19 Aprile 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Strategia anti-divario del dollaro e stabilizzazione dei prezzi: il piano del governo

08-03-2024 07:25 - News
Il primo ministro Mostafa Madbouly ha spiegato il piano del governo per eliminare il divario del dollaro, reprimere il mercato parallelo e ridurre i prezzi delle materie prime, in una conferenza stampa dopo aver supervisionato il rilascio delle merci presso il Porto di Alessandria giovedì.

Madbouly ha iniziato la conferenza dicendo che fornendo ampia liquidità in dollari all'Egitto e le misure adottate tra il governo e la Banca Centrale d'Egitto mercoledì, il paese sarà in grado di superare le sfide economiche e l'accumulo di arretrati.

Questo avviene con la recente decisione dello Stato di aumentare i tassi di interesse del sei percento per contenere l'inflazione e sostenere i cittadini, e la ricezione di 15 miliardi di dollari come prima tranche dal contratto da 35 miliardi di dollari di Ras El-Hekma.

"Con il dollaro che diventa una merce per il commercio, il sistema del mercato parallelo è emerso a causa dell'esistenza di tassi di cambio doppi", ha dichiarato Madbouly.

Ha osservato che a seguito delle misure dello stato, la valuta avrà ora un tasso di cambio unificato. Il Ministero dell'Interno e tutte le agenzie di sicurezza sono stati diretti ad adottare azioni decise contro il sistema del mercato parallelo e le transazioni informali degli egiziani all'estero, ha aggiunto.

Le banche egiziane insieme a canali ufficiali e legittimi saranno le uniche entità autorizzate a gestire lo scambio di valuta o le transazioni per gli egiziani che desiderano convertire la loro valuta straniera in sterline egiziane, ha spiegato.

Inoltre, Madbouly ha chiarito che la priorità dello Stato è gestire la valuta per generi alimentari, medicinali, prodotti petroliferi, materie prime e forniture di produzione necessarie per l'industria.

Mercoledì, il governo ha approvato l'allocazione di 8 miliardi di sterline egiziane per soddisfare gli obblighi di esportazione.

Ha detto che il sistema di sostegno alle esportazioni è solo per coloro che convertano il dollaro all'interno dell'Egitto, ma con l'unificazione del tasso di cambio, la valuta sarà soggetta alla CBE.

Ciò consentirà alla CBE di gestire le esigenze di dollari dei cittadini e dei clienti purché venga utilizzata per il commercio dei suddetti beni di base e forniture.

"Con soggiogare il mercato delle valute estere all'ordine e riprendendo i trasferimenti degli egiziani all'estero alla normalità, saremo in grado di cancellare il divario", ha detto Madbouly.

Inoltre, ha promesso che i prezzi delle materie prime inizieranno a stabilizzarsi e diminuire. Tuttavia, al governo ci vorranno alcuni mesi per far tornare l'economia egiziana al suo stato corretto, ha aggiunto.

"Stiamo lavorando con i commercianti per regolare i prezzi in modo che riflettano il vero e proprio costo dei beni", ha affermato.

Mercoledì, il governo ha approvato l'importazione di un milione di tonnellate di zucchero nel corso del 2024, il che colmerebbe il divario nella produzione di zucchero per tutto l'anno, secondo Madbouly.

Le direttive erano di iniziare immediatamente a importare le prime 300.000 tonnellate in modo che i concetti di accumulo e scomparsa dello zucchero sul mercato egiziano scomparissero.

Madbouly ha rivelato che il piano di investimento per il prossimo anno fiscale si concentrerà sui settori della salute e dell'istruzione, sul progetto Decent Life e sul completamento dei progetti aperti che hanno raggiunto un tasso di completamento del 70 percento o più.

Durante il suo tour al Porto di Alessandria, El-Shahat Ghatouri, capo dell'Autorità Doganale Egiziana (ETA), ha dichiarato che il rilascio di merci del valore di oltre 12 miliardi di dollari è iniziato dall'inizio di gennaio fino ad ora.

La dichiarazione del primo ministro ha anche chiarito che il valore finale delle merci strategiche rilasciate e delle forniture di produzione, dal 1° marzo al 6 marzo, ammontava rispettivamente a circa 230,90 milioni di dollari e 464,03 milioni di dollari.

Inoltre, il rilascio delle merci stava avvenendo in altri tre porti in Egitto.

L'Egitto prevede di continuare le operazioni portuali e il rilascio delle merci fino a quando le linee di produzione locali non torneranno a piena capacità.

Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie