30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Il parlamento egiziano approva il disegno di legge che consente lo scambio di informazioni fiscali con altri paesi

19-12-2022 10:33 - News
Il disegno di legge in un articolo aggiungerebbe un paragrafo all'articolo 78 della legge sulle procedure fiscali unificate del 2020, che stabilisce che gli articoli 140 e 142 della legge della Banca centrale d'Egitto sulla segretezza dei conti bancari non impediranno alle banche di scambiarsi informazioni riservate sui dati personali conti dei loro clienti in conformità con gli accordi fiscali internazionali in vigore in Egitto.

Il ministro delle Finanze Mohamed Maait ha detto ai parlamentari che l'ambito del disegno di legge è limitato allo scambio di informazioni fiscali con gli Stati membri del Forum.

“Non è in alcun modo correlato alla violazione della segretezza dei conti dei cittadini egiziani con le banche”, ha affermato Maait, indicando che “la pandemia di coronavirus e le restrizioni ai viaggi nel 2020 e nel 2021 hanno portato a ritardare la preparazione del disegno di legge”.

"Ma in questo momento, il disegno di legge dovrebbe essere votato perché è una questione di obbligo internazionale per l'Egitto", ha detto Maait.

Il presidente della Camera Hanafi Gebaly ha anche indicato che "la portata dell'emendamento è limitata allo scambio di informazioni fiscali tra i 172 paesi membri del Forum con l'obiettivo di combattere le operazioni di evasione fiscale internazionale, i paradisi fiscali e le attività di riciclaggio di denaro".

Secondo un rapporto di 10 pagine preparato dalla Commissione Bilancio della Camera, l'emendamento di un articolo alla Legge sulle procedure unificate del 2020 è conforme all'accordo sul Forum globale per la trasparenza e lo scambio di informazioni a fini fiscali, a cui l'Egitto ha aderito nel 2016 .

"Questa conformità è necessaria affinché l'Egitto eviti di essere etichettato come uno stato fallito in termini di trasparenza finanziaria e lotta all'evasione fiscale e ai paradisi fiscali illegali", afferma il rapporto, chiarendo che "l'accordo del Forum richiede che i paesi membri modifichino le loro legislazioni per consentire scambio di informazioni a fini fiscali”. "Poiché il governo egiziano desiderava rispettare la valutazione periodica del Forum sulle prestazioni dei suoi paesi membri, il primo ministro Mostafa Madbouly ha deciso nel 2020 di formare un comitato per rivedere le legislazioni che dovevano essere modificate per rispettare gli obblighi del Forum", ha affermato capo della commissione per il bilancio Fakhri El-Fiqi.

"Da qui nasce l'emendamento di un articolo alla legge sulle procedure fiscali unificate del 2020 per dare all'autorità fiscale egiziana il via libera allo scambio di informazioni relative alle tasse con paesi stranieri e in un modo che non violerà le informazioni sui conti personali e depositi di locali cittadini con banche egiziane o divulgando i propri segreti industriali, commerciali e professionali”.

Il rapporto del Comitato ha rivelato che un gruppo di assistenza tecnica affiliato al Forum ha visitato l'Egitto lo scorso marzo e ha raccomandato di modificare la legge sulle procedure fiscali unificate per consentire lo scambio di informazioni tra gli Stati membri su tasse e conti bancari. "Il team ha indicato che la maggior parte dei 172 paesi membri del Forum ha compiuto questo passo, gli ultimi dei quali sono stati gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, che hanno già aderito alle raccomandazioni del Forum in questo senso", afferma il rapporto.

Il rapporto ha anche rivelato che “un nuovo team del Forum visiterà il Cairo nei prossimi giorni per determinare se l'Egitto si è mosso per osservare le raccomandazioni del Forum sulla trasparenza, e quindi è altamente necessario che l'Egitto ottenga una valutazione positiva per poter ottenere l'accesso alle linee di credito di istituzioni finanziarie internazionali”.

Il vice capo della commissione per il bilancio Yasser Omar ha affermato che "l'approvazione finale del disegno di legge da parte della Camera aprirebbe la strada all'Egitto per ottenere prestiti per 14 miliardi di dollari da istituti di credito internazionali".

Il disegno di legge, tuttavia, ha ricevuto un veemente rifiuto da un certo numero di parlamentari di sinistra che hanno affermato che "l'emendamento legislativo non è chiaro e non fornisce alcuna garanzia che porterà allo scambio di informazioni riservate sui conti bancari personali con paesi stranieri".


Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie