24 Giugno 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Follia del Dollaro

10-02-2024 07:26 - News

La scorsa settimana le persone in tutto il paese sono rimaste sbalordite dai forti aumenti dei prezzi alimentari.

Il prezzo di un chilogrammo di carne bovina è aumentato di 30 LE a 50 LE, arrivando a 370-450 LE lo scorso giovedì, a seconda della città o della regione. Fino ad allora, costava 290 LE nei quartieri popolari e nei punti vendita governativi o 350 LE nei negozi più esclusivi.

La stessa cosa è accaduta al pollo. Le fettine di petto sono salite a 220-250 LE al chilogrammo rispetto ai 160-180 LE della settimana precedente, ancora una volta a seconda del quartiere. Anche i prodotti lattiero-caseari sono stati colpiti, con i prezzi del latte confezionato che sono saliti di 7 LE per arrivare a 50 LE al litro.

Said Zaghloul, membro della Divisione dei Macellai della Camera di Commercio di Giza, attribuisce il fenomeno alla corrente carenza di dollari. La valuta forte è necessaria per importare materie prime o altri input utilizzati nella produzione alimentare, ha detto. Commercianti e produttori con i mezzi necessari a volte ricorrono al mercato nero per ottenere dollari ad un tasso di cambio che di recente ha raggiunto i 75 LE per dollaro.

"Il prezzo della carne è salito di 100 LE in alcuni luoghi", ha detto Zaghloul. "Dipende dal macellaio e da quanto deve pagare per l'affitto e la manodopera. Alcuni macellai potrebbero anche dedurre il grasso in eccesso dal prezzo, mentre altri passeranno una percentuale dei rifiuti ai clienti."

Secondo Zaghloul, le cattive politiche agricole e di produzione alimentare sono da biasimare. Hanno portato a una forte dipendenza da merci importate, mettendo i consumatori alla mercé della disponibilità di dollari.

Secondo rapporti stampa, le aziende di alimenti per animali in Egitto hanno iniziato a vendere mais da mangime e soia a commercianti e distributori in dollari. Il mangime importato ha subito di recente successivi aumenti di prezzo sul mercato locale poiché gli importatori lottano per far fronte all'aumento dei costi di spedizione.

La scorsa settimana, diversi produttori e importatori di mangimi si sono incontrati con commercianti locali per discutere dell'opzione di vendere foraggio, e in particolare mais da mangime, sul mercato locale in dollari o euro, hanno riferito funzionari dell'industria e del governo ad Asharq Business.

I prezzi del mangime hanno raggiunto livelli record a causa della crescente domanda e della scarsità di offerta. Il costo del mais da mangime è aumentato del 48 per cento a gennaio rispetto a dicembre, arrivando a 20.000 LE per tonnellata.

Gli aumenti dei prezzi sono collegati all'aumento del prezzo del dollaro nel mercato nero, a cui gli importatori sono costretti a ricorrere per ottenere la valuta forte di cui hanno bisogno. Le banche hanno annunciato che non metteranno a disposizione dollari agli importatori, ha detto Matti Bishai, capo del Comitato per l'Approvvigionamento e il Commercio Interno della Divisione Generale degli Importatori presso la Federazione delle Camere di Commercio Egiziane (FECOC).

Recenti rapporti stampa suggeriscono che le banche hanno contribuito all'aumento del costo del dollaro nel mercato nero quando hanno annunciato di fornire dollari ai clienti per soddisfare le loro esigenze di importazione con una commissione del 10 per cento dell'importo in dollari.

Questa condizione ha spinto gli importatori a precipitarsi sul mercato nero per soddisfare le loro esigenze di dollari.

L'Egitto soffre di una crisi del dollaro fin dall'inizio della guerra in Ucraina due anni fa, che ha interrotto le catene di approvvigionamento delle merci e ha fatto aumentare i prezzi. La guerra israeliana in corso a Gaza ha aggravato la crisi, specialmente a causa dei suoi impatti sulla navigazione nel Canale di Suez e sul turismo.

Un nuovo accordo con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) potrebbe contribuire a compensare alcune delle difficoltà attuali.

La banca d'investimento statunitense Goldman Sachs ritiene che l'Egitto stia per concludere un accordo di finanziamento da 12 miliardi di dollari con il FMI, composto da circa 7 miliardi di dollari dal FMI e altri 5 miliardi di dollari da partner internazionali.

Ha detto che l'Egitto guarda a un gap finanziario di 25 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni. Il paese avrebbe bisogno di 8 miliardi di dollari per soddisfare i propri debiti e altri 17 miliardi di dollari per ripristinare le performance del mercato dei cambi esteri e rafforzare la fiducia nella sterlina egiziana, con l'accordo di finanziamento da 12 miliardi di dollari che coprirebbe quasi la metà del gap.

"Fintanto che ci sono due tassi di cambio per il dollaro e nessun canale ufficiale per soddisfare le esigenze di valuta forte degli importatori, questi ultimi rimarranno alla mercé del mercato nero e i prezzi continueranno a salire", ha detto Bishai.

Un'altra svalutazione della sterlina non risolverà il problema. "Fintanto che i dollari non sono disponibili agli importatori, la crisi continuerà. La disponibilità di dollari è la chiave per mettere sotto controllo i prezzi", ha aggiunto.

Bishai non si aspetta che i prezzi diminuiscano nel breve termine se il prezzo del dollaro scende nel mercato nero. I commercianti hanno già pagato le loro importazioni in base al tasso più alto, quindi non ridurranno i prezzi per i consumatori, ha detto, aggiungendo che ciò potrebbe cambiare se potessero effettuare i loro prossimi acquisti a tariffe più economiche.

Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie