30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

PROTESTE 11 NOVEMBRE

10-11-2022 16:26 - News
Giovedì, alla vigilia delle previste proteste in Egitto, Dar Al-Iftaa ha emesso una fatwa affermando che qualsiasi atto di divisione o intenzionale e incoraggiamento alla violenza è un appello alla "sedizione".

In un tweet, Dar Al-Iftaa ha dichiarato: "In questi momenti decisivi e in mezzo a queste sfide, qualsiasi azione considerata una preoccupazione nazionale o che coinvolga mezzi caotici contro lo stato proviene da anime accecate dall'ostilità nei confronti della loro patria".

Il tweet arriva alla vigilia degli appelli alle proteste degli oppositori egiziani all'estero, venerdì 11 novembre, contro il presidente Abdel Fattah al-Sisi, in linea con lo svolgimento del vertice delle Nazioni Unite sul clima a Sharm el-Sheikh.

In una recente dichiarazione, il giornalista Ibrahim Issa ha affermato che consentire ai Fratelli Musulmani di "tornare dal letargo invernale equivale al serpente che esce dalla sua tana", sottolineando che "il movimento politico per l'Islam è al di fuori del quadro [politico] nazionale". Issa ha aggiunto in un commento durante il programma "Cairo Talk", presentato mercoledì sera sul canale al-Qahera wal Nas, che i continui appelli dei Fratelli Musulmani a manifestazioni dell'11 novembre sono tentativi frustranti e disperati e persino eventi oast hanno precedentemente fallito.

“La chiamata dell'11 novembre è una bufala e non è mai stata presa sul serio dal primo momento. C'è solo un forte rumore su Internet. L'11 novembre non accadrà nulla e l'Egitto non assisterà a nessun tipo di protesta", ha affermato.

“La Fratellanza è un movimento sovversivo e un gruppo distaccato dalla realtà e dalla società. Sono un gruppo che vanta stupidità, idiozia, dissociazione dalla realtà e negazione della verità.Ora stanno scommettendo su uno stato di frustrazione nelle strade a causa della crisi economica mondiale”, ha detto Issa. L'attuale tasso di inflazione egiziano è il seguente: I dati dell'Agenzia centrale per la mobilitazione pubblica e la statistica (CAPMAS) hanno mostrato in ottobre che l'inflazione annuale dei prezzi al consumo nelle città egiziane ha registrato il livello più alto in quasi quattro anni L'inflazione annuale dei prezzi al consumo è aumentata al 15% a settembre, rispetto al 14,6% di agosto, ha annunciato l'agenzia in una nota.

Questo è il più alto tasso annuo di inflazione dei prezzi al consumo nelle città egiziane da novembre 2018, quando ha registrato il 15,7%.

La svalutazione della sterlina egiziana
La Banca Centrale d'Egitto (CBE) ha rilasciato una dichiarazione il 28 ottobre, annunciando la quotazione della sterlina egiziana nell'ambito delle misure di riforma per garantire la stabilità macroeconomica e raggiungere una crescita economica sostenibile e globale.

L'Egitto ha svalutato per la prima volta la sua valuta del 48% nel 2016, consentendole di fluttuare liberamente per soddisfare una domanda chiave del Fondo monetario internazionale di assicurarsi un prestito triennale di 12 miliardi di dollari.

La CBE ha annunciato per la seconda volta a marzo la svalutazione della sterlina egiziana di quasi il 17%. Fitch Solutions, società di ricerca della Fitch Ratings Agency, prevede un rallentamento della crescita dell'attività economica in Egitto nei prossimi 12 mesi, a seguito delle ripercussioni della guerra russo-ucraina.

Ha spiegato che ciò si rifletterà nel calo delle stime di crescita economica al 4,3% nell'anno fiscale in corso, rispetto al 6,2% nel 2021/22.

I prestiti egiziani dal Fondo Monetario Internazionale
Il capo della missione del Fondo monetario internazionale (FMI) in Egitto ha annunciato in una conferenza stampa, il 27 ottobre, tenutasi con il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly, il governatore della Banca centrale d'Egitto e una serie di funzionari ministeriali che hanno escogitato è stato concluso un accordo con l'Egitto su un prestito del valore di 3 miliardi di dollari in un periodo di sei mesi.

L'Egitto ha ottenuto prestiti dal FMI, per circa 20 miliardi di dollari dal 2016, nell'ambito dell'attuazione del programma di riforme economiche e sociali. Ha inoltre ottenuto finanziamenti rapidi per far fronte alle ripercussioni della pandemia di coronavirus, e ha già iniziato a pagare le prime rate del prestito.

Serve una soluzione drastica
D'altra parte, Hisham Badawy, un economista, ha sottolineato in una precedente dichiarazione che il prestito del FMI non risolverà radicalmente la crisi economica in Egitto, aggiungendo che la razionalizzazione dei consumi non è una soluzione per far fronte ai prezzi elevati.

La soluzione sta infine nella ricerca di un reddito aggiuntivo e nella ricerca di risorse aggiuntive. Badawy ha aggiunto, in un'intervista al programma “Cairo Talk”, con il giornalista Ibrahim Issa, sul canale Al-Qahirah Wal-Nas ad ottobre che il governo egiziano deve puntare su una produzione intensiva per uscire dalla crisi economica, sottolineando che l'Egitto sarà alle porte di una tempesta economica se la crisi continua.


Fonte: EGYPT INDEPENDENT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie