21 Febbraio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Il governo egiziano sta cercando di contrastare l'elevata domanda di dollari USA attraverso nuove fonti di valuta estera.

22-03-2023 13:14 - News
Il governo egiziano sta cercando di contrastare l'elevata domanda di dollari USA attraverso nuove fonti di valuta estera.

Uno di questi sforzi è la creazione di una società per gli espatriati egiziani per investire i propri risparmi in varie attività economiche nel mercato locale. Questo mira a ottenere un alto rendimento per loro e aumenta gli investimenti diretti.

Il governo egiziano sta anche lavorando per salvare il dollaro USA completando le fasi dei rapporti commerciali con la Russia in valute locali ed espandendosi per includere Cina e India.

Secondo una dichiarazione del ministro dell'Immigrazione, Soha Gendi, è stato fatto un accordo per costituire una società per azioni per gli egiziani all'estero, compresi i grandi investitori che hanno risposto a una richiesta di partecipazione alla costituzione, o piccoli investitori che desiderano preservare e sviluppare i propri risparmi. E il presidente della commissione per il piano e il bilancio del parlamento egiziano, Fakhry al-Feki, ha affermato che l'obiettivo di istituire la Egyptian Expats Investment Company è quello di offrire un'opportunità ai residenti all'estero o agli egiziani di altre nazionalità, il cui numero varia tra i 12 e i 14 anni. milioni in tutto il mondo – per iscriversi alla società per sviluppare i propri risparmi ed essere ancora legati al proprio paese d'origine.
Questo denaro sarà investito in offerte governative o altre opportunità di investimento in diverse aree, tra cui immobiliare, turismo, istruzione e sanità, ha spiegato Feki. Il governo egiziano intende offrire azioni di 32 società statali a investitori strategici o alla Borsa egiziana, come parte del suo piano di vendere asset per un valore di 40 miliardi di dollari entro quattro anni, per aumentare la partecipazione del settore privato nell'economia, e aumentare le entrate in valuta estera dello stato. Feki ha aggiunto che la Egyptians Expats Investment Company raggiungerà un interesse comune per i residenti all'estero per sviluppare i propri risparmi e ottenere un rendimento elevato.

Ha notato che molte società arabe sono entrate nel mercato egiziano e sono state in grado di raggiungere alti tassi di redditività, comprese le società emiratine e saudite che hanno investito nel settore immobiliare e nel settore bancario. Ha aggiunto che la società ottiene anche un ritorno per lo stato attirando investimenti esteri diretti, aggiungendo valore all'economia egiziana e aumentando le rimesse dagli egiziani all'estero, il che aumenta le riserve di valuta estera e risolve la crisi della carenza di dollari USA. L'Egitto sta affrontando una crisi nella carenza di valuta estera sulla scia dell'ondata globale di inflazione e della guerra russo-ucraina, che ha causato un aumento dei prezzi delle materie prime e ha portato ad un aumento della fattura delle importazioni.

Il governo sta cercando di superare questa crisi sviluppando le risorse in dollari USA provenienti dalle esportazioni, dalle rimesse dei lavoratori all'estero, dal turismo, dagli investimenti stranieri indiretti e dalle entrate del Canale di Suez, che sono rispettivamente le maggiori fonti in termini di entrate. Feki ha menzionato le opportunità di investimento disponibili in Egitto, compresi gli investimenti immobiliari in nuove città che vengono costruite in tutto il paese e i beni del governo nel centro della città dopo il trasferimento dei ministeri nel distretto governativo nella Nuova Capitale Amministrativa, le opportunità nel campo dell'istruzione in la creazione di scuole e università per servire la crescita della popolazione (poiché il numero della popolazione rappresenta circa un quarto della popolazione del mondo arabo) oltre alle opportunità turistiche, che vedranno una forte domanda con l'inaugurazione del Grande Museo Egizio.

L'Egitto sta costruendo 39 città come parte dei suoi piani per raddoppiare le aree abitate dal 7% al 14% per accogliere l'aumento della popolazione, come nelle città di New Alamein, New Mansoura, la nuova capitale amministrativa e New October. Il governo offre opportunità di investimento nello sviluppo di queste città, sia attraverso progetti residenziali, servizi, strutture commerciali e ricreative. Feki ha affermato che il capitale della Egyptians Expats Investment Company non è stato stabilito, né i piani di abbonamento e le aree di investimento della società, e il lavoro verrà svolto dopo la sua costituzione attraverso il consiglio dei fondatori, che comprende uomini d'affari che investono in vari settori all'estero. Ha sottolineato che la società potrebbe essere un'alternativa agli investimenti esteri indiretti (denaro caldo), che è una fonte aggiuntiva e sostenibile di dollari USA.

Il consiglio dei fondatori della Egyptians Expats Investment Company comprenderebbe uomini d'affari che lavorano in vari settori in diversi paesi. Feki, che in precedenza ricopriva la carica di esperto presso il Fondo monetario internazionale, stimava che il volume degli investimenti della società avrebbe raggiunto miliardi di dollari USA, incoraggiando gli egiziani all'estero a riversare gran parte delle loro entrate nella società per raggiungere un alto ritorno. Gli egiziani all'estero in media sono circa 12 milioni, ha aggiunto, e se si raggiunge un reddito medio di 1.000 dollari al mese, il reddito totale raggiungerà i 12 miliardi di dollari al mese. Se una parte di esso viene trasferita all'azienda, pomperà enormi investimenti ogni anno. Secondo una dichiarazione del ministero dell'Immigrazione, è stato firmato un protocollo tra i membri del consiglio dei fondatori per lanciare la Egyptians Expats Investment Company, e il protocollo includeva la visione e il piano d'azione dell'azienda, la posizione legale e altri dettagli di base.

Nel frattempo, un membro della Camera dei rappresentanti e membro della Camera del grano della Federazione delle industrie egiziane, Magdy al-Walili, ha affermato di aver precedentemente chiesto nelle riunioni parlamentari che il governo dovrebbe discutere l'attivazione di accordi reciproci con i paesi che rappresentano un grande quota di scambi commerciali con l'Egitto, per allentare la pressione sulla domanda di dollari USA. Ha aggiunto che lo stato attribuisce attualmente importanza ai settori agricolo e industriale, il che gli consente di beneficiare di questi accordi per aumentare le sue esportazioni e importare materie prime e prodotti di base dall'estero, lodando l'interesse del governo a studiare questo suggerimento con la Russia e altri scambi commerciali partner. Le importazioni dell'Egitto sono aumentate di $ 5,3 miliardi nel 2022, raggiungendo un record di $ 94,5 miliardi, la Cina è arrivata in testa con $ 14,4 miliardi e la Russia si è classificata al quarto posto con $ 4,1 miliardi, secondo una dichiarazione dell'Agenzia centrale per la mobilitazione pubblica e le statistiche.

Walili ha sottolineato che l'Egitto aveva precedentemente applicato il meccanismo del mutuo accordo nei rapporti commerciali con l'Iraq ed esportato a Baghdad alluminio, filatura e tessitura e medicinali in cambio dell'importazione di fosfati, datteri, petrolio e bitume, e questo materiale è ampiamente utilizzato nel mercato locale di pavimentazioni stradali. Ha sottolineato che questo meccanismo può essere utilizzato anche negli scambi commerciali con i paesi africani in cambio dell'importazione di carne e cereali da loro. I prodotti petroliferi sono in cima alla lista delle prime 10 materie prime importate dall'Egitto lo scorso anno, per un valore di 7,3 miliardi di dollari. Ha anche importato petrolio greggio per un valore di $ 4,4 miliardi e grano per un valore di $ 4,2 miliardi durante lo stesso anno. I prodotti petroliferi sono in cima alla lista delle merci importate dall'Egitto lo scorso anno, per un valore di 7,3 miliardi di dollari.

L'Egitto ha anche importato petrolio greggio per un valore di $ 4,4 miliardi e grano per un valore di $ 4,2 miliardi durante lo stesso anno. Walili ritiene che i settori tessile, alimentare e farmaceutico siano i settori più importanti che trarranno vantaggio dall'attuazione di questi accordi reciproci. Ha sottolineato che il governo sta prestando attenzione ai settori produttivi nel periodo in corso attraverso finanziamenti agevolati al tasso di interesse dell'11 per cento, licenze d'oro per il rilascio rapido delle autorizzazioni per l'avvio dell'attività e della produzione e altri incentivi fiscali per incoraggiare l'industrializzazione e approfondire la componente locale.

Walili ha stimato che l'Egitto risparmierebbe circa 15 miliardi di dollari all'anno attivando accordi reciproci con partner commerciali che rappresentano la quota maggiore degli scambi commerciali con l'Egitto, tra cui Russia, Cina e India. Ha affermato che i risparmi ottenuti con questi paesi possono contribuire a raggiungere la stabilità dei cambi e soddisfare le esigenze di importazione dei requisiti di produzione per l'industria. Restano da realizzare scambi commerciali tra Egitto e Russia in valute locali, due fattori; il primo sta collegando la Banca centrale d'Egitto con la sua controparte russa, e in secondo luogo, attivando accordi reciproci, secondo le dichiarazioni di Ali al-Moselhi, ministro dell'approvvigionamento.



Fonte: EGYPT INDEPENDENT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie