04 Febbraio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

INTERVISTA: Mano nella mano per supportare lo sviluppo

10-06-2022 20:24 - News
Nella sua prima intervista da quando è entrato in carica, il rappresentante residente dell'UNDP in Egitto, Alessandro Fracassetti, spiega ad Al-Ahram Weekly gli sforzi dell'organizzazione per supportare l'Egitto nei suoi progetti di sviluppo, compreso l'adattamento ai cambiamenti climatici e il miglioramento della protezione ambientale.

Da quando ha assunto l'incarico nel novembre dello scorso anno, Alessandro Fracassetti, rappresentante residente del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) in Egitto, è stato impegnato con piani per aiutare l'Egitto ad affrontare il cambiamento climatico e il passaggio a un'economia verde.
Lo scorso fine settimana, e in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente, ha partecipato al lancio del programma Scaling Up Climate Ambition on Land Use and Agriculture (SCALA) in Egitto, che nei prossimi tre anni mira a sostenere l'azione trasformativa per il clima nell'uso del suolo e rafforzare la resilienza e la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici in 12 paesi in Africa, Asia e America Latina.

Pochi giorni prima, si è unito ai ministri dell'ambiente e del turismo, Yasmine Fouad e Khaled El-Enany, nel lanciare nuove linee guida per rafforzare lo sviluppo verde nel settore turistico egiziano. Il lancio della Strategia nazionale egiziana per il cambiamento climatico 2050 il mese scorso è stato anche salutato da Fracassetti come un modo per pianificare a lungo termine per affrontare il cambiamento climatico.

Questo è un must, ha detto, ed è per questo che è imperativo avere una strategia nazionale. Quasi la metà della popolazione mondiale è altamente vulnerabile agli impatti dei cambiamenti climatici, inclusi l'innalzamento del livello del mare, l'aumento della siccità e gli eventi meteorologici più intensi, e i cambiamenti climatici in tutto il mondo potrebbero portare alla povertà altri 100 milioni di persone. È quindi essenziale che tutte le nazioni abbiano strategie a lungo termine.

Questi possono servire come bussola o direzione per i paesi per impegnarsi in determinati obiettivi come disaccoppiare la crescita economica dall'uso dei combustibili fossili, ha affermato. In Egitto, l'UNDP è orgoglioso di aver supportato il Ministero dell'Ambiente nella stesura di tale strategia, ha aggiunto.

"È una pietra miliare importante per mostrare l'impegno dell'Egitto nell'azione per il clima subito prima della riunione della COP27 di novembre", ha affermato Fracassetti. Ha individuato un paio di punti sulla strategia stessa. In primo luogo, fornisce una guida per diversi settori, importante per mobilitare risorse dai partner nazionali e internazionali per l'azione per il clima.

Qualsiasi organizzazione a cui l'Egitto si rivolge per finanziare i suoi sforzi per affrontare il cambiamento climatico vorrà vedere la pianificazione o le direzioni nel settore correlato, ha osservato. In secondo luogo, riflette l'impegno del governo a unirsi agli sforzi globali per combattere il cambiamento climatico e la sua adesione ai contributi determinati a livello nazionale (NDC) concordati nell'accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici, parte di un piano d'azione per ridurre le emissioni e adattarsi al clima impatti.

Ciascuno dei 192 firmatari dell'accordo di Parigi è tenuto a istituire NDC e ad aggiornare il segretariato dell'accordo ogni cinque anni. Interrogato sul ruolo svolto dall'UNDP nell'aiutare l'Egitto a contrastare gli effetti del cambiamento climatico e facilitare l'accesso alle fonti di finanziamento, soprattutto in preparazione alla COP27,

Fracassetti ha indicato alcuni progetti attualmente in corso di attuazione con il governo, in primo luogo di cui l'installazione di impianti solari sui tetti. "Abbiamo installato impianti solari su 129 edifici, inclusi edifici privati ​​e statali", ha affermato. L'UNDP sta lavorando a questo progetto in 15 governatorati con una capacità totale di 11 Megawatt (MW) e un risparmio totale di elettricità di 17,6 Gigawatt (GW)/anno.

Sta anche dando una mano ai piani del governo per rafforzare i sistemi finanziari e di gestione di 19 aree protette in tutto il Paese, di cui due a Sharm El-Sheikh, dove si terrà la COP27, Al-Naqb e Ras Mohamed. In preparazione per la COP27, ha aggiunto, l'UNDP sta aiutando con una serie di progetti a Sharm El-Sheikh, inclusi due hotel in cui sono già stati installati pannelli solari e altri otto che hanno firmato contratti per l'installazione di pannelli solari per la generazione di elettricità.

Ci sono altri 10 hotel nella località del Mar Rosso che sono in attesa di firmare contratti simili, oltre all'installazione di energia solare nell'aeroporto e nell'ospedale principale di Sharm El-Sheikh. Concentrandosi su Sharm El-Sheikh, ha affermato Fracassetti, la città potrebbe diventare un modello della transizione energetica in Egitto e dare il buon esempio ad altre città da seguire.

"Sosteniamo anche il ministero degli Esteri con formazione, rafforzamento delle capacità, migliori pratiche e logistica per essere in grado di essere efficaci nella preparazione, nei negoziati e nella consultazione durante la COP27", ha aggiunto.

ALTRI PROGETTI
Facendo luce su altri progetti di lunga data in Egitto, Fracassetti ha indicato il progetto UNDP sul delta del Nilo. Nel 2007, l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), l'organismo delle Nazioni Unite per la valutazione della scienza relativa ai cambiamenti climatici, ha scritto che il delta del Nilo è una delle aree più vulnerabili quando si tratta di innalzamento del livello del mare e condizioni meteorologiche estreme.

La regione, ha detto Fracassetti, rappresenta più della metà delle attività economiche dell'Egitto attraverso l'agricoltura, le industrie e la pesca e contribuisce per il 20% al PIL egiziano. Di conseguenza, il governo ha collaborato con partner internazionali per trovare soluzioni per proteggere le aree vulnerabili del Delta e le persone le cui vite potrebbero essere colpite.

Con il sostegno del fondo delle Nazioni Unite per il clima verde, l'Egitto ha avviato il più ampio programma di adattamento nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) per creare 70 km di un sistema a dighe basse per proteggere la pianura del Delta dalle inondazioni costiere . Fornisce una soluzione basata sulla natura che funziona con elementi naturali e aiuta a proteggere la vita e i mezzi di sussistenza di oltre 17 milioni di persone, oltre ad aumentare il valore della proprietà. L'UNDP svolge anche un ruolo nell'aiutare il governo a realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite.

Fracassetti ha affermato che gli SDG richiedono trilioni di dollari per essere implementati, quindi non è possibile che il governo li realizzi da solo e richiede il supporto del settore privato. L'UNDP, ha aggiunto, considera gli SDG nel loro insieme, ma esorta ogni governo a stabilire le priorità in base alle proprie esigenze. Nel caso dell'Egitto, negli ultimi anni l'UNDP si è concentrato sull'area della lotta alla povertà.

In tal modo, dà la priorità alla crescita inclusiva, che guarda ai gruppi vulnerabili oa quelli che sono più a rischio di essere lasciati indietro. Sostiene il governo in aree come la creazione di posti di lavoro, la lotta alle disuguaglianze e il tentativo di garantire che nessuno venga dimenticato.

Un approccio alla creazione di posti di lavoro, ha spiegato Fracassetti, è stato realizzato in collaborazione con il governo e l'Agenzia per lo sviluppo delle piccole e medie imprese (MSMEDA) per fornire supporto finanziario e tecnico alle PMI in Egitto.

Attraverso questa partnership, l'UNDP è riuscita a erogare 2,9 milioni di LE, che ha aiutato 630.000 imprese e creato oltre 960 posti di lavoro. Solo nel 2019, il partenariato è riuscito a creare 260.000 posti di lavoro per alcuni dei gruppi più vulnerabili della società. Il numero dovrebbe raggiungere i 700.000 entro la fine del 2022. Fracassetti ha anche salutato l'iniziativa Decent Life dell'Egitto "come uno dei programmi di sviluppo più ambiziosi che conosciamo da qualsiasi governo per affrontare i villaggi poveri".

Nell'ambito dell'iniziativa, l'UNDP è coinvolto in due programmi. Ha avviato un programma finanziato dall'UE con il Ministero dello sviluppo locale per pilotare, modernizzare e decentralizzare i sistemi amministrativi locali in quattro governatorati, Fayoum, Beni Sweif, Luxor e Assuan. Il programma vale sette milioni di euro e copre un totale di 33 distretti. La prima fase comprende nove distretti inclusi nell'iniziativa.

La maggior parte dei restanti 24 distretti sarà inclusa nella seconda e terza fase.

L'altro programma è in corso di attuazione con il Ministero della Solidarietà Sociale per sostenere la componente di genere e di protezione sociale dei programmi Takaful e Karama (Solidarietà e Dignità) a sostegno dei gruppi vulnerabili, in particolare donne e persone con disabilità, per ottenere un migliore accesso al sociale -servizi di protezione. Il programma, finanziato dall'UE e dal Regno Unito, includeva 585 donne leader rurali che svolgono un ruolo influente nelle loro comunità.

Sono state formate nell'ambito del programma Waai (Awareness) per lo sviluppo della comunità, lanciato nel 2020, che mira a rafforzare la consapevolezza e la conoscenza su questioni come il matrimonio precoce, le mutilazioni genitali femminili (MGF), l'abbandono, le questioni relative alla salute e all'istruzione, i diritti delle persone con disabilità (PwDs), e l'empowerment economico delle famiglie emarginate più povere.

Un altro contributo dell'UNDP è il programma di lunga data avviato nel 2012 in collaborazione con la Rete egiziana per lo sviluppo integrato (ENID), una ONG, e il ministero della cooperazione internazionale per sviluppare opportunità di lavoro praticabili e sostenibili nell'Alto Egitto, in particolare per le donne.

In una successiva visita sul campo, Fracassetti si è recato al governatorato di Qena due settimane fa nell'ambito del programma.

“I beneficiari sono per lo più donne, comprese quelle che lavorano nelle fabbriche di abbigliamento e altre che hanno aperto le proprie piccole imprese. Aiutiamo le donne ad avviare le loro attività, formarle, trovare fondi per loro e collegarle al mercato", ha affermato. Ha anche menzionato la cooperazione dell'UNDP con il Consiglio nazionale per le donne (NCW).

"All'inizio di quest'anno, abbiamo prodotto insieme a UN Women e UNFPA il primo rapporto sulle donne vittime di violenza in Egitto", ha affermato, esprimendo la speranza che questo sia un lavoro di riferimento per i responsabili politici che soddisfano i bisogni di donne e ragazze con disabilità.

SFIDE
Alla domanda se l'UNDP ha trovato alcuni SDGs più impegnativi di altri,

Fracassetti ha ribadito che la sua organizzazione li considera nel suo insieme. L'UNDP formula i Country Program Documents (CPDs), piani quinquennali che lo guidano attraverso ciò che è più necessario e ciò che il governo e altri partner richiedono.

Nell'attuale CPD, che va dal 2018 al 2022, l'UNDP ha esaminato una serie di priorità, tra cui l'eliminazione della povertà, l'SDG1, l'accelerazione della trasformazione strutturale e la costruzione della resilienza alle crisi e agli shock in modo da non lasciare indietro nessuno.

Ciò significa anche adattamento ai cambiamenti climatici o qualsiasi cosa abbia a che fare con la prevenzione dei disastri e affrontare l'intera questione della resilienza, ha affermato. Fracassetti ha detto che i risultati dell'attuale CPD saranno svelati presto.

L'UNDP sta attualmente preparando il prossimo CPD dal 2023 al 2027. Per quanto riguarda l'innovazione strategica e la trasformazione digitale, Fracassetti ha fatto riferimento alle parole dell'amministratore dell'UNDP Achim Steiner durante il recente World Economic Forum di Davos.

“Il nostro futuro è digitale; se non ne fai parte, ne sei fuori", ha detto Steiner. Pertanto, la digitalizzazione non è qualcosa che può essere evitata e ha un impatto su tutti gli aspetti dello sviluppo.

In Egitto, ha detto Fracassetti, l'UNDP ha collaborato con il governo al processo di trasformazione digitale negli uffici postali, al servizio di milioni di cittadini. Circa 5.000 filiali che impiegano 50.000 dipendenti sono state dotate di funzioni di controllo interno per migliorare i sistemi di gestione e rischio. L'applicazione Yalla è stata inoltre lanciata per aiutare le persone ad accedere ai propri soldi online ed eseguire altri servizi.

Questo progetto, ha aggiunto, è molto importante in Egitto, dato che quasi la metà della popolazione non ha conti in banca.

Nell'ambito della digitalizzazione, insieme al Ministero delle Comunicazioni, ha spiegato Fracassetti, l'UNDP ha incoraggiato l'imprenditoria sociale che ha contribuito a creare nuovi posti di lavoro con 25.000 PMI e imprenditori sociali oltre a migliorare le loro competenze digitali.

Questi progetti hanno già raggiunto 30 milioni di persone attraverso una gamma di servizi online e offline. L'UNDP è la principale organizzazione delle Nazioni Unite che lotta per porre fine all'ingiustizia della povertà, della disuguaglianza e del cambiamento climatico. Fracassetti, cittadino italiano, ha iniziato il suo incarico di rappresentante residente dell'UNDP in Egitto nel novembre dello scorso anno.

Prima di allora era rappresentante residente in Azerbaigian.


Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie