31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Egitto: gli eventi pubblici sono stati ridotti, ai negozi hanno ordinato la chiusura tra gli appelli alle proteste

11-11-2022 09:46 - News
Fonti dicono a MEE che la polizia ha ordinato alle attività commerciali e agli eventi di cessare l'attività venerdì poiché le aree popolari in tutto il paese sono state trasformate in fortezze di sicurezza

La polizia egiziana ha ordinato la cessazione dell'attività di eventi pubblici e negozi in tutto il paese venerdì tra le crescenti richieste sui social media che esortano le persone a unirsi alle proteste antigovernative.

Middle East Eye ha appreso che sono state imposte restrizioni a impianti sportivi, centri giovanili, aziende, festival cinematografici e uffici del turismo.

In diverse città sono stati segnalati incidenti in cui la polizia ha ordinato ai proprietari di negozi di rimanere chiusi venerdì. L'unica eccezione è il vertice Cop27 attualmente in corso nella località del Mar Rosso di Sharm El-Sheikh.

Middle East Eye ha contattato cinque centri giovanili al Cairo, Giza, Luxor, Alessandria e Asyut e ognuno di loro ha rifiutato di accettare le richieste di prenotazione delle piazzole adducendo "motivi di sicurezza".

Secondo una fonte del ministero della gioventù e dello sport, tutti i centri giovanili e le attività sportive sono stati cancellati da giovedì sera a sabato a mezzogiorno.

I centri giovanili, con biglietti d'ingresso relativamente economici, sono popolari nei distretti della classe operaia.

“Il ministero ha distribuito la stessa dichiarazione a tutti i funzionari responsabili dei centri sportivi a livello nazionale. Tutti i campi e i centri giovanili saranno chiusi, in particolare quelli che affittano campi da calcio ai giovani", ha detto la fonte a MEE.

Le strette chiusure arrivano in risposta agli appelli sui social media per le proteste contro la crescente crisi del costo della vita.

Le forze egiziane hanno arrestato centinaia di persone nelle ultime settimane, alcune delle quali detenute per aver condiviso post o contenuti mediatici che incoraggiavano le manifestazioni.

Paura dei raduni sportivi
La restrizione degli impianti sportivi è particolarmente importante per le forze di sicurezza egiziane, ha affermato la fonte del ministero della Gioventù e dello sport. Nel settembre 2019, una partita di campionato di alto profilo ha contribuito ad alimentare rare proteste antigovernative.

All'inizio di questa settimana, l'associazione dei club di calcio egiziani ha posticipato due turni della Premier League egiziana, comprese le partite in programma venerdì. Il presidente dell'associazione ha citato come motivo l'ospitare il vertice Cop27.

Il governo teme che ciò che è successo nel 2019 si ripeta”, hanno detto a MEE le fonti del ministero. "Dato che attualmente migliaia di tifosi possono entrare negli stadi, le partite sono state rinviate".

Un rappresentante di un centro giovanile di Alessandria, situato nel popolare e animato quartiere di Sidi Gaber, ha detto a MEE che la struttura è stata trasformata in un parcheggio per i camion della sicurezza e in un campo improvvisato per soldati e agenti di sicurezza.

Al Cairo, l'area del centro - sede dell'iconica piazza Tahrir che ha visto l'inizio della rivoluzione del 2011 - è stata trasformata in una zona militare.

Decine di camion della polizia antisommossa carichi di militari e soldati della polizia sono stati schierati nelle piazze principali e vicino alle stazioni della metropolitana sotterranea.

Nella città di Suez, nota per il suo forte antagonismo con la polizia, la piazza al-Arbaeen è stata trasformata anche in una fortezza di veicoli blindati e polizia antisommossa.

Ordini della polizia
Oltre agli impianti sportivi, gli ordini di chiusura hanno colpito varie attività in tutto il paese.

Fawzy, una lavoratrice di un negozio di biancheria intima da donna nel centro del Cairo, ha detto a MEE che agenti di polizia in borghese sono venuti al loro negozio all'inizio di questa settimana e hanno ordinato loro di chiudere venerdì, nonostante fosse uno dei giorni più affollati della settimana per il negozio.

Saed Al-Shamy, un lavoratore di un'azienda turistica, ha detto a MEE che gli è stato chiesto di chiudere l'attività tra il 10 e il 12 novembre.

Un membro di un club di canottaggio privato a Giza ha anche detto a MEE che la struttura non sarà accessibile venerdì nonostante abbiano confermato le prenotazioni.

"Anche se abbiamo effettuato una prenotazione, il club ci ha detto che sarà chiuso dopo aver ricevuto ordini dalla polizia", ​​ha detto il membro del club, che non ha fornito un nome.

I membri dello staff del Cairo International Film Festival, che inizierà domenica, hanno ricevuto venerdì come giorno libero, hanno riferito due fonti a MEE.

"Tutti i membri dello staff hanno ricevuto il giorno libero venerdì in base agli ordini di sicurezza, soprattutto a causa della posizione critica della sede del festival", ha detto un membro dello staff del festival.

Il festival, che si svolgerà dal 13 al 22 novembre, sarà ospitato al Cairo Opera House, a 20 minuti a piedi da piazza Tahrir.

A più di 600 km a sud del Cairo, anche un lavoratore di un bar di Luxor ha segnalato ordini simili di chiudere venerdì.

"Molte persone sono nervose a Luxor, dato che centinaia di case sono state demolite nell'ultimo anno e molti vogliono partecipare alle proteste", ha detto Qassem, che ha dato solo il suo nome.

"Tuttavia, le persone sono terrorizzate".

Molti sui social media hanno affermato che ordini simili sono stati effettuati a ristoranti, caffè, centri commerciali e cinema.

Inoltre, l'Autorità meteorologica generale controllata dallo stato ha emesso allerte meteorologiche per giovedì e venerdì, citando possibili temporali con forti venti in diversi governatorati.

L'Egitto è stato testimone di una brutale repressione del dissenso da quando il generale diventato presidente Alaa Abd el-Fattah ha preso il potere con un colpo di stato militare nel 2013.

Sotto la sua amministrazione, il governo ha introdotto una legge sulle proteste che, secondo i gruppi per i diritti umani, criminalizza efficacemente le proteste e dà libero sfogo alle forze di sicurezza nell'uso eccessivo della forza contro i manifestanti pacifici.

Da allora, migliaia di persone sono state detenute e deferite a processi di massa con l'accusa di violazione della legge.

Nel settembre 2019, migliaia di persone hanno preso parte alle proteste anti-Sisi in tutto il paese, le più grandi proteste dal 2013. Le forze di sicurezza hanno disperso le proteste con la forza e ne hanno arrestate migliaia, compresi bambini.

Fonte: MIDDLE EAST EYE

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie