04 Febbraio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

FMI cerca 'uno spostamento dei tassi di cambio flessibili' in Egitto dopo la fine di dicembre

21-12-2022 07:38 - News
Il FMI cercherà "un passaggio da parte dell'Egitto a un tasso di cambio flessibile" una volta che il sistema di lettere di credito per il finanziamento delle importazioni sarà gradualmente eliminato entro la fine di dicembre, ha dichiarato Vladkova Hollar, capo della missione del FMI per l'Egitto, in un'intervista a Reuters lunedì.

"Un passaggio permanente a un regime di tassi di cambio flessibili" è una delle misure incluse nel pacchetto di 46 mesi dell'Extended Fund Facility (EFF) di 3 miliardi di dollari approvato venerdì dal Consiglio esecutivo del FMI per l'Egitto.
Il governo egiziano ha chiesto il nuovo prestito del FMI a marzo per affrontare i gravi impatti della guerra russo-ucraina sull'economia del paese. La guerra ha portato a un calo delle riserve di valuta estera e pressioni al ribasso sulla sterlina egiziana.

Da allora, il governo ha fluttuato il tasso di cambio due volte per attrarre valuta estera. A febbraio, il governo ha introdotto nuove regole che obbligano tutti gli importatori a utilizzare lettere di credito per finanziare le loro importazioni in luogo del precedente sistema di riscossione in vigore da molti anni.

Le nuove regole sono state accolte dalle obiezioni di alcuni importatori che hanno affermato che avrebbero rallentato le catene di approvvigionamento e aumentato i costi di produzione, portando così a un'inflazione più elevata.

A maggio, il presidente Abdel-Fattah El-Sisi è intervenuto ordinando al governo di escludere dal sistema delle lettere di credito gli importatori di forniture di produzione e materie prime.

A ottobre, il governo ha annunciato che il sistema di lettere di credito sarebbe stato gradualmente eliminato entro la fine di dicembre. Hollar ha affermato che una volta revocato il requisito della lettera di credito, "ciò che ci aspetteremmo di vedere è una volatilità giornaliera del tasso di cambio simile alla volatilità osservata in regimi di cambio veramente fluttuanti". "Sappiamo che la banca centrale non è intervenuta per iniettare riserve nel mercato dei cambi da quando abbiamo raggiunto un accordo a livello di personale.

Ma sappiamo anche che l'arretrato delle importazioni non è stato cancellato", ha detto Hollar a Reuters. Martedì il dollaro USA è stato scambiato per EGP 24,68 nelle banche egiziane. Un esborso immediato di circa 347 milioni di dollari nell'ambito del nuovo programma del FMI dovrebbe essere consegnato all'Egitto questa settimana, secondo Hollar.

Nel corso del programma, il FEP dovrebbe catalizzare ulteriori finanziamenti per circa 14 miliardi di dollari dai partner internazionali e regionali dell'Egitto.

L'Egitto ha ricevuto due prestiti del FMI negli ultimi sei anni.

Nel 2016, l'Egitto ha ricevuto un prestito del FMI del valore di 12 miliardi di dollari per il suo programma di riforme economiche che si è concluso nel 2019.

Nel 2020, l'Egitto ha anche ricevuto due prestiti del FMI per un valore di circa 8 miliardi di dollari per affrontare le sfide poste dal COVID-19.


Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie