31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > Istituzioni

Oltre il Cairo: 8 altre città che mostrano il fascino dell'Egitto.

21-07-2022 07:52 - Istituzioni
Il Grande Cairo, la più grande area metropolitana dell'Egitto, che comprende Il Cairo, Giza e Qalubiya, copre quasi il 20% dell'intera popolazione egiziana con 21 milioni di abitanti.
Non sorprende, quindi, che coloro che immaginano l'Egitto, spesso immaginino immediatamente la sua giungla urbana di una capitale.
L'identità egiziana incentrata sul Cairo si estende anche alla maggior parte degli egiziani, che spesso chiamano la capitale Masr (Egitto) - come se esistesse l'Egitto che è il Cairo e un Egitto completamente diverso al di fuori del Cairo.
Molti di coloro che visitano l'Egitto per la prima volta di solito arrivano attraverso i cancelli dell'aeroporto internazionale del Cairo.
Un avventuriero più esperto può anche percorrere le città di Alessandria, Luxor o Assuan; altri possono favorire le acque turchesi del Sinai meridionale o dell'Hurghada. Eppure il fascino dell'Egitto si estende oltre la metropoli del paese.
Esistono 24 governatorati oltre il Grande Cairo, con una pletora di essi che offrono diverse pennellate di colore e gusto all'Egitto.

PORT SAID
Strade europee a griglia, classiche case dal design francese intrecciate con l'architettura tradizionale egiziana e un'irresistibile vista sul mare: Port Said, che incorona il delta 167 chilometri a nord del Cairo, è una delle città più singolari dell'Egitto.
Considerata il fiore all'occhiello del regno di Khedive Muhammed Said - che diede il suo nome alla città - Port Said è stata una città cosmopolita sin dalla sua fondazione nel 1859, ospitando una vasta gamma di nazionalità e culture, spesso mercanti e uomini d'affari a causa della prosperità della città commercio portuale. Con il tempo, tuttavia, molti si innamorarono del semplice stile di vita costiero della città, creando un crogiolo di popolazione durante la fine del XIX secolo.
Oggi Port Said non è più la società cosmopolita di una volta.
Eppure una passeggiata attraverso una delle sue numerose passeggiate alberate pone i passanti in una macchina del tempo mentale, visualizzando ciò che era una volta.




QENA
Leggermente a nord delle famose città Luxor e Assuan, Qena è una modesta città dell'Alto Egitto, ricca di un'eredità faraonica inosservata, la principale tra le quali il ben conservato Tempio di Hathor di Dendera.
Costruito in stile greco-romano, con imponenti colonne di pietra e adornato con intagli dettagliati e geroglifici, il tempio è una testimonianza della storia preservata di Qena.
I seguaci del sufismo, una pratica mistica nell'Islam caratterizzata da spiritualità, ascetismo e rifuggire i desideri materiali (più spesso noto per la tradizionale danza vorticosa sufi), possono anche ammirare la moschea Sheikh El-Qenawi della città, costruita nel 12° secolo per commemorare l'Egitto leader religioso Abdel-Rahim El-Qenawi, famoso a Qena per aver introdotto il sufismo nella città.



SIWA
Il classico set cinematografico di un vagabondo del deserto che immagina una piscina in mezzo alle dune diventa realtà attraverso le meraviglie dell'oasi di Siwa.
Più vicino alla Libia che alla capitale dell'Egitto, Siwa è una delle meraviglie più isolate dell'Egitto.
L'oasi urbana è stata testimone di una vasta gamma di storia dell'Egitto, dal tempio di Amon dell'antico Egitto alla fortezza Shali delle tribù berbere di Siwa, che risalgono al 12° secolo.
Oggi, i turisti del paradiso del deserto vanno spesso a godersi safari nel deserto, sorgenti termali naturali, laghi salati e le particolari prelibatezze della cucina di Siwi.



DAMIETTA
Damietta è una città orgogliosa della sua storia copta e della sua industria della lavorazione del legno. Anticamente conosciuta come Tamiati, parola copta per "terra che coltiva il lino", la città di Damietta è divisa dal delta del Nilo che la attraversa.
Un lato è per lo più costituito da terreni agricoli, mentre l'altro è coperto da pianure.
Storicamente, Damietta è sempre stata oggetto di interesse per i governanti d'Egitto per la sua posizione strategica come snodo commerciale vicino alle regioni del Levante e dell'ottomano.
La città è stata sotto il dominio degli antichi egizi, greci, romani, bizantini e califfati islamici. La città un tempo era considerata la roccaforte dell'area egizia del Nilo durante le Crociate.
L'aumento della popolazione di Damietta, parallelamente all'espansione di altre città, ha portato alla decisione del governo di costruire la Nuova Damietta nella speranza di una rinascita urbana per la città storica.




BAHARIYA
Nell'area del deserto occidentale dell'Egitto, una vasta distesa di sabbia e terraferma, esiste una macchia verde, con imponenti palme da dattero e file di uliveti.
La città di Bahariya, un'oasi urbana simile a Siwa, mostra segni di vita anche all'interno di distese desertiche.
Geograficamente, la città si trova in una delle depressioni più grandi del paese, che scende sotto il livello del mare, da cui i segni di vita e acqua all'interno della sua area.
Storicamente, era un ricco punto di scambio per l'esportazione agricola per antichi egizi, greci e romani, reso evidente dalla scoperta della Valle delle Mummie d'Oro, luogo di sepoltura degli aristocratici e degli amministratori di quell'epoca.
Bahariya rimane una città relativamente semplice e modesta fino ad oggi, lontana dal trambusto della capitale. I visitatori dell'oasi urbana vengono spesso per i suoi deliziosi datteri e il mercato delle olive, per la sua storia faraonica o per fare trekking nel mistico Deserto Nero e Bianco, a 20 minuti da Bahariya.




SUEZ
Sinonimo del suo canale navale di fama mondiale, la città di Al-Suez è anche molto più di navi e stretto, risalente a millenni prima della nazionalizzazione del canale nel 1956. Al-Suez era una volta l'antica città greca di Clysma, poi divenuta Qulzum con la diffusione dell'Islam in Egitto durante il VII secolo.
Dopo la sua nazionalizzazione, Al-Suez divenne una valorosa roccaforte per le guerre dell'Egitto contro Israele, Inghilterra e Francia, con molti dei suoi abitanti che difendevano la loro città con l'esercito. Ancora oggi, la città celebra il 24 ottobre come giornata nazionale, in ricordo della battaglia di Suez avvenuta durante la guerra di ottobre con Israele.
Anni di disprezzo amministrativo e corruzione durante l'era Mubarak portarono a un declino dell'economia della città, generando di conseguenza baraccopoli e congestione.
Oggi, il governo mira a rilanciare l'economia e le infrastrutture della città nel tentativo di ripristinare il suo status di uno dei centri commerciali più importanti del mondo. L'anno scorso sono stati annunciati i piani per una "Nuova città di Suez" per accogliere ulteriormente la crescente popolazione della città.



MINYA
Famosa per le sue necropoli ben conservate e per le candide vedute del Nilo, Minya è una delle città più affascinanti dell'Egitto, dove il passato incontra il presente. Storicamente, Minya è famosa per le sue tombe Beni Hasan e Al-Ashmunein; era fortemente legato al faraone eretico Akhenaton, padre di Tutankhamon, che fece nascere un'antica capitale nelle vicinanze.
La città è stata anche il fulcro della fiorente industria del cotone del paese, dall'epoca romana fino al XX secolo.
In tempi più recenti, Minya è stata impantanata in polemiche e instabilità dopo che una serie di attacchi terroristici islamici contro i cristiani Copic ha instillato il terrore in tutta la città.
In risposta, le misure di sicurezza sono state severe, allontanando ulteriormente i turisti.
Negli ultimi anni, tuttavia, la stabilità è tornata lentamente nelle campagne di Minya, poiché la sua gente si allontana dalle tragedie del passato e spera in una rinascita del turismo.
Sia i cittadini che i visitatori di Minya possono godersi ancora una volta le crociere in feluca (piccola barca a vela) della città attraverso il fiume Nilo, o deliziarsi nel piacere dei suoi famosi frutti maturi e dolci.



RASHEED
La maggior parte del mondo conosce la Stele di Rosetta, l'antica lastra che ha aiutato gli egittologi a decifrare i geroglifici e a decifrare l'antica cultura egizia attraverso la scrittura.
Pochissimi conoscono la terra di origine della Stele di Rosetta: la città di Rasheed (Rosetta).
Fondata nel IX secolo dal califfo islamico Harun Al-Rasheed, la città era un tempo un importante porto per i commerci e il commercio attraverso il delta del Nilo, diminuendo l'influenza con la crescita della città vicina, Alessandria.
Oggi, Rasheed funge da collegamento autostradale e ferroviario tra Alessandria e Damanhur, mantenendo ancora la sua storica funzione commerciale costiera, oltre alle sue industrie del riso e della pesca. Il governo egiziano ha annunciato piani di espansione per la città, soprannominati New Rasheed, nel 2018, nella speranza di rilanciare l'influenza della città e rafforzare la sua economia.




Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie