30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Dove la spazzatura è oro: all'interno della città Egiziana di Zabaleen

12-11-2022 08:16 - News
Kirolos Tharwat si trova tra due torri di lattine di soda frantumate. Il suo cellulare squilla e se lo porta all'orecchio.

"Va bene. Sarò lì tra dieci minuti", dice.

Una nuova consegna di lattine vuote deve essere ritirata. Kirolos è uno dei tanti Zabbaleen (raccoglitori di rifiuti) che vivono e lavorano nella Garbage City del Cairo. Gli Zabbaleen hanno creato la propria industria ed economia, guadagnandosi da vivere raccogliendo e riciclando i rifiuti.
Si dice che questi Zabaleen abbiano uno dei tassi di riciclaggio più alti al mondo. Circa l'80 per cento di ciò che viene qui riceve una nuova vita. In confronto, le aziende di riciclaggio europee rappresentano una media del 40%.


IL RE DELLA COLLINA DEI RIFIUTI
Molti degli abitanti di Garbage City sono figli, nipoti e pronipoti di coloro che si stabilirono qui per la prima volta negli anni '40.

A causa della grave siccità e dello scarso raccolto nell'Alto Egitto, molti contadini cristiani si sono riversati nella capitale in cerca di lavoro. A differenza delle loro controparti musulmane, erano in grado di allevare maiali; questi maiali, a loro volta, venivano nutriti con i rifiuti alimentari accumulati dai Cairenes in tutta la città.

Ciò ha dato inizio a quella che oggi è conosciuta come l'industria del riciclaggio informale dell'Egitto, che da allora si è espansa fino a includere i rifiuti dei 20 milioni di abitanti del Cairo. Il ciclo inizia quando le persone legano i loro sacchi della spazzatura e li lasciano sulla tromba delle scale affinché uno degli Zabaleen li raccolga.

La domanda rimane, tuttavia: come può una comunità impoverita raggiungere tassi di riciclaggio così elevati, livelli spesso irraggiungibili per le grandi aziende? La risposta è spesso un abile lavoro manuale. Ogni piccolo pezzo viene selezionato a mano e riciclato di conseguenza; i guanti sono usati raramente, poiché "il lavoro è fatto meglio a mani nude", come dicono gli Zabaleen.


CREARE UN SOSTEGNO
Kirolos, venticinquenne, è uno Zabbal di terza generazione, suo nonno è nato nell'Alto Egitto nel 1923.

Era uno dei tanti contadini cristiani che si stabilirono nella Città dei rifiuti al Cairo. Il padre di Kirolos, Naim Tharwat, fondò una fabbrica di lattine. Ora sono Kirolos e suo fratello a gestirlo. Il padre di Kirolos dice di essere orgoglioso di ciò che i suoi figli hanno realizzato.

Dopo molti anni di lavoro come Zabbaleen, si è ritirato e ora di solito siede fuori dall'officina, chiacchierando con amici e passanti sorseggiando caffè al cardamomo. È ancora in servizio e, se dovesse succedere qualcosa, si alzerà rapidamente dalla sedia di plastica e assisterà.

Ha un occhio costante sul funzionamento del suo negozio. Chiacchiera con amici e passanti mentre beve un caffè con il cardamomo. È ancora in servizio. Se dovesse succedere qualcosa, può alzarsi rapidamente dalla sedia di plastica e assistere. Guarda costantemente ciò che sta accadendo in officina.Come Zabbal, è stato soggetto ad atteggiamenti condiscendenti dal resto della città.



Al Cairo, molti considerano l'occupazione primitiva; i vestiti sono spesso sporchi durante il lavoro e gli uomini possono puzzare a causa della natura laboriosa e antigienica del lavoro. Nonostante questo, Naim tiene la testa sollevata sulla scia.

“Qui nel distretto, siamo orgogliosi di ciò che abbiamo realizzato. Abbiamo creato il nostro sostentamento. Spero che continui a lungo", dice.

Sacchi della spazzatura e simbologia cristiana stanno fianco a fianco qui a Garbage City. L'aroma dell'incenso e dei pasti appena cucinati si mescola all'odore perforante della spazzatura. Come cristiani copti, ci sono sette chiese nel distretto di Zabaleen.

Il numero dei membri della Chiesa cristiana copta è incerto. Secondo le statistiche disponibili, rappresentano dal 6 al 9% della popolazione egiziana. Ciò equivale a 4,7-7,1 milioni di persone. A Garbage City, il 95 per cento sono cristiani copti.



Kirolos sale sul suo camion. Le strade sono strette e i rifiuti sporgono dal terreno argilloso umido. Una croce pende dallo specchietto retrovisore, penzolando ogni volta che l'auto supera un dosso di una strada fangosa.

Alla domanda se gli abitanti qui chiamano anche il luogo Garbage City, Kirolos spiega che lo chiamano invece Zarayyeb (plurale di zareeba), che si traduce in porcile. Non è raro che gli egiziani usino la frase "che zareeba" quando entrano in un luogo disordinato o disordinato.

Per turisti e visitatori, il luogo può sembrare un labirinto. I segnali stradali sono scarsi e quando sono disponibili sono difficili da discernere. Alti edifici di mattoni di fango si ergono nell'aria, i cani abbaiano e i maiali si rotolano tra i rifiuti alimentari; i bambini possono essere visti correre tra i sacchi della spazzatura, eludere i piccoli toktok che suonano il clacson, piccoli veicoli a tre ruote.



Laboratori diversi lavorano con materiali diversi. Due uomini dividono i fili. Il rivestimento di plastica è posato in una pila, il rame dall'interno in un'altra. Il cartone viene macinato in una macchina, mentre le finestre rotte e le bottiglie di vetro vengono fuse in una fornace.

L'atmosfera frenetica non sembra influenzare Kirolos. Guida con mano ferma e sguardo concentrato. Il telefono squilla e lui se lo porta rapidamente all'orecchio. Questo è il suo posto di lavoro, e il lavoro è svolto con precisione.

Guida il camion su larga scala sulla strada. Il camion viene pesato prima e dopo che Kirolos ha raccolto i barattoli di latta. Insieme all'uomo dietro il bancone, calcolerà quanto vale il pescato della giornata. Arrivato al punto di raccolta,

Kirolos incontra i netturbini della zona, che hanno passato la giornata a raccogliere immondizia.

Trascina la spazzatura sul suo camion e si dirige verso la posizione successiva. Lavorare mattina e notte è difficile, ma Kirolos non ha mai pensato di lasciare Garbage City. "Questa è casa mia, ed è qui che voglio stare", spiega. Kirolos non è solo. Egli stima che quasi il 95 per cento di coloro che crescono qui continuerà a farlo.

Garbage City è un luogo di lavoro vivace e frenetico per molti, ma è prima di tutto un luogo in cui vivono le persone. Le persone crescono qui, si sposano qui e continuano a creare famiglie qui. La comunità cristiana copta e la disponibilità delle chiese sono anche ragioni chiave per cui molti rimangono. Alla domanda se vuole espandere il repertorio di riciclaggio della sua famiglia, la risposta è no.

“L'alluminio è la specialità della famiglia, ed è così che continuerà. Perché cambiare qualcosa che sta andando bene?” Lui chiede.

Kirolos è laureato in informatica. Potrebbe fornirgli un lavoro d'ufficio, ma non lo vuole. Usa le conoscenze della sua laurea per tenere i conti e fare fatture. In precedenza, dovevano assumere un contabile, ma ora può fare il lavoro da solo.

"È bello avere il controllo di tutte le fasi del processo", afferma.

Carta e penna sono sempre disponibili in macchina. Ci sono costantemente informazioni che devono essere annotate. Aggiunge che la sua educazione andrà a beneficio anche dei suoi futuri figli.




“È importante avere un'istruzione qui in Egitto. Ottieni più rispetto e può darti una reputazione migliore. Se dovessi portare i miei figli in alcune scuole in un secondo momento, gli insegnanti preferiscono che i bambini abbiano genitori diplomati”, spiega.

Quando gli viene chiesto dove vuole che lavorino i bambini, la risposta è chiara.

"Qui a Garbage City, so che possono avere una vita buona e stabile e che posso essere lì per loro quando hanno bisogno di me", dice.

Kirolos ritorna con i barattoli di latta. C'è un nuovo graffio sull'auto. Suo padre si alza e dà un'occhiata più da vicino; sono d'accordo sul fatto che una nuova vernice lo eliminerà. Kirolos ha sempre avuto accesso a un'auto, ma molti Zabbaleen usano anche asini e carri quando attraversano il Cairo per raccogliere immondizia. È efficiente quando le strade sono troppo strette per l'ingresso delle auto.

I grandi sacchi della spazzatura vengono scaricati in officina. grida Kirolos e due uomini portano dentro i sacchi della spazzatura. Qui i barattoli di latta vengono pressati insieme in grandi pallet colorati in una pressa idraulica.

Il fratello di Kirolos riceve quindi i pallet e li fonde in un'officina in un altro distretto. Le etichette colorate di soda scompaiono durante il processo di fusione. L'alluminio può ora essere venduto in Egitto e all'estero, tra cui Spagna, Italia e Cina, tra gli altri.

Il posto spicca nel paesaggio urbano del Cairo. Alti edifici di mattoni rossicci e sacchi della spazzatura colorati in ogni angolo. La spazzatura ha un grande valore e dovrebbe essere conservata con cura, ad esempio sul balcone o sul tetto.

Il laboratorio della famiglia Tharwat si trova al piano terra. La loro casa è al piano di sopra. Kirolos vive qui con suo fratello, la moglie di suo fratello e i loro figli. Si avvicina alla foto del matrimonio di suo fratello e sorride. Tra sei mesi, lui stesso si sposerà e metterà su famiglia. Quindi lui e sua moglie Mariam non si sposteranno lontano.

Un piano sopra, due artigiani stanno restaurando e creando stucchi sui soffitti. Indica dove saranno il soggiorno, la cucina e la camera da letto.

«Questo appartamento sarà bello come quello di mio fratello. Se non più bella. dice sorridendo.


LA FUSIONE DELLA PLASTICA E IL PENDOLARE
Samuel Youssef afferra una leva della smerigliatrice e la tira indietro. Pezzi di plastica di tutti i colori vengono lanciati come coriandoli. Ha gocce di sudore sulla fronte. "Dobbiamo macinare la plastica prima che possa fondersi", spiega. Tra poco le vecchie borse della spesa, gli imballaggi e le posate usa e getta saranno state smantellate.



La plastica fusa forma una massa grigio-blu. Una macchina lo allunga in fili lunghi e sottili prima di tagliarli in piccoli pezzi. I macchinari sono rumorosi e i pellet freschi hanno un dolce odore chimico. Ne prende alcuni in mano. Sono ancora caldi.

La maggior parte delle persone a Garbage City sono nate qui. Samuele è uno dei pochi che viene da fuori; originariamente un sarto ad al-Minya, si è trasferito a Garbage City quando ha capito che la paga sarebbe stata migliore.

Lui e un suo cugino avevano sentito parlare per la prima volta di Garbage City da un amico nella loro città natale; mentre erano desiderosi di lavorare lì, l'amico ha rifiutato, notando che era una grande responsabilità portarli con sé. Di conseguenza, sono andati da soli: si sono presentati in chiesa, hanno conosciuto il pastore e hanno avuto il permesso di lavorare lì per alcune settimane.


Samuel e suo cugino hanno colto l'occasione per conoscere il distretto. Uno dei sacerdoti con cui sono entrati in contatto gestiva anche un'azienda di riciclaggio ei ragazzi hanno colto l'occasione per chiedere se potevano unirsi a lui. Gli è stato permesso di farlo e il lavoro che hanno prodotto è stato abbastanza impressionante che entrambi sono stati assunti alla fonderia di plastica dove ora lavora Samuel.

Samuel dice che è disponibile al lavoro sei giorni alla settimana, con solo la domenica libera.

La domenica è un tipico giorno lavorativo in Egitto, ma non qui a Garbage City. Qui sono chiamati al culto. Samuele va in chiesa il più spesso possibile ed è felice di recitare inni ai sermoni. Viene pagato per tutta la settimana. Alcuni giorni non ci sono richieste, mentre altri giorni possono essere incredibilmente lunghi. Spesso lavora per lunghe ore perché vuole compensare i giorni in cui improvvisamente ottiene del tempo libero.



Ci sono tre partner nella fonderia di plastica. Gli hanno chiesto se gli sarebbe piaciuto entrare come partner, ma il capitale iniziale richiesto era troppo alto.

Come tanti altri qui a Garbage City, anche Samuel vive al piano sopra l'officina. Ha un letto, una stufa, un divano e un tavolo. Spiega che la stanza è scarsamente decorata, ma non fa altro che dormire qui. Una luce intensa proviene dalla porta che conduce ad un piccolo balcone. Giù per terra c'è un porcile con una trentina di maiali. Russano e passeggiano nel fango.

Quando gli altri chiedono con cosa sta lavorando, dice materie prime. Non si spiega ulteriormente perché è abituato a molte persone che non sanno nulla del posto. Se continuano a chiedere, spiegherà.


L'IMPERO DEI RIFIUTI E I RIFIUTI SONO RISORSE NEL POSTO SBAGLIATO
Samuel dice che alcuni di Garbage City hanno venduto la loro proprietà qui e si sono stabiliti altrove al Cairo per continuare il lavoro di riciclaggio. La proprietà a Garbage City è diventata costosa. La ragione di ciò è che le proprietà vengono ereditate. Samuel stesso possiede tre case ad al-Minya.

Un giorno potrebbe venderli e investire in un'azienda e in un appartamento a Garbage City. Dopo aver lavorato qui per tre anni, conosce bene sia le persone che il luogo. Ma i prezzi stanno aumentando e non è sicuro se potrà mai permetterselo.

"Il tempo mostrerà. Mia moglie è incinta di otto mesi e sarebbe stato bello stare qui con i bambini», dice sognante. Gli piace l'idea che Garbage City sia piena di persone che creano il proprio lavoro e reddito. Se la vita non si svolge qui, avvierà comunque un'attività in proprio.

Molti ricercatori si sono recati a Garbage City per vedere come funzionano gli Zabbaleen. Uno di loro è Jamie Furniss, un antropologo dell'Università di Edimburgo. Il desiderio di Furniss era quello di documentare il mondo dei rifiuti e trovare modi alternativi di maneggiare oggetti obsoleti. La plastica riciclata può essere trasformata in sandali, appendini e coperte; pezzi di cotone usato possono essere riempiti in cuscini. Tanta materia può ritrovare la sua forma più pura: la materia prima.



Sono necessari nuovi metodi di riciclaggio. Uno degli obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite entro il 2030 è "ridurre sostanzialmente la produzione di rifiuti attraverso la prevenzione, la riduzione, il riciclaggio e il riutilizzo".

RIFIUTI O ORO?
“I raccoglitori di rifiuti sono spesso stigmatizzati. Rappresentano, secondo le persone e il governo, un simbolo di povertà e "arretratezza", spiega Furniss. Secondo Furniss, tuttavia, molte organizzazioni di sviluppo e osservatori esterni considerano i raccoglitori di rifiuti del Cairo innovatori e imprenditori. Crede che le abilità e i metodi dello Zabbaleen ispirino soluzioni alternative al consumo eccessivo e alla società dello scarto di oggi. Furniss afferma che il termine "spazzatura" esiste nel vocabolario Zabbaleen, ma poiché quasi tutto ha un valore, si applica solo a una categoria residua limitata di oggetti, non a ciò a cui la maggior parte delle persone si riferisce quando usa la parola.

“Gli Zabbaleen hanno sviluppato diversi modi innovativi per riutilizzare o elaborare i materiali. Una parte della mia ricerca ha esaminato i nuovi tipi di macchine per il riciclaggio che hanno adattato da tecnologie importate dall'estero o che hanno progettato loro stessi".

“Tuttavia, i metodi Zabbaleen non sono necessariamente trasferibili all'ingrosso. Mancano misure sanitarie e di sicurezza. E soprattutto, lo smistamento manuale a grana molto fine su cui si basa il sistema Zabbaleen non è replicabile in ambienti in cui i salari sono più alti. Sebbene sia possibile guadagnarsi da vivere al Cairo facendo questo lavoro, non guadagnerai necessariamente uno stipendio vivibile altrove”.

Tuttavia, Furniss ritiene interessante osservare come società e culture diverse gestiscono i rifiuti.

“Abbiamo la tendenza a prendere le distanze dalla spazzatura. Ciò non funzionerà a lungo termine poiché continuiamo a spostare il problema in giro", afferma. La sera si avvicina e una sfumatura rosa si posa sulla città del Cairo. I camion pieni di rifiuti sono in fila, pronti per entrare nel quartiere. Domani deve essere sistemato. Gli Zabbaleen si guadagneranno da vivere e quattro quinti dei materiali verranno per guadagnarsi una nuova vita.




Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie