04 Febbraio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Horus City: cosa devi sapere sulla "Manhattan" Egiziana

26-08-2022 08:59 - News
Nelle ultime settimane, le proteste hanno avuto luogo sull'isola egiziana di Warraq, portando a molteplici arresti.
Le proteste sono scoppiate in seguito alle mosse per sfrattare ancora una volta i locali.

I recenti sgomberi hanno riacceso le polemiche sulla gentrificazione, accresciute dall'annuncio del governo che l'isola di Warraq sarebbe stata trasformata in un quartiere di lusso noto come isola di Horus. “Le foto non sono di Manhattan! Riesci a credere che siano in realtà i progetti per la città egiziana di Horus", ha pubblicato il Servizio informazioni statale egiziano, evidenziando i piani del governo per hotel a sette stelle e distretti commerciali nell'isola di Warraq, situata nel governatorato egiziano di Giza, a pochi chilometri dall'opulenta isola egiziana di Zamalek .

COS'È HORUS CITY?
Uno dei megaprogetti ambiziosi del paese, Horus City prende il nome dall'antico simbolo egizio "l'occhio di Horus" a causa della forma simile dell'isola se vista dall'alto. Con una superficie di 6,36 chilometri quadrati, il progetto mira a trasformare l'isola di Warraq in un quartiere di lusso per scopi commerciali e residenziali. Il costo di sviluppo dovrebbe raggiungere i 17,5 miliardi di EGP (914,3 milioni di dollari). Secondo studi governativi, si stima che un fatturato annuo di 20,4 miliardi di EGP (1,06 miliardi di dollari) sarà raggiunto nel corso dei 25 anni successivi alla costruzione della città.

La pianificazione urbanistica della città è suddivisa in otto quartieri degli affari, un quartiere commerciale e un quartiere residenziale di lusso. Inoltre, la città includerà un centro culturale, un parco centrale e spazi verdi, due porti turistici e una passerella turistica lungo il fiume Nilo.

Il parco centrale, noto come Horus Gardens occuperà circa 620 acri, che equivale a quasi la metà della superficie totale dell'isola. L'isola conterrà anche il distretto della Horus Tower, un progetto chiave circondato da una sala conferenze, hotel a sette stelle, complessi commerciali e una pista di atterraggio per elicotteri.

Ambizioso e grandioso nel concetto, lo scopo più critico del progetto è garantire la rimozione di baraccopoli, insediamenti informali e potenziali rischi ambientali per il Nilo. Per i residenti dell'isola di Warraq, per loro non ancora Horus, è una lotta contro lo sfollamento.

QUAL È IL PROBLEMA CON WARRAQ?
Warraq è un distretto del Governatorato di Giza che comprende Warraq Al-Arab, Al-Hatra e l'isola di Warraq, con una popolazione totale di 391.000 abitanti. L'isola di Warraq ne ospita circa 100.000.

Le controversie riguardanti l'isola risalgono al 2000, quando l'ex primo ministro Atef Ebeid ha emesso un ordine per sequestrare l'isola per uso pubblico tra accuse di alloggi informali e danni ambientali. Tuttavia, l'ordine di Ebeid è stato annullato nel 2002 da una sentenza del tribunale a seguito di un'azione legale da parte dei residenti dell'isola. Le intenzioni del governo di riqualificare Warraq sono state riprese nel 2010, con l'obiettivo di rinominare l'isola in Horus City, un quartiere di lusso, ed eliminare le abitazioni illegali costruite negli anni precedenti. La rivoluzione del 2011 ha temporaneamente interrotto il progetto di rebranding di Warraq, che è poi ripreso nel 2017: una ripresa piena di polemiche, repressioni e vittime, un parallelo agli sfratti in corso dal 15 agosto 2021.

Simile alla crescente campagna di sfratto avvenuta nel 2017, al governo vengono poste domande sull'attuale repressione e sulle ragioni alla base.

Quando è stato interrogato per la prima volta sulla questione nel 2017 a seguito di segnalazioni di vittime e arresti, il presidente Abdel Fattah Al-Sisi ha risposto alle proteste dei cittadini in una conferenza stampa pubblica. "Quando l'isola è originariamente designata come terreno agricolo e si inizia a vedere alloggi informali, il governo deve agire […]

Vogliamo progredire come stato o continueremo a consentire una pianificazione informale senza regolamentazione", Al- Sisi ha spiegato in riferimento all'aumento dell'abusivismo edilizio a Warraq. “Il Paese è stato troppo negligente in passato, soprattutto negli ultimi sette anni. Di conseguenza, lo sviluppo informale che si è verificato è diventato un ostacolo più grande da affrontare".

DOVE ANDRANNO LE PERSONE DI WARRAQ?
Il governo aveva precedentemente promesso il rimborso o il trasferimento direttamente a ciascuna famiglia residenziale dell'isola durante gli scontri del 2017.

Nel 2017, rispondendo ai tentativi del governo di risarcire gli abitanti di Warraq per evacuare dall'isola, il membro del consiglio locale di Warraq Yehia Al-Maghraby ha affermato che i residenti possiedono legalmente il terreno su cui è costruito, guadagnandosi il diritto di rimanere.

“Lo stato possiede solo 62 acri dell'isola e 1500 acri sono di proprietà dei residenti. Preferiremmo morire piuttosto che lasciare la nostra terra", ha proclamato El-Maghraby nel 2017, poco dopo la formazione di un comitato tra le autorità e i residenti di Warraq per raggiungere un compromesso.

Avanti fino al 2022, e le stesse promesse vengono ripetute dal governo egiziano. In una conferenza stampa pubblica, il ministro egiziano per l'edilizia abitativa, Assem Al-Gazar, ha affermato che lo stato sta rimborsando i residenti di Warraq per un costo di sei miliardi di EGP (313 milioni di dollari), con già il 71% della terra acquistata.

Al-Gazar ha inoltre sottolineato che i piani di urbanizzazione dell'isola vengono condotti in collaborazione con gli abitanti dell'isola e che ci sono opportunità di trasferimento se necessario. "Il governo sta intervenendo per sviluppare l'isola di Warraq come parte del piano globale dello stato per lo sviluppo di aree pericolose e baraccopoli", ha spiegato Al-Gazzar durante la conferenza stampa, facendo eco agli stessi sentimenti della dichiarazione di Al-Sisi nel 2017.

La riqualificazione dell'isola di Warraq è uno dei tanti progetti a livello nazionale dell'Egitto che mirano a eliminare i bassifondi e rilanciare la pianificazione urbana. Il governo egiziano ha identificato 357 "aree non sicure" che richiedono sviluppo.

A novembre 2021, 322 dei 357 sono stati sviluppati secondo il Fondo di sviluppo urbano. Degli slum trasformati in città ad alto reddito, come Warraq, i residenti vengono trasferiti in una delle comunità di alloggi sociali finanziate dalla Banca mondiale egiziana.


Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie