19 Aprile 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

GLI EFFETTI INDIRETTI DELLA CRISI VALUTARIA EGIZIANA

26-03-2023 07:48 - News
Il mese sacro del Ramadan è noto per essere un momento di donazione. Durante i suoi giorni, coloro che possono, condividono ciò che possono risparmiare con chi è meno fortunato di loro sotto forma di donazioni.

Tuttavia, molti egiziani – in particolare quelli con reddito fisso come impiegati statali e pensionati – sono costretti a pensarci due volte prima di donare, ricorrendo a abitudini di spesa più austere per far fronte all'attuale situazione economica.

Negli ultimi mesi, la sterlina egiziana ha subito molteplici svalutazioni, attestandosi ufficialmente a 31 EGP per dollaro USA il 26 marzo, rispetto a 19 EGP per dollaro USA nel settembre dello scorso anno. Questa serie di svalutazioni è avvenuta a seguito di una cronica penuria di valuta forte, e ha provocato un aumento significativo del costo della vita, nonché una scarsità di merci importate.

Sebbene ciò abbia influito sul tenore di vita dei cittadini su tutta la linea, le famiglie e gli individui egiziani a basso e medio reddito hanno sopportato il peso maggiore dell'impatto. Ma a parte i punti di prezzo fuori portata e le merci importate non disponibili, parte dell'impatto sta innescando ricadute più profonde. Nel caso della beneficenza, l'effetto della svalutazione e dell'inflazione è triplice: in primo luogo, la durezza delle attuali condizioni economiche sta portando più persone ad aver bisogno del sostegno degli enti di beneficenza se possono ottenerlo.

In secondo luogo, ora meno persone hanno abbastanza da risparmiare per le donazioni, mentre è più probabile che coloro che donano riducano l'entità delle loro donazioni. In terzo luogo, l'aumento dei prezzi significa anche che gli enti di beneficenza, gli ospedali e altre organizzazioni stanno ottenendo meno profitti da queste donazioni.

Di conseguenza, meno persone potrebbero trarne vantaggio e coloro che ne beneficiano potrebbero ritrovarsi a beneficiare in modo meno significativo, in termini di qualità o quantità. Questo non è l'unico esempio della diffusione della ricaduta della crisi valutaria e dell'inflazione. Mentre la carenza di valuta estera ha portato alla scarsità di alcuni articoli di lusso come cibo e abbigliamento di marca, ha colpito anche altri beni più critici.

La scarsità di articoli importati come prodotti farmaceutici e altre necessità mediche, ad esempio, contribuisce a peggiorare la qualità generale della vita dei cittadini. Lo stesso vale per i pezzi di ricambio per auto e per gli elettrodomestici.

L'inflazione in corso ha anche ridotto il potere d'acquisto degli acquirenti, il che significa che non sono in grado di acquistare tanto quanto prima, esercitando ulteriore pressione sulle imprese. Le imprese più affermate e resilienti possono uscire da questa crisi con la testa fuori dall'acqua, ma le strategie per attenuare l'impatto possono includere ridimensionamenti e licenziamenti, tagliando potenzialmente il reddito dei cittadini che stanno già vivendo il peggio della situazione.

Nel frattempo, le imprese più piccole, in particolare quelle che dipendono da beni o servizi importati, devono affrontare una maggiore incertezza e alcune potrebbero persino scoprire che la chiusura definitiva è l'unica opzione rimasta.

I piccoli venditori, che vivono di piccole vendite quotidiane, affrontano condizioni ancora più dure. Tutto questo non vuol dire che tutti gli effetti indiretti siano necessariamente negativi. La svalutazione della sterlina egiziana rispetto alle valute estere ha anche reso l'Egitto più accessibile a coloro che vivono all'estero.

Gli egiziani che guadagnano il loro reddito all'estero possono trovare un viaggio a casa più facile da realizzare in un momento come questo, mentre c'è un potenziale vantaggio economico nel prezzo dell'Egitto come destinazione per le vacanze che diventa più competitivo e allettante. Inoltre, l'accessibilità dei beni prodotti localmente può attirare gli acquirenti stranieri, dando alle esportazioni egiziane una spinta a diventare più competitive.

Tuttavia, questi aspetti positivi sono una goccia nel secchio per gli egiziani che non hanno accesso ai beni essenziali o affrontano l'incertezza nel loro impiego, alle prese con le difficoltà quotidiane e gli effetti sproporzionati della crisi valutaria in corso. Così come i tempi economici favorevoli non sempre diffondono i loro benefici in modo uniforme tra i diversi segmenti della società, i danni dei periodi economici difficili colpiscono sempre alcuni più gravemente di altri.

Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie