31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Ragioni per cui la banca centrale egiziana mantiene invariato il tasso di interesse

23-09-2022 13:29 - News
Il Comitato di politica monetaria (MPC) ha deciso, giovedì, di mantenere invariati i tassi di interesse della Banca centrale d'Egitto (CBE) per la terza riunione consecutiva, nonostante la tendenza globale ad aumentare i tassi.


Il tasso sui depositi overnight, il tasso sui prestiti overnight e il tasso dell'operazione principale sono stati mantenuti in sospeso rispettivamente all'11,25%, al 12,25% e all'11,75%. Anche il tasso di sconto è stato mantenuto invariato all'11,75%.

Inoltre, il CBE ha deciso di aumentare il coefficiente di riserva richiesto al 18% dal 14%.

La Banca centrale ha commentato che queste decisioni fungono da catalizzatore complementare per la posizione restrittiva che la Banca centrale mantiene attraverso la calibrazione delle posizioni di liquidità.

L'MPC ha osservato che gli attuali tassi cbe chiave accoppiati con l'aumento del coefficiente di riserva richiesto sono coerenti con il raggiungimento della stabilità dei prezzi nel medio termine, osservando che il precedente rialzo di 300 punti base che la banca centrale ha preso in precedenza ha ancora un impatto sull'economia.

Fattore di inflazione e suo impatto sulla decisione

La banca centrale ha dichiarato che l'elevato tasso di inflazione complessiva annuale continuerà ad essere temporaneamente tollerato al di sopra dell'obiettivo preannunciato della CBE del 7% (±2 punti percentuali) in media nel quarto trimestre del 2022.

La banca ha attribuito l'aumento dei tassi annuali di inflazione urbana che sono passati dal 13,6% di luglio al 14,6% di agosto alle questioni dal lato dell'offerta, in particolare ai prezzi delle materie prime internazionali. "Nonostante l'aumento dei dati annuali, i tassi mensili registrati sono inferiori ai recenti massimi osservati nei mesi di marzo e aprile 2022", ha commentato.

Da parte sua, Al Ahly Pharos Securities Brokerage ha dichiarato che l'inflazione come unico fattore non ha spinto il CBE ad aumentare i tassi di interesse, concordando sul fatto che l'aumento del tasso di inflazione è importato, anticipando che le condizioni globali, compreso il recente comportamento dei prezzi delle materie prime e le preoccupazioni per la crescita globale, indicano minori pressioni inflazionistiche sulle importazioni nel breve termine.

"L'inflazione mensile in calo, anche se non ancora una tendenza, potrebbe sembrare ottimista per le nostre prospettive di inflazione a breve termine", ha detto Al Ahly Pharos in un rapporto.

Il rapporto afferma che anche l'indice dei prezzi alimentari è sceso di 1,996 ad agosto su base mensile, registrando il suo quinto calo mensile consecutivo, osservando che ciò è anche favorevole alle nostre prospettive di inflazione.

L'Agenzia centrale per la mobilitazione pubblica e le statistiche (CAPMAS), ha annunciato in precedenza che il tasso di inflazione annuale dell'Egitto è salito al 15,3% nell'agosto 2022, rispetto al 6,4% nello stesso mese dell'anno precedente. A luglio, il tasso di inflazione annuale ha registrato il 14,6 per cento.

Anche il tasso annuale di inflazione urbana è aumentato ad agosto al 14,6%, rispetto al 13,6% di luglio, secondo i dati dell'ente statistico statale.

Su base mensile, l'inflazione ha registrato 131,7 punti nell'agosto 2022, registrando un aumento dello 0,5% rispetto a luglio 2022, ha detto il CAPMAS.

Altri fattori

Altri fattori che hanno un effetto sul movimento dei tassi sono l'entità e il lasso di tempo per un potenziale indebolimento della sterlina egiziana e i progressi sull'accordo del FMI, secondo Al Ahly Pharos.

La sterlina egiziana ha assistito a un calo accelerato nelle ultime settimane, tra le aspettative degli esperti che la Banca centrale continuerà a ridurre gradualmente la valuta fino a raggiungere livelli compresi tra LE 21-22 per dollaro. Questo al fine di garantire la flessibilità del tasso di cambio richiesto dal Fondo Monetario Internazionale, con il quale l'Egitto sta cercando di firmare un accordo imminente con cui ottenere un nuovo prestito.

In precedenza, Jihad Azour, direttore del Dipartimento per il Medio Oriente e l'Asia centrale presso il Fondo monetario internazionale, ha affermato che i negoziati per ottenere nuovi finanziamenti stanno continuando con l'Egitto e le cose stanno progredendo secondo il programma stabilito.

Il primo ministro Mostafa Madbouli ha detto in precedenza che il governo egiziano è nella fase finale dei colloqui con il Fondo monetario internazionale su un nuovo finanziamento.

Il ministro delle Finanze Mohamed Maait ha recentemente annunciato che raggiungere un accordo con il FMI potrebbe richiedere un mese o due.


A luglio, Maait ha detto che l'Egitto sta elaborando i restanti punti di differenza con il FMI su una nuova struttura di fondi estesa.

Maait ha affermato ad Al-Arabiya che i colloqui con il FMI sono in corso e che hanno raggiunto "progressi molto, molto buoni", osservando che il valore del prestito non è ancora stato fissato.


L'impatto sul bilancio dello Stato

Un altro fattore alla base del mantenimento dei tassi invariati è il loro impatto sul bilancio statale, Al Ahly Pharos ha affermato che con una stima di 690 miliardi di LE di pagamenti di interessi nel bilancio dell'anno fiscale 2022/23, qualsiasi ulteriore aumento dei tassi che comprime i saldi fiscali.

"Inoltre, vale la pena ricordare che il semplice rendimento medio dei titoli di Stato durante i primi due mesi dell'anno fiscale si aggira intorno al 15,52%, già lontano dall'ipotesi del governo del 14,5% per l'anno", ha affermato.

Secondo Al Ahly Pharos, un rialzo dei tassi riporterebbe gli investitori stranieri sul mercato del debito locale egiziano entro pochi mesi. Tuttavia, l'avversione al rischio nei confronti dei mercati emergenti è ancora in atto.

"Sebbene i tassi di interesse reali siano negativi [che si attesta a -3,35%], riteniamo che i rendimenti reali dei Treasury egiziani appaiano ancora interessanti. Piuttosto, gli investitori stranieri potrebbero tenere d'occhio il rischio FX, più che aspettare tassi di interesse più elevati, ha aggiunto.

Attività economica dell'Egitto

Inoltre, la CBE ha dichiarato che l'attività economica ha registrato una crescita preliminare del 3,2% durante il secondo trimestre del 2022. Pertanto, la crescita economica dell'Egitto durante l'anno fiscale 2021/2022 ha raggiunto il 6,6%, rispetto al 3,3% dell'anno precedente.

Secondo il CBE, gli ultimi dati disponibili per i primi nove mesi dell'anno fiscale mostrano che la crescita del PIL è stata guidata principalmente dal settore privato, in particolare dalla produzione non petrolifera, dal turismo e dal commercio. Nel frattempo, l'attività del settore pubblico è stata sostenuta dalle estrazioni di gas naturale, dal Canale di Suez e dal governo generale.

Nonostante gli indicatori rivelino una crescita continua durante il terzo trimestre del 2022, il ritmo di crescita assisterebbe a un tasso più lento di quello previsto, a causa dell'incertezza e delle ricadute negative dalla scena globale.

Il CBE ha indicato la stabilità del tasso di disoccupazione al 7,2% durante il secondo trimestre del 2022 a seguito dell'aumento sia dell'occupazione che delle cifre della forza lavoro di entità simili.

Rialzo dei tassi di interesse tra le principali banche centrali

Ha fatto riferimento all'aumento dei tassi di interesse tra le principali banche centrali del mondo che causerebbe una stretta delle condizioni finanziarie globali, oltre alla loro tendenza a ridurre i programmi di acquisto di attività con l'obiettivo di contenere le crescenti pressioni inflazionistiche nei rispettivi paesi, osservando che l'attività economica globale dovrebbe diminuire a causa delle ripercussioni del conflitto ucraino-russo.

"Al contrario, i prezzi globali delle materie prime, come i prezzi internazionali del petrolio, sono leggermente diminuiti, a causa dell'indebolimento della domanda a causa delle aspettative di recessione globale", ha affermato.

Allo stesso modo, Al Ahly Pharos ha affermato che i prezzi medi del Brent sono scesi a $ 97 al barile ad agosto, in calo da $ 105 al barile a luglio, registrando un calo del 7,4% su base mensile, alleviando parte della pressione sui prezzi interni.

Le banche centrali di alcuni paesi del Golfo hanno teso ad aumentare i tassi di interesse in seguito all'aumento dei tassi di interesse degli Stati Uniti di 75 punti base il 21 settembre.

Fonte: Egypt today

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie