31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Modi rispettosi per esplorare i siti turistici in Egitto

31-07-2022 08:57 - News
Passando davanti al Pantheon di Roma, vivendo nella periferia di Atene o piegandosi all'indietro per guardare la maestosità di uno ziggurat azteco: il patrimonio globale è cucito nell'esperienza umana.
Tuttavia, un numero crescente di siti storici ora è sotto il peso del turismo eccessivo e delle pratiche insostenibili, rendendo la necessità di riformare l'etichetta turistica non solo evidente, ma critica.

Tra il massacro delle Linee di Nazca del Perù per un'acrobazia politicamente accusata, all'assalto alla moschea di al-Aqsa di Gerusalemme con stivali infangati, alcuni siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO hanno perso il rispetto che sicuramente meritano.

L'Egitto da solo ha assistito a innumerevoli casi di mancanza di rispetto, come il vandalismo di monumenti e le riprese di materiale pornografico su basi sacre.

L'Egitto, sede di migliaia di questi siti storici e di migliaia di altri casi di palese irriverenza, è un luogo privilegiato per mettere in moto il dialogo. La necessità di discutere l'etica di come questi siti vengono visitati, trattati e mantenuti è essenziale per garantirne la longevità.

Rivisitare le macro-pratiche guidate da istituzioni e poteri governativi più grandi è cruciale, con gli attacchi alle Sfingi di Tahrir e l'uso dei templi come luoghi di festa, ma anche con un'analisi critica del modo in cui gli individui a livello di base interagiscono con questi ambienti storici.

Una riforma del pensiero e della pratica è l'unico modo per garantire la conservazione del patrimonio.

Ecco alcuni approcci per visitare il patrimonio in Egitto e forse a livello globale.

IL PERMESSO È FONDAMENTALE
Non tutti i siti del patrimonio sono uguali; non c'è un insieme di regole che rimanga applicabile in tutta la linea in Egitto o all'estero per quella materia.

Ciò rende essenziale familiarizzare con le regole in vigore e rispettarle; queste regole non saranno sempre piacevoli da ascoltare, ma sono messe in atto per una ragione. Ciò include, in alcuni casi, il divieto della fotografia.

Le autorità egiziane hanno finalmente riacquistato una parvenza di controllo sui siti del patrimonio dopo decenni di saccheggi e colonialismo; è importante ascoltare le opinioni degli esperti del settore che aiutano a realizzare queste regole.

Un esempio rilevante è rappresentato dalla Città dei Morti, un complesso di cinque colossali cimiteri che ospitano mausolei di principi e persone umili allo stesso modo. Mentre c'è bellezza nell'architettura, esterna e interna, molti guardiani di tombe chiedono ai turisti di astenersi dal fotografare sia all'interno che all'esterno dei luoghi.

Questo serve a mantenere l'integrità e il rispetto per i morti; questa regola rimane fissata indipendentemente dallo status, anche se il più delle volte viene allevata con i siti più grandiosi come Qubbat Afandina (Cupola di nostro signore; sepoltura di Khedive Ismail e della sua famiglia).

Anche per i siti che consentono la fotografia, è importante condividere la propria storia in modo consapevole e rispettoso. Il Museo Gayer-Anderson, ad esempio, consente la fotografia con l'eccezione che i turisti non devono posare con i manufatti o utilizzare le immagini a fini commerciali.

Oltre alle regole sulla fotografia generale in questi siti, il governo ha emesso linee guida che avvertono di non fotografare altri turisti, in modo da non violare i diritti concessi a un individuo. Per questo è necessario studiare i parametri e le regole di ogni sito prima della visita.

Ciò include anche un attento esame delle legislazioni nazionali; prima del 2022, la fotografia di strada era vietata in Egitto, con gli artisti che avevano bisogno di permessi per portare avanti i loro progetti indipendenti.

Tali permessi erano difficili da ottenere e di natura limitata. In un recente annuncio del Ministero del Turismo e dell'Antiquariato, tuttavia, il governo ha dichiarato una revisione di questa legge, che sta cambiando il gioco per il turismo e l'arte locale. Tuttavia, tali cambiamenti rendono essenziale la prima comprensione delle leggi della terra.

2.USA GLI OCCHI, NON LE MANI E SICURAMENTE NON LE TASCHE
Alcuni turisti credono che per vivere un sito debbano utilizzare tutti gli aspetti sensoriali, incluso il tatto.

Comprensibilmente, questo è quasi sempre vietato nei siti del patrimonio egiziano per garantire che non vengano danneggiati i manufatti in mostra o i luoghi in questione. Ciò include le pareti della tomba e del tempio, in cui il contatto con la pietra porta a casi di deterioramento e contaminazione del pigmento.

Sebbene sembri intuitivo, questa è una preoccupazione etica che deve essere costantemente ricordata, così come l'intasamento di un luogo, beh, qualsiasi cosa. All'altopiano di Giza, un numero preoccupante di turisti e venditori ha iniziato a rompere pezzi delle piramidi per conservarli come souvenir o potenzialmente svendere.

Da allora il governo si è attivato per proteggere da questo tipo di comportamento, impiegando la distanza e la sicurezza tra i visitatori e i monumenti, ma è comunque importante non partecipare o incoraggiare coloro che perseguono comportamenti distruttivi intenzionali o non intenzionali.

3. NON OLTREPASSARE I LIMITI
Non esplorare le aree delimitate è in qualche modo una lotta.

La curiosità umana è re quando si considerano le cose invisibili. Tuttavia, è fondamentale non allontanarsi dal sentiero segnato o prendere svolte non consentite: questo è prima di tutto per la sicurezza del turista.

Diversi luoghi del patrimonio sono sottoposti a restauro e riabilitazione, il che lascia alcune aree chiuse al pubblico per una buona ragione. Altri luoghi, quelli che sono all'aperto e naturali, come Jabal Moussa (Monte Sinai), hanno percorsi designati che assicurano che le persone non si perdano, si feriscano o peggio durante la loro visita.

Un altro esempio degno di nota è quello della Valle dei Re dove tratti della valle sono transennati per garantire il benessere dei visitatori e delle tombe presenti. Ai visitatori è severamente vietato virare in montagna in modo indipendente per motivi di sicurezza.

4. RICORDA DOVE SEI
Alcuni luoghi un tempo erano case, un tempo templi, un tempo tombe. Altri sono ancora case, ancora templi, ancora tombe.

Il rispetto storico e culturale è essenziale quando si visita un sito del patrimonio, indipendentemente dalla sua età o condizione. Il turismo, o mercificazione della cultura a fini turistici, è una questione che continua a presentarsi in Egitto e nel mondo.

Per mitigare questo, mostrare rispetto e riverenza per ogni luogo che si visita dovrebbe essere all'ordine del giorno; questo include il rispetto degli altri, il rispetto dell'ambiente e il rispetto delle regole stabilite.

Quando visiti le tombe, sii breve; il traffico umano e il respiro sono entrambe cause di danni ai luoghi antichi, anche se non intenzionali. A volte, ci vogliono sfumature per riconoscere il tipo di danno inflitto e ancora più sfumature per tentare di evitarlo.

Quando sei a Roma, fai come fanno i romani: segui le indicazioni culturali presenti nella zona e ascolta i consigli di gente del posto esperta su come comportarsi e come vestirsi, in particolare quando visiti luoghi più attualmente sacri come la Chiesa sospesa o il Ben Sinagoga Esdra.



Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie