04 Febbraio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Lancio del turismo climatico in Egitto

27-08-2022 09:12 - News
Molti siti archeologici e del patrimonio in Egitto testimoniano l'impatto del cambiamento climatico sulla civiltà umana e potrebbero essere riuniti in un nuovo tipo di turismo.

L'attuale situazione degli effetti deleteri dei cambiamenti climatici in tutto il mondo è pericolosa e richiede un'indagine approfondita di eventi critici simili nella storia remota e più recente dell'umanità.

Gli archeologi e gli storici si sono occupati per decenni di come il cambiamento climatico in passato abbia influenzato il corso della civiltà umana.

In Egitto, dove nel novembre di quest'anno si terrà la COP27 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, numerosi siti archeologici e altri luoghi storici testimoniano l'impatto del cambiamento climatico sul corso della civiltà egiziana.

Questi siti sono luoghi eccezionali in cui le persone possono conoscere il cambiamento climatico e la sua influenza sulle società passate, nonché, soprattutto, come le persone in passato si sono adattate ad esso.

Le visite a questi siti in associazione con la Conferenza COP27 potrebbero fornire ai visitatori dall'estero e ai cittadini egiziani un'esperienza diretta delle registrazioni passate del cambiamento climatico e delle drammatiche conseguenze dei suoi impatti sulle società umane.

Ci sono almeno tre siti degni di visita a questo proposito: il Nilometro sull'isola di Roda al Cairo; il lago QarOun nella depressione del Fayoum; e il villaggio di New Gourna costruito dall'architetto egiziano Hassan Fathy sulla riva occidentale del Nilo a Luxor nell'Alto Egitto.

Ci sono anche numerosi siti nei deserti orientali e occidentali.

IL NILOMETRO


Gli studi dei record del Nilometro Roda sull'altezza massima del Nilo durante la sua inondazione e del suo livello più basso ogni anno dal IX secolo d.C. rivelano l'andamento delle inondazioni del Nilo come risposta agli effetti del cambiamento climatico globale sulla quantità e stagionalità delle precipitazioni in Africa equatoriale ed Etiopia.

Un altro studio ha rivelato la relazione tra il cambiamento climatico e le inondazioni del Nilo estremamente alte o basse su carestie e disordini politici nell'Egitto medievale. Questi record, che coprono più di 1.200 anni, non hanno eguali poiché i record strumentali risalgono solo al 18° secolo.

Ci sono abbondanti prove delle conseguenze sociali, economiche e politiche delle anomalie climatiche medievali in Egitto durante il dominio dei Fatimidi e dei Mamelucchi, così come alla fine del XVIII secolo, appena prima dell'invasione napoleonica. Queste anomalie climatiche sono associate ad eventi globali conosciuti in Europa come il periodo di riscaldamento medievale e la piccola era glaciale.

LAGO DI QAROUN


Un record ancora più lungo, che risale a più di 10.000 anni fa, è stato estratto dai sedimenti del fondo di un enorme lago che un tempo copriva l'intera depressione del Fayoum, con le sue rive a più di 20 metri sul livello del mare.

In confronto, l'attuale livello del lago Qaroun a Fayoum è di 45 metri sotto il livello del mare.

I sedimenti ottenuti utilizzando una griglia sistematica di carote di perforazione da questo lago forniscono una vista straordinaria degli alti e bassi delle inondazioni del Nilo che sono entrate nella Depressione attraverso Bahr Yusuf. I registri mostrano chiaramente un lago più profondo associato a precipitazioni più elevate e con le sue sorgenti sia nel Nilo Bianco che nel Nilo Azzurro da 10.000 a 7.000 anni fa.

Rivelano anche il cambiamento delle condizioni climatiche 7.000 anni fa, quando il clima globale iniziò a essere più fresco e secco. Questo è stato in un momento in cui gli studi sui sedimenti del Sahara egiziano rivelano anche l'inizio del disseccamento che ha portato all'emergere dell'attuale arido paesaggio desertico.

Entro 6.000 anni fa, i tentativi di far fronte all'impatto del cambiamento climatico sulle inondazioni del Nilo e di conseguenza sulla sicurezza alimentare degli agricoltori nella Valle del Nilo portarono alla cooperazione tra i piccoli stati dell'epoca e all'emergere di stati provinciali che alla fine furono unificato 5.000 anni fa per formare il primo stato-nazione della storia.

Questa è una lezione sulla strada verso l'unità, come affermato dal presidente Abdel-Fattah Al-Sisi in un discorso alla COP27 quando ha affermato che si tratta di un mezzo per combattere "contro una minaccia esistenziale che possiamo superare solo attraverso un'azione concertata e un'efficace implementazione."

Il notevole resoconto del Fayoum spiega anche il mistero dell'improvviso crollo dell'antico Regno egiziano, un periodo glorioso in cui furono costruite piramidi monumentali in un periodo di oltre 478 anni (dal 2630 al 2152 a.C.). Gli studi nel Fayoum hanno rivelato che un brusco evento climatico intorno al 2.200 a.C. ha portato a un brusco e grave calo del volume delle inondazioni del Nilo della durata di circa 20 anni.

Una grave carestia impoverì il tesoro reale e quindi portò alla rottura del potere centralizzato.

L'unità rinnovata dopo un periodo turbolento di circa 200 anni portò al riemergere di uno stato egiziano unificato durante il Regno di Mezzo. Questa unità si basava su un nuovo credo ideologico che rendeva il sovrano il protettore dei poveri e degli oppressi, nonché sulla riforma della burocrazia statale. Mentre sono state tentate innovazioni tecniche tra cui lo scavo di canali e la costruzione di una diga per gestire il flusso d'acqua nella depressione del Fayoum e il flusso d'acqua verso il Medio Egitto fino all'area della Piramide di Giza, inondazioni più elevate in un secondo momento hanno distrutto questa diga.

Fu ricostruito più tardi in epoca greco-romana e più recentemente nel XVIII secolo ad Al-Lahun. Le due piramidi di terra di Al-Lahun e Hawara all'ingresso e alla fine del corso d'acqua che collega la depressione del Fayoum con il Nilo testimoniano questo primo progetto idraulico statale.

Per quanto riguarda il turismo climatico, una visita al Fayoum oggi potrebbe includere una gita per vedere le alte coste dell'antico grande lago. Ci sono anche i resti di due grandi piedistalli di pietra che un tempo sostenevano i colossi di Amenemhat III a Biahmu nel nord di Fayoum che testimoniano il progetto di bonifica durante il Medio Regno.

I sedimenti sui frammenti crollati dei piedistalli documentano le maggiori inondazioni che distrussero qui la diga in un secondo momento. Una visita potrebbe includere viaggi alle piramidi di Al-Lahun e Hawara e ai siti archeologici associati. Non sarebbe completo senza un viaggio a Wadi Al-Hitan, un sito del patrimonio mondiale che contiene i resti di balene bloccate quando il livello del mare è diminuito a causa delle condizioni climatiche globali più fredde e secche 37 milioni di anni fa.

Il Museo del cambiamento climatico di Wadi Al-Hitan, ideato dall'autore attuale e progettato dall'architetto Gabriel (Gaby) Mikhail e inaugurato nel 2016, è il primo museo di questo tipo al mondo. Da allora sono stati avviati musei sul clima più recenti negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Norvegia. Il museo del clima di New York ha visto la sua prima mostra nel 2017.

OASI DEL DESERTO

Ulteriori visite potrebbero essere fatte per ammirare i resti degli antichi laghi nelle oasi di Baharia, Farfara, Dakhla e Kharga che testimoniano un clima più umido nella regione da 12.000 a 7.000 anni fa.

Il deserto è poi fiorito con piogge estive che avanzavano da sud. I fiumi e il deflusso superficiale alimentavano i laghi in numerose depressioni. I popoli preistorici si sono radunati intorno alle sorgenti d'acqua e hanno lasciato tracce dei loro insediamenti, nonché spettacolari opere d'arte rupestre come quella nella grotta di Djara e nel rifugio roccioso della valle nascosta e più a sud nelle aree di Uweinat e Gilf Al-Kebir.

Ci sono molti altri siti contenenti prove geologiche e archeologiche del cambiamento climatico nel deserto orientale, come Wadi Sannur e la grotta di Nimr. Le prove sia nel deserto orientale che nel Sahara orientale forniscono ampie prove delle condizioni fredde e secche dell'epoca che motivarono pastori e cacciatori dell'Asia sudoccidentale ad attraversare la penisola del Sinai e arrivare alle zone costiere del Mar Rosso.

Successivamente attraversarono gli uadi del deserto e si diressero verso il deserto occidentale dove si stabilirono prima di scendere nella valle del Nilo e nel delta, dove le prime prove di agricoltura e pastorizia sono note dal Fayoum e dal Merimde Beni Salama nel delta occidentale.

NUOVA GOURNA

Un terzo sito del patrimonio che potrebbe essere inserito in un tour climatico risale agli anni '40, quando l'architetto egiziano Hassan Fathy intraprese un progetto pionieristico per fornire alloggi adeguati e convenienti agli abitanti del villaggio di Gourna nell'Alto Egitto.

Il suo lavoro è immortalato nel suo libro Architecture for People (noto anche come Architecture for the Poor) e mirava a fornire alloggi utilizzando materiali locali e manodopera locale che si adattassero alle tradizioni della comunità locale e allo stesso tempo fornissero ventilazione naturale, luce, e il comfort ambientale.

In un recente workshop organizzato dall'Hasan Fathy Center for Architecture and Sustainable Development e dall'organizzazione delle Nazioni Unite UN-Habitat, sono stati esaminati i contributi di Hassan all'adattamento delle case alle condizioni climatiche.

Hanno anticipato le misure ora prese in considerazione dagli architetti contemporanei, come l'uso di materiali locali e riciclati biodegradabili (mattoni, pietra e legno), la costruzione di strutture, pareti e soffitti con materiali locali per evitare i costi climatici dei trasporti e l'energia passiva design per garantire un'adeguata ventilazione, una ridotta dispersione di calore e il massimo utilizzo della luce.

Il villaggio di New Gourna costruito da Fathy si trova a metà strada tra il traghetto sul Nilo e i monumenti della necropoli tebana, patrimonio mondiale dell'umanità a Luxor. Visitarlo fornirebbe anche l'opportunità di vedere le antiche costruzioni egizie che utilizzano l'architettura in terracotta al Ramesseum e la "Città dell'ascesa di Aten" recentemente scoperta.

L'Egitto ha molto da offrire ai visitatori dall'estero e ai cittadini egiziani nella pianificazione della prima esperienza mondiale di turismo climatico, con l'impatto educativo e la sensibilizzazione sul cambiamento climatico e le risposte adattative ad esso che ciò comporta.

Metterebbe l'Egitto in prima linea negli sforzi pionieristici nel turismo globale, raccogliendo al contempo i benefici socioeconomici di questo nuovo tipo di turismo. La COP27 di Sharm El-Sheikh a novembre sarebbe anche l'occasione ideale per lanciare questo tipo di turismo in Egitto.



Fonte: AL AHARAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie