24 Giugno 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

UBER: Richieste di corse più sicure in Egitto

23-05-2024 07:20 - News
Richieste di corse più sicure in Egitto
Le app di ride-hailing in Egitto stanno affrontando cause legali e richieste di boicottaggio a causa di preoccupazioni sugli standard di sicurezza.

Meno di un mese fa, un autista di Uber in Egitto è stato condannato a 15 anni di carcere in seguito alla tragica morte di una ragazza che è saltata dal suo veicolo mentre guidava, affermando che stava tentando di rapirla.

Un altro incidente è avvenuto alcuni giorni fa, quando un autista di Uber accusato di aver aggredito un passeggero ha scatenato l'ira del pubblico.

Quest'ultimo incidente, annunciato dalla sorella del passeggero sulla sua pagina social, ha risuonato con altri utenti che hanno condiviso le loro storie e avviato hashtag per boicottare Uber e altre app di ride-hailing.

Ci sono state molte lamentele riguardo alle difficoltà nel raggiungere i responsabili delle app per ottenere assistenza, comportamenti scorretti da parte di alcuni autisti e casi di guida sotto l'influenza di alcol o droghe.

Un utente ha condiviso un'esperienza negativa in cui sua figlia è stata trattenuta con la forza da un autista di Uber finché non ha annullato il viaggio, evidenziando i tentativi infruttuosi di comunicare con l'azienda per ottenere giustizia.

Rana Moetaz, un'altra utente di app di ride-hailing, ha dichiarato che per lei comunicare con l'azienda tramite messaggi ed email ha portato solo a risposte automatiche, rendendo difficile ottenere assistenza.

Ha aggiunto che la frequente mancanza di standard di sicurezza e comfort nei viaggi non è in linea con i prezzi elevati delle corse.

Samir Farid, un utente dei social media, ha detto che diverse pagine e gruppi su piattaforme come Facebook offrivano test antidroga falsi e documenti penali falsificati. Queste pagine affermano di aprire account con le app di ride-hailing e di impiegare autisti i cui account erano stati precedentemente bloccati o sospesi, aggirando le leggi che vietano agli autisti con un passato di uso di droghe o precedenti penali.

L'avvocato Amr Abdel-Salam, parlando ad Al-Ahram Weekly, ha evidenziato le carenze negli standard legali di Uber, affermando che opera attraverso uffici e agenti che accettano documenti legali tramite WhatsApp, facilitando la falsificazione.

Abdel-Salam ha detto di aver intentato una causa per sospendere la licenza di Uber e di un'altra app affiliata, sostenendo la non conformità alle condizioni di licenza e il rilascio di permessi per veicoli senza sottoporre gli autisti a test antidroga e alcolici.

Ha aggiunto che l'azienda non monitora gli standard di sicurezza né fornisce un mezzo di comunicazione con i passeggeri, non c'è una hotline per i reclami né una sede registrata. Inoltre, la supervisione lassista degli autisti ha portato alcuni di essi a presentare documenti genuini e trasferirli a autisti banditi o con precedenti penali.

Abdel-Salam prevede che la causa verrà esaminata all'inizio di giugno. La richiesta è che altre app di ride-hailing implementino un sistema di monitoraggio elettronico, installino telecamere all'interno dei veicoli e le colleghino ai sistemi interni dell'azienda e al Ministero dell'Interno per garantire un viaggio sicuro per i passeggeri.

Le app di ride-hailing non stanno affrontando cause legali solo in Egitto. Secondo il US Judicial Panel on Multidistrict Litigation, Uber sta affrontando circa 79 casi di aggressione sessuale in varie regioni degli Stati Uniti, consolidati nel tribunale federale del distretto settentrionale della California.

Un'accusa principale in questi casi riguarda la presunta mancanza di Uber nell'implementare adeguate misure di sicurezza per proteggere i passeggeri dalle aggressioni sessuali. I casi includono anche richieste di controlli più approfonditi sui precedenti degli autisti di Uber e l'implementazione di maggiori misure di sicurezza per proteggere i passeggeri dalle aggressioni.

Gli incidenti non si limitano solo ai passeggeri. Secondo un rapporto del US Government Accountability Office del 2023, tre aziende di app di ride-hailing hanno segnalato circa 4.600 gravi incidenti di aggressione sessuale contro autisti e passeggeri nei viaggi organizzati tramite le loro app digitali nel 2019.

In un rapporto sulla sicurezza, Uber ha annunciato 2.826 casi dei tipi più gravi di aggressione sessuale negli Stati Uniti nel 2019, mentre il numero di casi segnalati nel 2020 era di circa 998 per gli stessi tipi di aggressioni. Sebbene ci sia stata una diminuzione nel numero di casi segnalati tramite l'app di Uber negli ultimi due anni, questo non è sufficiente.

Evidenziando le sfide affrontate dagli autisti delle app di ride-hailing, l'autista Osama Said ha detto di aver guidato per varie app per circa otto anni e di aver incontrato molte situazioni negative e persino aggressioni da parte dei passeggeri.

"Alcuni passeggeri, comprese le donne, affermano di aver perso il telefono per estorcere denaro all'autista minacciando di segnalare il furto all'app", ha detto.

Altri insistono nel fumare sostanze proibite in macchina, ha aggiunto Said. "Ci sono anche casi di omicidio e furto di auto ai danni degli autisti, che non ricevono molta attenzione mediatica né ci permettono di reclamare i nostri diritti e garantire gli standard di sicurezza."

Said ha detto che il processo di applicazione può comportare l'invio di documenti all'app tramite WhatsApp. Ha affermato che la falsificazione dei test e dei documenti richiesti potrebbe essere un problema, ma ha riconosciuto un monitoraggio occasionale da parte della gestione dell'app.

A volte, l'app richiede una fotografia dell'autista e della macchina per verificare l'identità dell'autista prima di concedere il permesso di utilizzare l'app.

"Questo avviene in modo casuale e inatteso, ma credo che i passeggeri dovrebbero verificare di persona prima di salire in qualsiasi macchina assicurandosi che la foto dell'autista corrisponda a quella nell'app, così come il numero, il colore e il tipo dell'auto", ha detto.

Le preoccupazioni pubbliche sugli incidenti legati alle app di ride-hailing hanno spinto all'azione parlamentare. Amal Salama, membro del Comitato per i Diritti Umani nella Camera dei Rappresentanti, la camera bassa del parlamento egiziano, ha chiesto la sospensione delle licenze concesse a Uber e ai suoi omologhi a causa dei crimini che minacciano la sicurezza della comunità fino a quando non saranno attuate misure adeguate per garantire la sicurezza.

Salama ha detto che la dichiarazione di Uber di esprimere rammarico per l'incidente iniziale causato da uno dei suoi autisti a febbraio non ha impedito che ne accadesse un altro.

Ha detto che dovrebbero essere usati segnali per etichettare le auto che operano sulle app e ha raccomandato l'installazione di telecamere di sorveglianza e dispositivi di tracciamento all'interno delle auto, collegandoli ai ministeri competenti per monitorare l'attività durante i viaggi.

In dichiarazioni televisive, Ahmed Badawi, presidente del Comitato per le Comunicazioni e la Tecnologia dell'Informazione nella Camera dei Rappresentanti, ha detto che è stato programmato un incontro per il 20 maggio per esaminare i progressi tecnologici che possono garantire che tutte le misure di sicurezza siano in atto.

L'incontro risponde alle violazioni legali da parte di alcuni autisti di Uber, ha detto.

Badawi ha affermato che la pressione pubblica e le richieste di boicottaggio hanno avuto un impatto, poiché alcuni autisti hanno scoperto che l'app era stata sospesa negli ultimi giorni fino a quando non sono andati negli uffici dell'azienda e hanno fornito i documenti necessari prima di riprendere il lavoro.

Ha detto che in seguito alle interazioni precedenti con i responsabili di Uber dopo l'incidente che ha provocato la morte di una ragazza a marzo, gli amministratori dell'app avevano richiesto un termine di tre mesi per attivare un pulsante di emergenza sull'app.

È passato un mese e mezzo da quando è stato fissato il termine, ha detto, e l'azienda ha aggiunto registrazioni audio per i viaggi sull'app e le sta attualmente testando.

L'Autorità Nazionale per la Regolamentazione delle Telecomunicazioni ha formato un comitato per comunicare con le app di ride-hailing e discutere su come svilupparle per garantire standard di sicurezza migliorati e raccomandazioni attuabili per prevenire il ripetersi degli incidenti precedenti.


Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie