29 Maggio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Dichiarazione congiunta Ministri degli Esteri

12-10-2023 07:22 - News
Dichiarazione congiunta del Ministro degli Esteri della Repubblica Araba d'Egitto, Sameh Shoukry, e del Vice Primo Ministro e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, Antonio Tajani

I Ministri hanno ribadito la forte e articolata partnership strategica tra l'Egitto e l'Italia, riaffermando il loro impegno a lavorare congiuntamente per rafforzare ulteriormente questa partnership e potenziare la cooperazione in settori di reciproco interesse, tra cui la pace e la sicurezza internazionale, il commercio, l'energia, la sicurezza alimentare, nonché gli investimenti bilaterali. A tal proposito, i Ministri hanno concordato di intensificare ulteriormente le comunicazioni in corso tra gli attori di entrambe le parti al fine di attuare progetti reciprocamente vantaggiosi in vari settori, tra cui l'energia verde e rinnovabile e la localizzazione delle industrie nei settori di interesse comune.

I Ministri hanno anche convenuto di rafforzare il dialogo e la cooperazione per sostenere gli sforzi in corso e ideare nuove vie di cooperazione, con l'obiettivo di raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Hanno concordato sull'importanza della cooperazione per costruire la resilienza affrontando sfide globali. Hanno discusso le continue richieste di riformare il sistema finanziario internazionale per incrementare il finanziamento dello sviluppo, nonché lo sviluppo di meccanismi per garantire la sostenibilità del debito e prevenire una crisi del debito globale.

I Ministri hanno concordato di rafforzare ulteriormente il loro dialogo e la cooperazione sulle questioni legate alla migrazione, inclusa la promozione di percorsi legali e la lotta alla migrazione irregolare, esprimendo forte preoccupazione per la crescente pressione della migrazione irregolare attraverso il Mediterraneo e per il costo inaccettabile in vite umane che questi flussi irregolari comportano.

Hanno rinnovato l'appello a un approccio più completo, concertato e risoluto e a un'azione più efficace, sia a livello bilaterale che in cooperazione con l'Unione Europea e le organizzazioni internazionali, nonché le Nazioni Unite e le relative agenzie, per affrontare le cause profonde della migrazione irregolare, tra cui la mancanza di sviluppo socio-economico e altre sfide globali come il cambiamento climatico e l'insicurezza alimentare, aumentare e mobilitare il sostegno finanziario all'Egitto, al fine di alleggerire il carico dell'accoglienza di un numero crescente di migranti e rifugiati, potenziare il ritorno volontario e la reintegrazione, combattere e contrastare le reti criminali transnazionali di trafficanti di esseri umani e contrabbandieri e potenziare la cooperazione nella formazione tecnica e professionale, al fine di agevolare l'ingresso della forza lavoro qualificata nel mercato del lavoro di entrambi i Paesi.

I Ministri hanno sottolineato l'importanza dei principi e delle azioni sanciti nel "Processo di Roma" e hanno confermato il loro forte sostegno allo sviluppo e all'attuazione di un nuovo Piano d'Azione strategico e globale, come concordato nelle Conclusioni della Conferenza Internazionale sullo Sviluppo e la Migrazione del 23 luglio 2023, e hanno concordato di collaborare nel comitato di indirizzo stabilito nelle suddette conclusioni.

I Ministri hanno anche accolto con favore il primo incontro del "Tavolo tecnico bilaterale sulla Migrazione", che si è svolto a Roma il 20 luglio 2023, e attendono con interesse il secondo incontro che si terrà a Il Cairo in autunno.

In questo contesto, hanno anche espresso un forte sostegno ai progetti finanziati dall'UE nell'ambito dell'iniziativa europea "Partnership per il Talento", che saranno fondamentali per potenziare lo sviluppo delle competenze e il riconoscimento al fine di migliorare il collegamento tra domanda e offerta di lavoro in entrambi i Paesi. Hanno discusso anche della proposta di istituire un Centro italo-egiziano per l'occupazione e la mobilità, coordinato congiuntamente dalle autorità dei due Paesi.

Sulla promozione delle iniziative regionali, come previsto dal "Processo di Roma", hanno ricordato il successo del progetto congiunto di sviluppo delle capacità I.T.E.P.A (International Training at the Egyptian Police Academy). La prima edizione ha coinvolto un totale di 360 poliziotti e funzionari di frontiera, provenienti da oltre 20 Paesi africani, in programmi di formazione sulla gestione dei flussi migratori, indagini contro il traffico di migranti e crimini correlati, controllo delle frontiere e identificazione di documenti falsi. La seconda edizione del progetto avrà inizio il prossimo gennaio, per un programma biennale.


Fonte: AMBASCIATA D'ITALIA AL CAIRO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie