31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Centinaia di arresti durante la repressione della sicurezza per contenere le richieste di protesta l'11 novembre

04-11-2022 08:06 - News

Da ottobre, centinaia di persone sono state arrestate in tutto l'Egitto, così come fuori dal Paese, mentre almeno 150 rimangono in custodia mentre le autorità rafforzano le misure di sicurezza, dispiegano personale e veicoli nelle strade principali ed effettuano arresti e perquisizioni arbitrarie in la capitale.
La campagna per la sicurezza arriva quando sono emersi e circolati sui social media gli appelli per le proteste popolari che si terranno l'11 novembre sulla scia di una prolungata crisi economica. "Questi appelli alla protesta non fanno affatto parte del calcolo del governo, perché non esiste una cosa come l'11/11", ha detto il conduttore Ibrahim Eissa in un'edizione del suo programma di attualità Al-Qahera wal Nas "Hadeeth al-Qahera.

" Almeno 150 persone sono attualmente detenute in strutture di detenzione dopo aver ricevuto l'ordine di essere detenute per periodi di almeno 15 giorni al Cairo, Alessandria, Matrouh, Ismailia, Giza e Suez, indagate per abuso di social media e adesione a un gruppo terroristico da parte di la Procura suprema per la sicurezza dello Stato, di cui 28 persone solo lunedì, secondo due avvocati che hanno assistito a sessioni di interrogatorio prima dell'accusa.

Due gruppi di difesa legale hanno monitorato la detenzione preventiva di oltre 60 persone che erano state critiche nei confronti del governo sui social media, alcune delle quali hanno partecipato a inviti a protestare al Cairo e in altri governatorati. Sono stati tenuti in custodia dall'accusa in attesa di un'indagine sulle accuse che includono l'adesione a un gruppo terroristico.

Quarantotto detenuti sono stati monitorati dall'Iniziativa egiziana per i diritti personali, ha affermato il suo direttore, Hossam Bahgat, mentre la Commissione egiziana per i diritti e le libertà ha registrato che altre 21 persone sono state detenute dalle autorità giudiziarie.

Altre persone sono state fermate a caso, indipendentemente dal loro coinvolgimento con l'ondata di dissenso o dalla sua mancanza. "Le fermate di sicurezza casuali in cui i telefoni cellulari dei cittadini vengono perquisiti e i loro post sui social media vengono esaminati si sono svolte a Nasr City, Downtown, Shubra al-Kheima e Dokki", ha detto l'avvocato Nabih al-Genady a Mada Masr.

Anche ad Alessandria, centinaia di cittadini sono stati arrestati durante il fine settimana e rilasciati poco dopo, ha affermato l'avvocato Mohamed Ramadan. "Individui sono stati arrestati dalle loro case e dai luoghi di lavoro per i loro post sui social media, e le accuse presentate contro di loro dal pubblico ministero in seguito includevano la diffusione di notizie false e l'adesione a un gruppo bandito, con domande di interrogatorio che ruotavano attorno all'appello dell'11 novembre per le manifestazioni, ” ha aggiunto l'avvocato di Alessandria.


Un terzo avvocato ha affermato che "il numero di cittadini arrestati e interrogati davanti alla Procura della Sicurezza di Stato è in aumento ogni singolo giorno". L'avvocato difensore Khaled Ali ha osservato che anche le persone sono state convocate dalle loro case per essere interrogate dalle autorità.

Viene chiesto loro chi sta chiedendo le proteste e se hanno intenzione di partecipare, ha aggiunto. L'origine degli appelli alla protesta sull'"11/11", emersi almeno da metà ottobre, rimane sconosciuta. Hashtag e video sono stati condivisi sui social media, mentre personaggi pubblici legati al gruppo dei Fratelli Musulmani hanno amplificato gli appelli dai loro luoghi di esilio fuori dall'Egitto, dove hanno anche dovuto affrontare una risposta di sicurezza.

Il giornalista turco Hossam al-Ghamry è stato convocato dal ministero dell'Interno turco, insieme a una serie di altri attivisti e giornalisti affiliati ai Fratelli Musulmani, e gli è stato ordinato di smettere di sostenere le richieste di proteste dell'11 novembre o di lasciare il paese, secondo un fonte vicina a Ghamry che ha parlato con Mada Masr in condizione di anonimato. Ghamry, il cui figlio era scomparso con la forza dalla sua casa nel governatorato egiziano di Sharqiya il 25 ottobre, ha rifiutato di obbedire ed è stato arrestato il 27 ottobre dalle autorità turche. Ghamry è stato rilasciato la sera del 30 ottobre, anche se non si sa dove si trovi suo figlio in Egitto.

La campagna di arresti arriva mentre l'Egitto deve affrontare un accresciuto controllo da parte della critica all'interno e all'esterno dell'Egitto per la sua gestione dei diritti e delle libertà in vista della conferenza sul clima globale, che si terrà a Sharm el-Sheikh dal 6 novembre al 18 novembre.


Fonte: MADAMASR.COM

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie