31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Il ministro del turismo annuncia che la fotografia di strada non richiederà più permessi

20-07-2022 06:58 - News
Il 18 luglio il ministro del Turismo e delle antichità Khaled El-Enani ha annunciato in un'intervista che il primo ministro, Mostafa Madbouly, gli ha chiesto di coordinarsi con le autorità statali e le agenzie statali per stabilire leggi che consentano la fotografia nelle strade e negli spazi pubblici.

El-Enani ha aggiunto nell'intervista telefonica al programma "El-Hekaya" trasmesso su MBC Egitto che tre tipi di fotografia devono essere esplicitamente consentiti.

Il primo riguarda gli egiziani che scattano foto in spazi pubblici, gli appassionati di fotografia e, infine, gli stranieri residenti in Egitto e i turisti. El-Enani ha sottolineato che potranno fare foto in pubblico senza permessi e che “nessuno potrà chiederti perché stai girando in pubblico”.

Il secondo tipo sono giornalisti e canali di notizie stranieri che dovranno ottenere i permessi tramite il Servizio informazioni statale. Il ministro ha anche dichiarato in onda che Diaa Rashwan, l'attuale presidente del Servizio di informazione statale, sarà incaricato di stabilire regole e regolamenti per fornire permessi a giornalisti e canali di notizie.

Il terzo tipo, ha proseguito El-Anani, è specifico per produttori cinematografici e cineasti. Il Ministro ha chiarito che il Ministero del Turismo e delle Antichità fissa a 50.000 EGP (2.642 USD) al mese i canoni per i cineasti locali che filmano all'interno dei siti archeologici e turistici egiziani, mentre ai cineasti stranieri verranno concesse licenze a “150.000 EGP (7.925 USD) ) al mese".

Per quanto riguarda la questione delle riprese in prossimità di scene o aree "poco lusinghiere", El-Enani ha risposto che "ne discuterà con il Consiglio dei ministri per una risposta più chiara, tuttavia le riprese saranno consentite, purché forniscano una licenza che spieghi perché fotografare in questa zona”. Il ministro non ha chiarito come tale previsione di una "licenza" sia coerente con le nuove regole che si applicano alle persone comuni e ai visitatori.

Nell'ultimo anno, ci sono state diverse denunce contro le autorità egiziane, con segnalazioni di forze di sicurezza che hanno confiscato telecamere e attrezzature cinematografiche alle persone nelle strade e le hanno interrogate in merito a licenze e permessi.

Ad aprile, il food blogger americano Sonny Side, ha dichiarato sul suo canale YouTube di cibo e viaggi, "Best Ever Food Review Show" (BEFRS), che "l'Egitto è uno dei posti peggiori per i registi". Ha aggiunto che il personale di sicurezza egiziano lo ha maltrattato durante le riprese di piatti egiziani, ha confiscato le loro macchine fotografiche e interrotto le riprese.

Dopo aver ricevuto pesanti contraccolpi, El-Enani ha affrontato questi problemi e le decisioni del Consiglio dei ministri di rettificare la situazione e allentare le restrizioni relative alle riprese pubbliche, affermando che questo "è il tipo di fotografia che vogliamo incoraggiare".




Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie