29 Maggio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Discusso: Come l'Egitto investe nella sua sabbia bianca

27-03-2023 20:26 - News
Uno studio del Centro egiziano per il pensiero e gli studi ha evidenziato l'importanza della sabbia, un bene che viene comprato e venduto, a causa dei suoi numerosi usi da cui dipendono molte industrie strategiche.

Lo studio afferma che la sabbia è una grande ricchezza nazionale che non ha ricevuto sufficiente attenzione agli investimenti negli ultimi anni, nonostante i suoi enormi rendimenti sugli investimenti.

Il valore di mercato del mercato globale della sabbia è stimato in oltre 70 miliardi di dollari almeno, e questo è in costante aumento con il progresso delle industrie. basato su sabbia di diversi tipi.

Investimenti per ottenere silice (sabbia di quarzo), che è considerato uno degli elementi più importanti che non hanno ricevuto la dovuta attenzione, anche se la sabbia si trova in abbondanza senza precedenti nelle terre egiziane.

Lo stato egiziano si sta attualmente dirigendo a sfruttare il più piccolo granello di sabbia sul suo suolo, che è ricco di doni della natura. Dopo l'apertura del primo complesso di sabbia nera alla fine dello scorso anno, l'attenzione si è rivolta al dibattito su come sfruttare la sabbia bianca, con l'obiettivo di massimizzare il valore aggiunto delle sue risorse naturali, in cui è destinato ad attrarre investimenti per oltre 2 miliardi di dollari.


Sabbie bianche e loro ubicazione in Egitto

Lo studio ha continuato che la sabbia bianca è la materia prima per l'elemento silicio, che costituisce la spina dorsale dello sviluppo tecnologico globale, ed è la principale materia prima nella produzione di celle solari e chip elettronici, che sono il cuore dell'enorme boom tecnologico che ha spostato il mondo nel ventunesimo secolo.

Si tratta di una roccia di sabbia bianca pura, contenente un'alta percentuale dell'elemento silice SiO2 di oltre il 99% e costituita principalmente da granelli di minerale di quarzo, e il termine sabbia di vetro viene applicato alla silice o alla sabbia di quarzo, che ha specifiche fisiche e chimiche adatte all'industria del vetro. Ad esempio, la dimensione dei suoi grani varia solitamente tra 100 e 500 micron, mentre la percentuale di ossidi di ferro (Fe2O3) è inferiore a circa lo 0,05%.

Pertanto, troviamo che la sabbia bianca egiziana ha una grande qualità nel mondo a causa della sua grande purezza. La concentrazione di minerale di silice in esso raggiunge circa il 98,8% e la percentuale di ossido di ferro indesiderato è inferiore a circa lo 0,01%, e questo pone l'Egitto in cima ai paesi del mondo in termini di qualità (superiore alla Silicon Valley negli Stati Uniti d'America, che costituisce circa il 56% dei termini di qualità).

Enormi quantità di esso sono disponibili a Wadi Qena con grande spessore, oltre a: le montagne di Yalq e al-Mansharh nel Sinai settentrionale, l'area di Abu Zenima e Hadabat al-Janna nel Sinai meridionale. Che ha enormi quantità di materie prime di alta qualità. Quindi, va notato che il prezzo di una tonnellata di sabbia silicea dipende dal luogo della sua estrazione e dalla sua qualità, oltre alle dimensioni della domanda globale del prodotto, e quindi troviamo che l'Egitto è responsabile di circa il 35% della sabbia silicea nel mondo.



Gli sforzi egiziani per preservare questa enorme ricchezza

Nonostante la grande importanza di questa enorme ricchezza di sabbia bianca, c'era meno attenzione alla sua importanza prima del 2014, poiché l'Egitto esportava prima di questa data quella sabbia nella sua forma grezza ad un prezzo di circa $ 20 Solo, quindi viene rivenduto per circa più di 150 dollari, il prezzo di una tonnellata raggiunge circa 1.000 dollari, e il prezzo dei chip elettronici raggiunge circa 100.000 dollari, equivalenti a più di 5.000 volte la materia prima che esce dall'Egitto.

I problemi più importanti che questo dossier deve affrontare sono stati rappresentati dall'assenza di un'adeguata pianificazione per attrarre investimenti in questo settore, oltre alla mancanza di energia e delle infrastrutture necessarie, e all'esistenza di un problema reale nel trattamento delle sabbie a causa della scarsa capacità di ricerca e analisi e dell'assenza di volontà politica di sfruttare queste ricchezze e ottenere valore aggiunto.

Tuttavia, l'Egitto ha attraversato molti passaggi, a partire dall'arresto dell'esportazione di sabbia nel 2016 e discutendo su come sfruttarla come ricchezza nazionale. Oltre al lancio da parte del presidente El-Sisi dell'iniziativa "Egypt Makes Electronics" lo stesso anno, nonché all'apertura di un impianto di produzione di pannelli solari nella Benha Company for Electronic Industries, con una capacità produttiva di circa 50 megawatt all'anno (obiettivo di raggiungere i 100 megawatt all'anno), che mira a garantire le forniture con componenti di produzione.

Fonte: Egypt today

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie