29 Maggio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

La crisi del cambio in Egitto terminerà presto?

21-11-2023 07:14 - News
Il primo ministro Mostafa Madbouly ha assicurato sabato che la crisi valutaria in Egitto è "transitoria" e si concluderà presto.

In un'intervista durante una conferenza stampa che si è svolta nel corso della sua ispezione a diverse fabbriche nella città del Decimo Ramadan, ha dichiarato: "La cosa più importante è ciò che viene dopo e la lezione che abbiamo imparato dalla crisi globale ed economica è che, come Paese, dobbiamo possedere le nostre capacità produttive e i nostri prodotti nella massima misura possibile."

Il primo ministro ha toccato ulteriormente l'argomento dell'industria in Egitto, assicurando che essa occupa la massima priorità nell'azione del governo, insieme agli sforzi per incoraggiare il settore privato a svolgere il suo ruolo di guida nell'economia egiziana nelle varie attività di sviluppo, in particolare nel settore industriale.

"Sosteniamo tutti gli industriali nazionali e stranieri, ogni fabbrica che produce a livello locale e riduce la spesa per le importazioni," ha dichiarato.

Altra svalutazione
Gli investitori stanno intensificando le loro scommesse che l'Egitto permetterà una forte caduta della sua valuta dopo le elezioni previste per dicembre.

Il mercato dei derivati finanziari legati agli asset egiziani, utilizzato per coprire rischi e per speculazione, sta tornando a prendere vita mentre i trader si preparano per la quarta svalutazione della valuta dal marzo 2022.

Gli analisti di Deutsche Bank e Morgan Stanley prevedono il fluttuare della valuta nel prossimo trimestre, mentre gli analisti di Société Générale si aspettano che avvenga dopo il breve periodo di scrutinio a dicembre.

L'Egitto ha svalutato la sua valuta locale tre volte dal marzo 2022, perdendo oltre il 50% del suo valore rispetto al dollaro.

Ha inoltre imposto restrizioni sulle importazioni, mentre le banche locali hanno sospeso l'uso delle carte di debito emesse in sterline fuori dal paese nel tentativo di fermare la fuoriuscita di valute estere.

Ripercussioni della crisi a Gaza
Il Fondo Monetario Internazionale sta valutando la possibilità di aumentare il programma di prestiti per l'Egitto, ammontante a 3 miliardi di dollari statunitensi, a causa delle difficoltà economiche derivanti dalla guerra tra Israele e Hamas.

La direttrice del FMI, Kristalina Georgieva, ha dichiarato in un'intervista a Reuters durante il Vertice di Cooperazione Economica dell'Asia-Pacifico che il conflitto sta distruggendo la popolazione e l'economia di Gaza e ha avuto ripercussioni sull'economia della Cisgiordania.

Ha aggiunto che ciò comporta difficoltà per i paesi limitrofi come Egitto, Libano e Giordania a causa delle perdite nelle entrate turistiche e dei costi elevati dell'energia.

Qualche giorno fa, un sondaggio condotto da Bloomberg da parte di persone informate sulla questione ha dichiarato che la visita attuale della Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen al Cairo mira a promuovere sforzi per sostenere lo sviluppo economico in Egitto e mitigare l'impatto della crisi attuale.

Secondo Bloomberg, l'Unione Europea prevede di proporre un piano di investimenti mirato a versare nove miliardi di euro (9,8 miliardi di dollari statunitensi) in settori come iniziative digitali, energia, agricoltura e trasporti, compreso un forum degli investimenti programmato per la prossima primavera.

La potenza dei bond
Nel frattempo, il governo egiziano ha emesso "Samurai" bonds sul mercato giapponese, del valore di 500 milioni di dollari per un periodo di cinque anni, con un rendimento annuale del 1,5 percento, secondo una dichiarazione del Ministero delle Finanze egiziano all'inizio di novembre.

Anche il Ministero delle Finanze di Panama ha emesso "Panda" bonds sul mercato cinese il mese scorso, equivalenti a 500 milioni di dollari per un periodo di tre anni con un tasso di interesse del 3,5 percento, secondo una precedente dichiarazione del Ministero delle Finanze.

Riduzione dell'inflazione
All'inizio di novembre, il Ministero delle Finanze è riuscito a organizzare nuovi finanziamenti per lo sviluppo del valore di 500 milioni di dollari per implementare progetti nel settore della salute e dell'istruzione, in una nuova partnership con Deutsche Bank, ABC Bank e la Corporation Arab Investment and Export Credit Guarantee (Daman).

La Banca Centrale ha ripreso l'adozione di un sistema di cambio flessibile, dopo essersene allontanata negli anni della crisi del Coronavirus - nel 2020 e nel 2021 - al fine di ristabilire la fiducia del Fondo Monetario Internazionale e ottenere un prestito per finanziare il programma di riforma economica dell'Egitto.

L'Agenzia Centrale per la Mobilitazione e le Statistiche ha annunciato precedentemente che il tasso di inflazione nelle città si è ridotto al 35,8 percento a ottobre 2023 rispetto al 38 percento di settembre, mentre il tasso di inflazione annuale complessivo in Egitto è diminuito nel mese di ottobre al 38,5 percento rispetto al 40,3 percento di settembre.

Il tasso di inflazione di base annuale preparato dalla Banca Centrale è sceso al 38,1 percento a ottobre rispetto al 39,7 percento di settembre 2023, per la quarta volta consecutiva.

In circa 20 mesi, la Banca Centrale ha aumentato il tasso di interesse del 11 percento in sei occasioni - l'ultima delle quali è stata dell'1 percento ad agosto - raggiungendo il 19,25 percento per i depositi e il 20,25 percento per i prestiti, con l'obiettivo di ridurre il tasso di inflazione.

Gli esperti si esprimono
Il Presidente della Commissione Plan e Budget della Camera dei rappresentanti, Fakhri al-Fiqi, ha confermato la possibilità di ottenere questo aumento per il programma dell'Egitto tramite prestiti concessi dal fondo, a seguito delle ripercussioni della guerra di Gaza sull'Egitto e sulla sua economia.

Ha aggiunto che ciò è evidente soprattutto con l'impatto del turismo nel Sinai, oltre all'aumento dei prezzi del petrolio a livello globale e le sue ripercussioni, la diminuzione del gas israeliano importato in Egitto a causa di ciò a cui è esposto il campo di Tamar, e l'aumento del rischio nella regione che riduce la capacità dell'Egitto di attrarre più investimenti.

Al-Fiqi ha spiegato che il programma di prestiti può essere aumentato attraverso due metodi, ovvero il finanziamento prolungato o la fornitura di finanziamenti eccezionali attraverso finanziamenti di resilienza e sostenibilità, che il fondo ha permesso agli Stati membri che ne hanno bisogno di richiedere.

Ha sottolineato che l'Egitto è idoneo a questo, specialmente perché ha un buon programma e un record positivo con il fondo e non ha mai mancato agli obblighi nei suoi confronti in precedenza.

L'ex capo dell'Autorità di Supervisione Finanziaria, Sherif Samy, ha affermato che le ultime settimane hanno messo in luce il ruolo regionale dell'Egitto, ricordando il suo peso e l'importanza della rete di relazioni che ha intessuto nel corso di decenni con varie parti.

Di conseguenza, ci si aspetta di vedere un aspetto positivo rappresentato da una maggiore flessibilità e una risposta più rapida da parte delle istituzioni internazionali per soddisfare le esigenze di finanziamento e sostenere le iniziative economiche del paese, ha aggiunto.

L'esperto bancario Mohamed Abdel-Al ha dichiarato che il governo sta attualmente studiando soluzioni al di fuori del fondo per aumentare le riserve di valuta estera, poiché l'Egitto soffre di una lacuna in questo settore.

Ha notato che la lacuna annua media varia da 13 a 15 miliardi di dollari durante il periodo di tre mesi.

Nei prossimi anni, la lacuna nelle riserve di valuta estera raggiungerà i 55 miliardi di dollari, il che ha indirizzato lo stato, al momento attuale, a cercare di fornire valuta estera in diversi modi, ha aggiunto.

Abdel-Aal ha spiegato che l'Egitto sta cercando attualmente di preservare le riserve di valuta estera per aumentare la sua crescita nell'ambito degli sforzi per pagare i suoi obblighi in dollari, poiché la riserva estera ha raggiunto i 35 miliardi di dollari dopo il pagamento di tutti gli obblighi annuali.

Fonte: EGYPT INDEPENDENT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie