Il loro scopo [Cairo Says] è introdurre le persone a ciò che è oltre il livello superficiale dell'arabo per aiutare le persone a comunicare e integrarsi maggiormente all'interno della società egiziana. "Per lo più, il nostro pubblico è composto per il 50% da persone che vivono in Egitto", affermano i fratelli Samman.

"Ma riceviamo anche messaggi diretti sul nostro Instagram da stranieri che vivono in Egitto e all'estero che ci chiedono informazioni sulla pronuncia e sul significato delle parole". Sebbene i fratelli Samman abbiano affrontato molte sfide nel loro viaggio, come aprire un account senza social media o esperienza di progettazione grafica, hanno imparato a fare tutto da zero. Dagli elementi visivi a quelli audio, "Cairo Says" vede costantemente opportunità di crescita.

La sensibilità e l'inclusività sono anche in prima linea nei valori di "Cairo Says", poiché il progetto considera le diverse risposte delle persone a parole e frasi. “Crediamo che il dialetto egiziano sia così unico. A volte le espressioni sono pure e amorevoli, mentre altre sono esilaranti”, raccontano i fratelli Samman a Egyptian Streets. "È interessante esplorare quanto la lingua influenzi le comunità e come aiuti le persone a rimanere in contatto con le proprie radici".


Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie