29 Maggio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

L'Egitto intensifica gli sforzi per risolvere l'impennata dei prezzi dello zucchero.

22-12-2023 07:51 - News
L'Egitto si sta impegnando per risolvere l'impennata dei prezzi dello zucchero pompando quantità aggiuntive sul mercato e stipulando contratti per importare maggiori quantità di questa preziosa merce, come riportato da Asharq Business.

Il Ministero degli Approvvigionamenti ha annunciato in un post sulla sua pagina Facebook mercoledì di aver stipulato un contratto per importare 50.000 tonnellate di zucchero, previste per febbraio, con l'obiettivo di "rafforzare le riserve strategiche".

I prezzi dello zucchero in Egitto sono saliti di oltre il 50% a dicembre, con il prezzo di un chilogrammo che supera le 55 sterline nei mercati, a causa di alcuni commercianti che stanno accumulando la merce in previsione di un aumento dei prezzi da parte del governo.

Nel corso del 2023, l'Egitto ha registrato prezzi senza precedenti per le materie prime di base, come zucchero, riso, uova, latte, carne, legumi, verdure e frutta.

Ciò ha contribuito a un aumento dei tassi di inflazione nelle città nei primi nove mesi, prima di rallentare ad ottobre, registrando il 35,8% nell'ultimo anno su base annua dopo aver raggiunto il 38% a settembre, secondo l'Agenzia Centrale per la Mobilitazione Pubblica e le Statistiche.

Il Ministro degli Approvvigionamenti, Ali Al-Moselhi, ha annunciato in un post su Facebook che il ministero ha immesso sul mercato 245.000 tonnellate di zucchero e ha suggerito la presenza di ampie riserve nelle governatorati.

Ha confermato che il ministero continua a pompare grandi quantità, specialmente in vista della stagione della canna da zucchero in Egitto, che contribuirà a un aumento significativo della produzione e a una riduzione dei prezzi a livello globale.

La produzione di zucchero in Egitto raggiunge 2,8 milioni di tonnellate all'anno, mentre il consumo supera le 3,2 milioni di tonnellate. Il governo importa la differenza dall'estero in collaborazione con il settore privato.

Il governo ha prorogato il divieto di esportare zucchero per altri tre mesi a settembre, con l'eccezione delle quantità in eccesso rispetto alle esigenze del mercato locale.

Nel frattempo, il capo dell'Agenzia per la Protezione del Consumatore in Egitto, Ibrahim Al-Sijini, ha dichiarato in una conferenza stampa all'inizio di dicembre che l'Egitto non sta effettivamente affrontando una crisi dello zucchero.

Al-Sajini ha spiegato che l'attuale crisi di mercato non è dovuta a importazioni, mancanza di approvvigionamento o persino al tasso di cambio, ma è il risultato di "sfruttamento da parte dei commercianti".

Fonte: EGYPT INDEPENDENT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie