21 Febbraio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Pesanti sanzioni per chi non si iscrive all’AIRE.

02-01-2024 13:50 - News
Con la nuova legge di bilancio le sanzioni passano dai 200,00 EUR a ben 1.000,00 EUR per ogni anno di mancata iscrizione (massimo 5 anni di sanzione).
Quindi non ritardate la vostra iscrizione.

L'iscrizione all'AIRE al momento del trasferimento all'estero è un obbligo di legge. L'omissione di questa dichiarazione di cambio di residenza è soggetta a sanzioni che variano da 200 a 1000 euro per ogni anno in cui la dichiarazione è omessa. Tale disposizione è stabilita dall'articolo 11 della legge n. 1128 del 24 dicembre 1954 (sostituito, come indicato dall'articolo 50, comma 6, della legge di bilancio 2024).

Salvo che il fatto costituisca reato, l’omissione della dichiarazione di trasferimento di residenza […] all’estero entro il termine previsto dall’articolo 6, commi 1 e 4, della legge 27 ottobre 1988, n. 470 è soggetta alla sanzione amministrativa pecuniaria da 200 euro a 1000 euro per ciascun anno in cui perdura l’omissione. La sanzione è ridotta, sempreché la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziate attività amministrative di accertamento delle quali l’autore della violazione abbia avuto formale conoscenza, ad un decimo del minimo di quella prevista se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni. […]. L’accertamento e l’irrogazione delle sanzioni sono notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui l’obbligo anagrafico non risulta adempiuto o la dichiarazione risulta omessa. […] I proventi delle sanzioni di cui al presente articolo sono acquisiti al bilancio del comune che ha irrogato la sanzione.

Prima del 2024, l'applicazione di questa sanzione era piuttosto rara, principalmente perché la legge attribuiva l'onere, ma non la remunerazione, al Comune di precedente residenza. Tuttavia, dal 1° gennaio 2024, è stata introdotta una specifica normativa per la mancata iscrizione all'AIRE, caratterizzata da sanzioni significativamente aumentate, un incentivo per i Comuni a farle rispettare, l'obbligo di scambio di informazioni tra tutti gli enti statali e una notifica automatica all'Agenzia delle Entrate da parte del Comune al momento dell'iscrizione all'AIRE (per avviare controlli sugli anni precedenti, quando si presupponeva la residenza in Italia).

Si precisa che nel caso di nuclei familiari inadempienti, la sanzione si applicherebbe a ciascun individuo, compresi i minori.

L'omissione dell'iscrizione all'AIRE potrebbe comportare una considerazione formale come ancora residenti in Italia, e di conseguenza, l'Italia potrebbe richiedere la presentazione della dichiarazione dei redditi e il pagamento delle tasse anche sui guadagni all'estero.

Fonte: AIRE SOS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie