31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Nessun caso di vaiolo delle scimmie segnalato in Egitto

23-05-2022 07:04 - News
Il capo del settore della medicina preventiva presso il ministero della Salute, Amr Kandil, ha finora negato l'esistenza di casi sospetti o esistenti di infezione da vaiolo delle scimmie in Egitto, riferisce Al Masry Al Youm.
Kandil ha aggiunto che non sono state adottate misure serie per arginare la malattia, ma il settore della medicina preventiva segue da vicino gli sviluppi della malattia e conduce valutazioni su base giornaliera per determinare le giuste procedure.

Il vaiolo delle scimmie non è una nuova malattia, poiché è stato scoperto per la prima volta nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. È causato dal virus del vaiolo delle scimmie, che appartiene a una famiglia di virus chiamata Orthopoxvirus che include il vaiolo.

Poiché il vaiolo delle scimmie è correlato al vaiolo, il vaccino contro il vaiolo può fornire protezione, ma non sono disponibili vaccini o trattamenti per il vaiolo delle scimmie. I sintomi iniziali includono febbre, brividi, mal di testa, debolezza muscolare, seguiti da gonfiore dei linfonodi.

Questo è seguito da altri sintomi che includono un'eruzione cutanea sul viso e sul corpo, che può verificarsi anche all'interno della bocca.


Domenica 22 maggio il Settore Medicina Preventiva ha diffuso una circolare a tutti gli enti sanitari e gli ospedali convenzionati con il Ministero della Salute in merito alla malattia e protocolli su come prevenire la trasmissione di infezioni, sintomi, nonché misure di controllo delle infezioni all'interno delle strutture sanitarie.

In una dichiarazione rilasciata il 20 maggio, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato finora circa 80 casi confermati in 11 paesi, insieme a 50 indagini in sospeso. La dichiarazione rilevava che l'OMS sta lavorando con i paesi per espandere la sorveglianza delle malattie e per fornire indicazioni su come gestire la malattia.

Poiché il vaiolo delle scimmie si diffonde principalmente attraverso il contatto ravvicinato, l'OMS ha consigliato che le risposte si concentrino sulle persone colpite e sui loro contatti stretti, il che significa che gli operatori sanitari, i membri della famiglia e i partner sessuali sono a maggior rischio di infezione


Fonte: EGYPT TODAY

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie