24 Giugno 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Soluzioni sulla valuta forte

25-01-2024 07:41 - News

Con una delegazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) al Cairo questa settimana per discutere il programma di prestiti dell'Egitto, sono in corso azioni per trovare una soluzione al problema della valuta forte nel paese.

Una delegazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) è stata al Cairo questa settimana per discutere il programma di prestiti dell'Egitto, del valore di 3 miliardi di dollari, e delle possibilità di aumentarlo.

Le speranze sono alte che un nuovo accordo sbloccherà altri pacchetti di assistenza da parte dei donatori internazionali e contribuirà ad attenuare gli effetti negativi che le tensioni geopolitiche si prevede avranno su un'economia già alle prese con un ingente debito estero, un'inflazione galoppante e una carenza di dollari evidenziata dal divario tra il tasso di cambio ufficiale, attualmente fissato a LE31, e quello sul mercato parallelo, che si aggira attorno a LE60.

Non passa giorno senza che molte persone si chiedano quale sia il tasso di cambio, consapevoli che il tasso sul mercato parallelo influisce sui costi di molti beni e servizi.

Giovedì, Moody's Investors Service ha rivisto la sua prospettiva sull'economia egiziana da stabile a negativa. Il cambiamento riflette il crescente rischio che il profilo creditizio dell'Egitto continuerà a indebolirsi in mezzo a difficili riequilibri macroeconomici e cambiari, ha dichiarato l'agenzia.

Un giorno prima di questa mossa, il gruppo kuwaitiano Alshaya, proprietario di diverse catene di negozi in Egitto, ha annunciato una riduzione delle sue attività nel paese chiudendo alcuni marchi e ridimensionando altri a causa delle attuali sfide economiche.

Nota: Il testo fornito è una parte del testo originale e potrebbe non contenere informazioni complete sul contesto.

Mentre la conclusione delle prime e seconde revisioni del prestito del Fondo Monetario Internazionale (FMI) significherà lo sblocco di nuovi fondi in valuta estera, molti temono che comporterà anche una ulteriore svalutazione della sterlina egiziana. Inizialmente, il FMI aveva ritardato le sue revisioni perché l'Egitto non permetteva alla valuta di fluttuare liberamente.

"La svalutazione è senza dubbio il percorso atteso e necessario. Tuttavia, deve essere fatta con molta cautela e considerare le caratteristiche speciali dell'economia egiziana al fine di minimizzare le implicazioni spiacevoli", ha dichiarato Sarah El-Khishin, professore associato di economia presso la British University in Egypt, all'Al-Ahram Weekly.

"Per ora, abbiamo inserito un tasso di cambio di LE45 per dollaro nei nostri modelli per il 2024", ha dichiarato Allen Sandeep, capo della ricerca presso Naeem Brokerage.

Tuttavia, alcuni osservatori sono più ottimisti. Giovedì, il tasso di cambio nei Non-Deliverable Forwards (NDFs) a tre mesi, strumenti finanziari che consentono agli investitori di scommettere sulle future variazioni di valuta, è sceso al di sotto di LE40 per dollaro, segnando un notevole calo rispetto al suo picco di LE45 alla fine di dicembre.

"Ciò significa che gli investitori stanno anticipando una svalutazione più leggera, non una più drastica, riflettendo le complessità nelle negoziazioni con il FMI e le speranze del paese per un pacchetto di salvataggio più ampio", ha osservato un commento di Thundr, una piattaforma di trading online.

Tuttavia, sebbene rappresenterebbe sicuramente un aumento della fiducia e del sentimento degli investitori, l'accordo con il FMI da solo non risolverà l'intero problema, ha dichiarato Sandeep all'Al-Ahram Weekly, aggiungendo che l'Egitto avrà bisogno anche del supporto di altri creditori multilaterali, tra cui la Banca Mondiale, la Banca Europea per gli Investimenti, la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, oltre al Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC).

"La revisione dell'accordo, presumibilmente tra i 6 e gli 8 miliardi di dollari [rispetto ai precedenti 3 miliardi], sarebbe insufficiente rispetto a quanto richiesto, anche se alcune erogazioni fossero anticipate", ha aggiunto.

Sandeep ha spiegato che la posizione totale di responsabilità netta estera (NFL) dell'Egitto, che mostra la dipendenza del settore bancario dai finanziamenti esteri e la differenza tra i suoi attivi locali e esteri, ammonta a un notevole -27 miliardi di dollari.

Escludendo la Banca Centrale dell'Egitto (CBE), la NFL delle banche ammonta a 15,8 miliardi di dollari. "Secondo la nostra analisi, abbiamo bisogno di un'iniezione di 20 miliardi di dollari per ottenere la stabilità del tasso di cambio e colmare il vuoto nel mercato dei cambi", ha aggiunto.

La ragione alla base della stretta di dollari è la necessità di effettuare i pagamenti del debito, secondo una fonte che ha preferito rimanere anonima. "La soluzione immediata è potenzialmente di ristrutturare, rifinanziare o rinegoziare il debito", ha detto.

"Non è normale avere un programma di ammortamento del debito in cui il 33 per cento del debito totale a medio termine deve essere ripagato in tre anni. Questo è molto rigido", ha aggiunto la fonte.

Una delle principali cause dell'attuale aumento del dollaro è il fattore speculativo derivante dalla perdita di fiducia e dalla deteriorata credibilità, ha dichiarato El-Khishin. Lei ritiene che siano necessarie misure immediate per ripristinare la fiducia nelle politiche economiche e finanziarie del governo.

La gestione del tasso di cambio dovrebbe essere implementata all'interno di una politica macroeconomica più ampia che stabilisce obiettivi di crescita realistici e limita l'inflazione a livelli a cifra singola nel breve termine e vicini all'obiettivo dichiarato dalla CBE del 5-9 per cento nel medio termine, ha detto.

A lungo termine, la fonte anonima ritiene che la strategia 2030 recentemente annunciata dal governo delinei le linee guida di base del percorso d'azione necessario: incoraggiare il settore privato, stimolare le esportazioni, costruire una base industriale e raggiungere un tasso più elevato di investimenti.

Due settimane fa, il governo ha presentato una strategia per i prossimi sei anni con l'obiettivo di triplicare le entrate in valuta estera a 300 miliardi di dollari, securizzare parte dei ricavi in dollari del paese e scambiare parte del debito estero con partecipazioni in società controllate dallo stato.

Il governo dovrebbe continuare a implementare il suo programma di riforme strutturali, che affronta le ragioni fondamentali del deterioramento delle entrate in valuta forte e si occupa delle fonti di vulnerabilità, ha affermato El-Khishin. Ha aggiunto che è importante riconoscere le attuali dinamiche geopolitiche nel processo e introdurre politiche monetarie e finanziarie prudenti per scoraggiare le attività di "hot money" e gli schemi finanziari fragili.

La fuga di 20 miliardi di dollari di investimenti in portafoglio dall'Egitto dall'inizio della guerra tra Russia e Ucraina è una delle principali cause dell'attuale stretta di dollari.

Secondo El-Khishin, il programma di riforma deve anche riesaminare le fonti di crescita e valutare i componenti interni ed esterni nei settori agricolo, industriale e dei servizi al fine di ridurre il deficit commerciale.

Tutto ciò si aggiunge alla promozione di un ruolo sempre più importante per il settore privato, ha aggiunto.

Nel frattempo, le persone frustrate dalla loro lotta quotidiana per far quadrare i conti hanno chiesto una ristrutturazione del governo.

“Alcuni cambiamenti politici nell'esecutivo o in alcune delle sue figure possono segnalare future riforme e un cambio previsto nella politica macroeconomica. Questo di solito è accolto positivamente dal pubblico e dagli investitori nazionali e stranieri, ci si aspetta che rafforzi la fiducia nell'economia e riduca in qualche modo le pratiche speculative”, ha detto El-Khishin.

Tuttavia, ciò che è più importante è accelerare le necessarie misure correttive ed evitare così l'aggiunta di ulteriori oneri sulla popolazione, ha aggiunto.

Secondo Sandeep, raggiungere un accordo con il FMI comporterebbe sicuramente condizioni, come un regime valutario più flessibile, tagli alle sovvenzioni e altre misure di austerità fiscale, come aumenti delle tariffe dell'energia e del carburante, il che aumenterebbe ulteriormente l'alta inflazione.

L'inflazione annuale headline dell'Egitto si è attestata al 33,7 per cento nel dicembre 2023, notevolmente inferiore al 38 per cento registrato nel settembre 2023. Tuttavia, gli osservatori ritengono che prenderà una tendenza al rialzo nei mesi a venire a seguito dell'annuncio recente degli aumenti nei prezzi dei biglietti della metropolitana, delle tariffe dell'elettricità e delle ricariche per cellulari.

"La gestione dell'inflazione deve essere fatta comprendendo le sue fonti principali. L'inflazione causata da un aumento della domanda richiede misure diverse rispetto a quella determinata dalla limitata offerta o da problemi strutturali", ha detto El-Khishin.

Per affrontare l'inflazione nel breve termine continuando con la liberalizzazione dei tassi di cambio, El-Khishin ha suggerito l'adozione di un sistema di tassi di cambio multipli su base eccezionale e a breve termine.

"Questo è uno dei noti 'strumenti quasi fiscali' che la Banca Centrale dell'Egitto (CBE) può utilizzare per ancorare il tasso di cambio ai suoi livelli attuali per beni strategici e necessità di base, mentre il settore bancario adotterebbe un tasso di cambio più alto e più orientato al mercato", ha spiegato.

"Questa è una pratica conosciuta e una forma implicita di gestione dell'inflazione causata da squilibri nel tasso di cambio, fornendo al contempo protezione per le categorie più vulnerabili dell'economia dalle conseguenze di una svalutazione del tasso di cambio."

Fonte: AL AHRAM ON LINE

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie