24 Giugno 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Il Tribunale Amministrativo Egiziano valuterà licenze Uber e Careem a giugno

16-05-2024 07:08 - News
Il Tribunale Amministrativo Egiziano considererà la causa riguardante l'annullamento delle licenze di Uber e Careem il prossimo giugno

Il Tribunale Amministrativo Giudiziario dell'Egitto è atteso per considerare una causa intentata da un avvocato che chiede l'annullamento delle licenze delle applicazioni Uber e Careem in Egitto, il prossimo giugno.

La causa accusa le due app di trasporto di violare le condizioni delle licenze rilasciate, dopo l'aumento dei crimini di rapimento ai quali donne e ragazze sono state esposte nei mesi scorsi da alcuni autisti.

La causa afferma anche che Uber e Careem hanno violato le regole e i regolamenti per il rilascio delle autorizzazioni operative ai conducenti dei veicoli previsti dalla legge.

La causa ha richiesto che le società di trasporto siano obbligate ad adottare sistemi di monitoraggio all'interno delle auto e collegarli al sistema interno delle aziende e del Ministero degli Interni, per monitorare il comportamento dei conducenti dall'inizio del viaggio alla fine, in modo che il viaggio sia sicuro, al fine di garantire la sicurezza e le vite dei cittadini.

Lo scorso febbraio, una ragazza chiamata Habiba Al Shamaa, conosciuta dai media come "la ragazza di al Shorouk", è stata annunciata morta dopo il peggioramento delle sue condizioni di salute.

Habiba è saltata fuori da un'auto Uber dopo aver temuto un tentativo di rapimento da parte del conducente che avrebbe spruzzato profumo all'interno dell'auto, facendola sentire minacciata.

Un testimone ha informato la polizia di aver osservato la ragazza aprire la porta posteriore dell'auto e saltare fuori. Prima di perdere conoscenza, avrebbe riferito al testimone oculare che il conducente aveva tentato di rapirla e aggredirla. Dal 21 febbraio, Habiba è rimasta incosciente, con una capacità cognitiva valutata 3 su 15 a causa di un'emorragia cerebrale.

Il conducente di Uber è stato inizialmente detenuto per quattro giorni in attesa di indagini su ordine del pubblico ministero. Successivamente, è stato imprigionato per oltre 15 giorni in attesa di indagini in corso.

Il conducente di Uber ha ammesso i crimini, sostenendo che quando ha chiuso i finestrini dell'auto e ha spruzzato il profumo, è stato sorpreso dalla ragazza che saltava fuori dall'auto. Tuttavia, ha continuato a guidare senza fermarsi per paura di ritorsioni o arresto.

Il Ministero degli Interni ha emesso una dichiarazione indicando che il Dipartimento di Polizia di Shorouk nella Direzione della Sicurezza del Cairo ha ricevuto una segnalazione da un ospedale di Shorouk in seguito al caso di Habiba. È stata ricoverata in ospedale in condizioni critiche con lesioni alla testa e un livello disturbato di coscienza.

Fonte: EGYPT TODAY

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie