30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Raggiungere 30 milioni di turisti all'anno. Il ministro egiziano rivela cifre, statistiche

17-12-2022 08:32 - News
Il ministro egiziano del turismo e delle antichità, Ahmed Issa, ha rivelato una serie di cifre e statistiche relative al settore del turismo in Egitto, spiegando che il suo ministero svolge il ruolo di organizzatore e supervisore di quasi 8.000 strutture turistiche.
Issa ha affermato durante un incontro con i giornalisti che si occupano del settore del turismo e delle antichità, che il Consiglio supremo delle antichità, ha speso circa 3,1 miliardi di LE durante il 2022, dalle entrate del consiglio insieme a parte del bilancio statale, nell'ambito degli sforzi per istituire nuovi musei, sviluppare siti archeologici e mantenere le antichità.

Precisa che nello stesso anno i ricavi da biglietti di visita ammontano a 1 miliardo di LE.

Il Ministero del Turismo ha speso 800 milioni di LE in campagne promozionali all'estero, durante l'anno fiscale 2022/2023, oltre a 850 milioni di LE per sostenere e stimolare l'aviazione turistica diretta, per un totale di 1,65 miliardi di LE, ha aggiunto il ministro.

Il ministro del Turismo e delle Antichità ha spiegato che l'importo speso non è considerato elevato rispetto al volume dell'enorme lavoro prodotto. “Abbiamo in Egitto circa 2.160 siti archeologici e 43 musei, di cui 31 sono visitabili”, ha detto.

Ha precisato che il ministro, in qualità di titolare, ha più di 40 musei e 2.000 siti archeologici, di cui 130 siti e 31 musei visitabili, e sono circa 250 le missioni archeologiche che operano nel campo degli scavi per le antichità, mentre come operatore, presidia 1.300 ristoranti turistici, 1.200 alberghi, 2.200 bazar e 480 diving center, oltre ai circoli autorizzati per attività turistiche.

Issa ha aggiunto che il Consiglio Supremo delle Antichità estende il suo ruolo di istituzione scientifica e culturale che conserva, protegge e registra le antichità egizie oltre a scavarle, indicando che ci sono 250 missioni archeologiche straniere in Egitto che scavano per le antichità.

Il ministro ha affermato l'interesse dello Stato a sviluppare il turismo culturale e ad aumentare il target di turisti culturali interessati a siti archeologici e musei, perché è un vantaggio competitivo di cui gode l'Egitto grazie ai suoi siti archeologici, musei, tesori e monumenti.

Per quanto riguarda il ruolo del ministero, afferma che il ministero svolge il suo ruolo di osservatore, organizzatore e catalizzatore, il tutto con l'obiettivo di tutelare il consumatore finale, che è il visitatore o il turista, al fine di migliorare il servizio turistico e l'esperienza turistica forniti in Egitto e per far progredire l'industria del turismo.

Per quanto riguarda i programmi di promozione del turismo e i programmi di stimolo all'aviazione, il ministro ha rivelato che durante l'anno fiscale 2021/2022 sono stati spesi quasi 1,6 miliardi di LE, al fine di far progredire l'industria del turismo.

Ha aggiunto che i programmi di spesa globali sono diretti a servire l'industria del turismo e si stanno preparando programmi di promozione lanciando varie campagne in una serie di mercati esportatori di turismo in Egitto, oltre ai programmi di stimolo dell'aviazione civile che continueranno fino al prossimo aprile.


Raggiungere 30 milioni di turisti
Il ministro ha chiarito che il ministero sta lavorando allo studio delle sfide affrontate dal settore per raggiungere i 30 milioni di turisti, rilevando che il tasso di turisti più alto raggiunto dall'Egitto è stato di 14 milioni di turisti nella stagione 2009/2010, seguito da un calo delle tariffe a rimbalzare nel 2019 prima di essere colpito dalle ripercussioni di COVID-19. "Il turismo è come altre industrie, che devono studiare le sfide e i problemi in esso presenti per trovare soluzioni e stabilire priorità, che è ciò su cui si sta attualmente lavorando all'interno del ministero", ha osservato.

Il Ministro del Turismo e delle Antichità ha spiegato che l'Ente per la Promozione Turistica ha attualmente sei sedi estere in diversi Paesi per promuovere e stimolare il turismo in Egitto.

Secondo Issa, da quando ha assunto le sue funzioni, ha lavorato su una serie di compiti e ha stabilito priorità, forse la più importante delle quali è raggiungere i 30 milioni di turisti che visitano l'Egitto ogni anno. Ha aggiunto che gli incarichi del primo ministro Mostafa Madbouly dovevano raggiungere i 30 miliardi di dollari nel turismo all'interno del piano 2030, su cui il ministero sta attualmente lavorando.

Priorità
"Sono state individuate tre priorità su cui si basa il ministero per quanto riguarda il settore del turismo, il primo asse, che è l'aviazione, e c'è un coordinamento congiunto con il Ministero dell'Aviazione civile su base regolare e continua per aumentare il numero dei voli , posti e aviazione a basso costo, e il secondo asse sta lavorando per migliorare l'esperienza turistica in Egitto. Il terzo si basa sul miglioramento del clima degli investimenti turistici", ha affermato Issa.

Il ministro ha anche sottolineato che il raggiungimento di 30 milioni di turisti all'anno richiede un aumento del tasso di crescita delle camere turistiche in Egitto del 25% annuo per accogliere questi numeri, e quindi il ministero sta lavorando per incoraggiare e attrarre investimenti turistici in Egitto, soprattutto dal momento che il lo stato ha speso molto ed è riuscito a riabilitare le infrastrutture e la viabilità regionale.


Inoltre, ha affermato che il ministero sta cercando una varietà di camere d'albergo, in particolare camere a tre stelle, e le sta distribuendo ai governatorati, in particolare Luxor, Aswan e Qena, che hanno urgente bisogno di camere d'albergo, indicando che farà un "Piano generale " per le camere d'albergo a 3 stelle con il Ministero dell'edilizia abitativa.

"Oggi abbiamo una visione di una serie di problemi di cui soffre l'industria e cerchiamo di sviluppare una visione scientifica per ridurli, e sono ottimista per l'anno 2023", ha affermato il ministro. Ha mostrato che in Egitto ci sono 1.200 strutture alberghiere, 1.325 ristoranti turistici, più di 2.400 attrazioni turistiche, 480 centri di immersione e attività marine, oltre a più di 2.160 siti archeologici e 43 musei di antichità.

Il settore aeronautico
I lavori sull'attuale sistema di incentivi per l'aviazione continueranno fino al 1 maggio 2023, come parte degli sforzi del Ministero dell'Aviazione Civile per sostenere il movimento turistico in entrata in Egitto alla luce dell'aumento della domanda di visitare l'Egitto, ha affermato.

Issa ha aggiunto che il numero di turisti in entrata è attualmente migliorato e, secondo le statistiche ufficiali inviate all'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite, ciò che si sta facendo sulla base degli sforzi dello stato ha contribuito direttamente a ripristinare il turismo movimento.

Issa ha aggiunto che nel prossimo periodo ci si concentrerà sull'aumento della capacità dell'aviazione turistica diretta di tre volte rispetto all'attuale capacità, prevista attraverso il traffico in arrivo da 12 paesi stranieri, fornendo al tempo stesso un clima appropriato e un ambiente fertile per gli investimenti, rilevando che il i primi passi per lavorare per aumentare l'efficacia degli sforzi del governo sono stati lo sviluppo di un'accurata descrizione del ruolo del Ministero del Turismo e delle Antichità come proprietario e operatore, al fine di utilizzare al meglio le capacità disponibili.

Ha aggiunto che i suoi incontri con le associazioni di investitori turistici durante il periodo passato hanno visto l'enfasi sulla necessità di un linguaggio comune tra il ministero e gli investitori, e la continua comprensione e il lavoro congiunto, per servire l'obiettivo principale dell'Egitto di attrarre 30 milioni di turisti.



Fonte: EGYPT TODAY

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie