31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Il fallimento delle proteste dell'11/11 è uno schiaffo ai Fratelli musulmani: Ibrahim Eissa

12-11-2022 15:12 - News
Le strade tranquille e pacifiche di venerdì 11 novembre sono state uno schiaffo in faccia ai Fratelli Musulmani, ha osservato il conduttore di Media, Ibrahim Eissa, commentando il fallimento dell'appello della confraternita alle proteste in quella data.

Durante il suo talk show “Hadith al-Qahira” (Il discorso del Cairo) sul canale “al-Qahira wal Nas” (Il Cairo e il popolo), Eissa ha affermato che il mondo deve conoscere il grave e residente fallimento di MB, che secondo lui sono emotivamente e mentalmente isolato dal funzionamento della società egiziana.

Eissa ha aggiunto che l'incapacità della MB di scendere in piazza per manifestare l'11/11 rafforza la stupidità politica che ha guidato l'organizzazione sin dal suo inizio nel 1928.

Ha spiegato che la Fratellanza non comprende l'Egitto e gli egiziani e non può avere alcuna consapevolezza politica di alcun tipo.

“La Fratellanza è dedita al fallimento ed è alla ricerca di fragili ragioni per aggrapparsi alle illusioni per spiegare a se stessi come sono caduti in questa fossa dove gli egiziani hanno seppellito le loro speranze infrante e i loro sogni di un possibile caos in Egitto, e che il popolo egiziano possa rispondere a queste chiamate di alcune persone”.

Gli oppositori egiziani all'estero hanno chiesto proteste l'11 novembre contro il presidente Abdel Fattah al-Sisi, in linea con lo svolgimento del vertice delle Nazioni Unite sul clima a Sharm el-Sheikh.

Il giornalista e conduttore televisivo Ahmed Moussa ha presentato una registrazione audio attribuita al membro latitante dei Fratelli Musulmani Taher al-Sharqawy, in cui incita ad attaccare stazioni di polizia e strutture militari l'11 novembre, e ha anche presentato un'altra registrazione, in cui Sharqawy ha espresso sostegno ai musulmani Il piano della Fratellanza per formare “guardie rivoluzionarie” in Egitto.

Moussa ha presentato un'altra fuga di notizie, durante il suo programma "On My Responsibility" trasmesso sul canale Sada al-Balad, attribuito ai latitanti Mahmoud Wahba e Alaa al-Dhahiry. I due hanno parlato nell'audio del caos e degli schemi di sabotaggio in Egitto l'11 novembre.




Fonte: EGYPT INDEPENDENT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie