31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Molte città in una: l'espansione tentacolare del Cairo influisce sui legami sociali?

03-08-2022 16:03 - News
In una delle sue campagne pubblicitarie costellate di stelle, la società di sviluppo immobiliare Zed mostra i suoi due complessi di punta, ciascuno situato sul lato opposto della metropoli del Cairo. Mentre metà delle celebrità nell'annuncio pubblicizza il complesso del Nuovo Cairo e i suoi servizi, l'altra metà elenca i vantaggi di risiedere in quello di Sheikh Zayed.
C'è, tuttavia, una cosa su cui entrambe le parti sono d'accordo: hanno tutto ciò di cui hanno bisogno dove sono. La loro risposta anche al suggerimento di attraversare la città per visitare l'altro complesso: "Bet'hazzar, bet'hazzar!" - "Stai scherzando!"

Confezionato sotto forma di una canzone ottimista, questo annuncio probabilmente non significa altro che ostentare la convenienza e l'autosufficienza dei due progetti di Zed. Ma nascosta dietro l'umorismo e le immagini avvincenti, c'è una realtà che pesa su molti dei residenti del Cairo.

TANTE CITTÀ IN UNA
Quando negli anni '80 e '90 iniziarono a germogliare nuovi sviluppi nelle aree desertiche intorno alle parti più antiche del Grande Cairo per accogliere una popolazione in rapida crescita, alcuni abitanti della città iniziarono a disperdersi, creando gradualmente un piccolo esodo dal centro verso il periferie in crescita.

La tentacolare megalopoli che è il Cairo comprende da tempo un'area in tre governatorati: il Cairo stesso, la vicina Giza a ovest e Qaliubiyya a nord-est.

Oggi, i suoi confini de facto si stanno diffondendo più in profondità in questi governatorati, arrivando persino a Sharqiyya e avvicinandosi sempre più a Ismailia e Suez a est, più che raddoppiando l'area rispetto a dove si trovava all'inizio degli anni '80.

Man mano che il significato della parola "Cairo" si evolve e si allunga, anche le distanze tra le diverse aree che la metropoli comprende. È probabile che una famiglia un tempo concentrata in un'area sia ora sparpagliata in questo vasto spazio urbano e gli amici un tempo legati dalla vicinanza devono ora utilizzare le numerose autostrade che sono diventate le arterie centrali che collegano la città in espansione.

Fino ad oggi, l'infrastruttura che riunisce il tutto viene ricostruita e rinnovata, ma il movimento in tutta la città rimane spesso lento e, con l'inflazione e l'aumento dei prezzi, il suo costo è in aumento. Nel frattempo, i mezzi di trasporto alla portata di Cairenes a basso reddito - come autobus, microbus e metropolitane - esistono in una rete così vasta che è praticamente impossibile per un viaggiatore raggiungere la propria destinazione in un solo viaggio, aumentando il costo del movimento.

Professore di architettura e design urbano all'Università americana del Cairo (AUC), Momen El-Husseiny, racconta a Egyptian Streets che in questa realtà di distanze e disagi, la difficoltà e il costo di muoversi al Cairo modellano la coscienza dei suoi cittadini, influenzando le loro decisioni sull'interazione sociale.

"Le ipotesi relative ai calcoli del movimento nella città e al modo in cui spiega ciò che chiamiamo barriere all'interazione, si radicano nella propria percezione del quotidiano", spiega. "Vedere un amico diventa molto di più della semplice questione di vedere un amico."

Tempo, distanza, traffico, costi e altro entrano in gioco quando vengono fatti dei piani. Nonostante tutte queste varie aree siano considerate come parti del Grande Cairo – alcune delle quali sono gated community di fascia alta, altre alloggi più convenienti per la classe media e operaia – la decisione di vedere gli amici, visitare la famiglia o persino prendere posizione in un luogo di lavoro, risente molto dell'espansione della città, anche per chi ha redditi più bassi. Nonostante ciò a cui si fa riferimento, il Cairo, secondo El-Husseiny, è diventato molto più di una singola città.

In molti luoghi del mondo, il viaggio di oltre 60 chilometri dal Nuovo Cairo al 6 ottobre potrebbe essere considerato un viaggio intercity. Di conseguenza, molti abitanti del Cairo alla fine decidono di non intraprendere determinati viaggi, il fattore della vicinanza e della facilità di accesso ha un impatto molto più significativo sulla compagnia che tengono rispetto a quando la città era più piccola, portando alcune relazioni a essere inconsciamente trascurate o inevitabilmente retrocesso.

FUORI CON IL VECCHIO, DENTRO IL NUOVO?

La famiglia di Hassan Tarek, 22 anni, studente dell'Università tedesca del Cairo (GUC), si è trasferita dalla vivace zona di Mohandessin a Beverly Hills, un complesso recintato situato sulla strada desertica Cairo-Alessandria a ovest della città – che su giorni di traffico più intenso possono essere più veloci da raggiungere da Alessandria di quanto non lo sia dal sobborgo orientale del Nuovo Cairo.

I genitori e il fratello minore di Tarek hanno trovato facilmente il loro posto nel nuovo ambiente, e mentre suo padre frequenta ancora il centro del Cairo per lavoro, sua madre e suo fratello, la cui scuola è vicino a casa, raramente hanno motivo di andare molto lontano.

Lo stesso Tarek, tuttavia, non era così a suo agio nel trasferirsi nel nuovo ambiente. In cerca di indipendenza e di un breve tragitto verso il campus del Nuovo Cairo, ha deciso di tornare nel vecchio appartamento della sua famiglia a Mohandessin, una zona vicino al centro della città.

"Quando ci siamo trasferiti in quello che è letteralmente il deserto, è quasi come se avessi dimenticato come comunicare con le persone, essendo così distante e distante, geograficamente ed anche emotivamente a un certo punto", dice Hassan a Egyptian Streets. "Tutto è diventato improvvisamente più facile quando sono tornato."

Prima di iscriversi al GUC, Tarek ha frequentato una scuola a Maadi, una zona del Nileside nel sud-est del Cairo. È lì che ha preso forma la sua comunità. La maggior parte dei suoi amici viveva a Maadi e di conseguenza la maggior parte del suo tempo trascorreva lì. Il ritorno al centro urbano del Cairo, anche se non nella stessa Maadi, ha avvicinato Tarek ancora una volta alla comunità che amava.

Per Tarek, ciò che molti considerano l'autosufficienza in un luogo come il complesso di Beverly Hills, è l'isolamento: una visione che secondo lui è confermata dalla riluttanza della sua famiglia a fargli visita a Mohandessin. Come i personaggi dell'annuncio Zed, hanno tutto ciò di cui hanno bisogno dove sono.

Suo fratello minore, d'altra parte, ha lo stesso tipo di legame con la sua comunità intorno a Beverly Hills che Tarek ha con la sua comunità a Maadi.

All'interno di questo unico nucleo familiare, il cambiamento delle comunità del Cairo è reso visibile. Intorno alla metropoli si stanno verificando simili esempi di cambiamento: giovani adulti si trovano ad allontanarsi dalle loro famiglie del centro per vivere nelle periferie, mentre i loro amici si trasferiscono in altre periferie ancora a decine di chilometri di distanza.

Le coppie anziane potrebbero trasferirsi nei quartieri satellite suburbani per sfuggire al rumore della città, perdendo i contatti con i loro vecchi vicini. Sebbene il caso di Hassan sia raro, nel senso che la maggior parte dei movimenti al giorno d'oggi è verso l'esterno verso i nuovi distretti satellite emergenti, piuttosto che verso il cuore del Cairo, il contrasto della sua esperienza con quella della sua famiglia e di molti altri come loro evidenzia il rapporto tra le distanze all'interno del Cairo e legami sociali.

Poiché questi sviluppi sono ancora in corso, non ci sono ricerche sull'effettivo impatto sociale derivante dall'espansione del Grande Cairo. Tuttavia, non c'è dubbio che l'attuale popolazione di quasi 21 milioni della Grande Cairo stia vivendo una frammentazione delle sue comunità precedentemente stabilite su larga scala.

Naturalmente, nuove comunità di solito emergono dall'espansione urbana, tuttavia, in questo momento, l’abitante del Cairo sta vivendo un momento in cui nuove comunità si contrappongono a quelle vecchie; il cambiamento non è ancora avvenuto in modo così completo che le nuove comunità si sono stabilite su quelle antiche, creando per molti dei suoi abitanti una goffa convivenza tra il vecchio e il nuovo.


Fonte: EGYPTYAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie