30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Per ridurre la congestione del traffico, l'Egitto riceve 400 milioni di dollari per promuovere il trasporto a basse emissioni di carbonio

05-10-2022 07:20 - News

La Banca Mondiale ha annunciato l'approvazione di un accordo di finanziamento dello sviluppo da 400 milioni di dollari (7 miliardi di EGP) per la costruzione di una tangenziale ferroviaria nel corridoio ferroviario Alessandria-6 ottobre-Greater Cairo Area.

In una dichiarazione pubblicata lunedì 3 ottobre, la Banca Mondiale ha annunciato che il progetto ridurrà le emissioni di gas serra di 965.000 tonnellate in 30 anni. Mira inoltre a rafforzare la rete ferroviaria in Egitto e a fornire treni merci tra il porto marittimo di Alessandria e il porto asciutto di nuova costruzione del 6 ottobre con una rotta alternativa a ovest del Grande Cairo.

Il 6 ottobre Dry Port è il primo porto secco interno in Egitto e funge da gateway esteso per i porti d'altura situati nelle regioni settentrionali e orientali dell'Egitto. Mira a fornire ispezioni doganali e procedure di sdoganamento efficienti e a ridurre la congestione nei porti marittimi.

La tangenziale operativa consentirà anche una maggiore capacità di trasporto, con 15 treni container al giorno entro il 2030, e con l'aumento della domanda, 50 treni entro il 2060 per il porto asciutto, insieme a treni merci aggiuntivi tra Alessandria, l'Alto Egitto e il Mar Rosso.

Il progetto creerà anche il regime egiziano di tariffazione dell'accesso alle infrastrutture per consentire agli investitori privati ​​di far circolare i loro treni sui binari dell'Autorità ferroviaria nazionale egiziana a pagamento in cambio dell'aumento delle finanze dell'autorità e, quindi, di migliorare le prestazioni del settore ferroviario.

Le strade del Cairo sono sempre piene di auto, camion e autobus quasi ogni ora del giorno. Ciò ha portato il settore dei trasporti egiziano a diventare il secondo maggior contributore all'inquinamento, responsabile del 19% delle emissioni di carbonio.

Secondo un rapporto appena pubblicato dalla Banca Mondiale, l'inquinamento atmosferico provoca 270.000 decessi all'anno - più di incidenti stradali, diabete e altre cause comuni di morte messi insieme - e il residente medio MENA si ammala per almeno 60 giorni nel suo durata a causa dell'esposizione a inquinanti atmosferici.

Il rapporto rivela inoltre che anche il costo economico annuo dell'inquinamento atmosferico nella regione MENA è devastante, con una stima di 141 miliardi di dollari.

Quest'anno, l'Egitto ha presentato al segretariato della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) un rapporto sul suo documento aggiornato sui contributi determinati a livello nazionale (NDC). Sottolinea il suo obiettivo di ridurre 70 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica entro il 2030, il che rappresenta una riduzione del 33% del livello di emissioni.

L'Egitto ospiterà quest'anno la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP27) del 2022, che si svolgerà a Sharm El-Sheikh dal 6 novembre al 18 novembre. Questa sarà la prima volta che la COP sarà ospitata da un paese africano, poiché mentre l'Africa ha contribuito solo dal due al tre percento circa delle emissioni globali, si distingue in modo sproporzionato dal cambiamento climatico.



Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie