21 Febbraio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Un anno di guerra

26-02-2023 07:39 - News
Quando il conflitto in Ucraina è iniziato il 24 febbraio 2022, non era chiaro quanto avrebbe avuto un impatto sulla politica estera e sull'economia dell'Egitto. Un anno dopo, lo stress è chiaro a tutti.

Dall'inizio della guerra in Ucraina, l'Egitto ha percorso una linea sottile tra i suoi alleati occidentali, in particolare gli Stati Uniti, e la Russia. "Mentre molti paesi hanno imposto sanzioni alla Russia, l'Egitto e la maggior parte degli stati arabi si sono rifiutati di farlo sulla base del fatto che le sanzioni economiche non dovrebbero essere impiegate al di fuori del quadro del sistema internazionale multilaterale", afferma l'analista politico di Al-Ahram Amr Al-Chobaky .
"Tuttavia, l'Egitto ha votato con altri 140 membri delle Nazioni Unite a favore della risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite che deplora l'invasione della Russia e chiede il ritiro immediato delle sue forze". “L'Egitto è riuscito a trovare un equilibrio nelle sue relazioni con l'Occidente e la Russia. I funzionari egiziani sono rimasti neutrali e hanno ripetutamente chiesto una soluzione politica alla crisi basata sul dialogo”.

L'Egitto si è unito ad altri paesi arabi nel formare un gruppo di collegamento per affrontare l'impatto della guerra sulla regione araba. Il gruppo ha tenuto colloqui con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Mosca e il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba a Varsavia nel tentativo di forgiare una soluzione diplomatica alla crisi. Nella giornata di apertura della conferenza COP27 sui cambiamenti climatici, tenutasi a Sharm El-Sheikh a novembre, il presidente Abdel-Fattah Al-Sisi ha lanciato un appello per la fine della guerra Russia-Ucraina.

"I paesi senza un'economia forte hanno sofferto molto per le conseguenze della crisi del coronavirus, e ora stiamo soffrendo di nuovo, questa volta a causa della guerra Russia-Ucraina", ha detto, prima di chiedere la fine della distruzione e dell'uccisione .

"All'inizio della guerra, molti pensavano che l'Egitto non sarebbe stato in grado di bilanciare le sue crescenti relazioni con la Russia e i suoi legami strategici con gli alleati occidentali, in particolare gli Stati Uniti, e che avrebbe avuto uno spazio di manovra limitato o avrebbe cercato una via di mezzo tra le parti in guerra ”, ha affermato Gamal Zahran, professore di scienze politiche all'Università del Canale di Suez.

“Questo si è rivelato sbagliato. Tre settimane fa, il presidente Al-Sisi e il ministro degli Esteri Sameh Shoukri hanno ricevuto al Cairo il segretario di Stato americano Antony Blinken. Il giorno dopo Shoukri partì per Mosca per tenere colloqui con Sergey Lavrov”. Durante la sua visita a Mosca, Shoukri non ha nascosto la volontà dell'Egitto di rafforzare le sue forti relazioni politiche ed economiche con la Russia. Shoukri ha consegnato un messaggio a Lavrov da Blinken. Lavrov, a sua volta, ha descritto la posizione dell'Egitto sulla guerra in Ucraina come "responsabile" ed "equilibrata".

"La Russia continuerà a impegnarsi con l'Egitto sull'Ucraina e confido che ciò sarà nell'interesse dell'amicizia tra i due paesi", ha affermato. “I funzionari statunitensi sono consapevoli delle crescenti relazioni politiche ed economiche tra Egitto e Russia e quindi alcuni scommettono che gli Stati Uniti potrebbero costringere l'Egitto a schierarsi. Questo non è mai successo", osserva l'analista Hassan Abu Taleb.

Invece, il presidente Al-Sisi ha potuto sviluppare relazioni amichevoli con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. “I due leader si sono incontrati tre volte, la prima a Gedda in Arabia Saudita lo scorso luglio, a Sharm El-Sheikh a novembre ea Washington a dicembre. Nel corso degli incontri i due leader hanno sviluppato un rapporto basato sulla stima reciproca”. Il fatto che l'Egitto sia stato l'unico paese arabo visitato da Blinken durante il suo tour in Medio Oriente il mese scorso, la visita è una testimonianza della partnership strategica tra il Cairo e Washington.

"Coloro che pensavano che la guerra in Ucraina avrebbe messo l'Egitto in una posizione difficile dovrebbero ora ammettere che si sbagliavano e che le relazioni equilibrate dell'Egitto con le parti in conflitto hanno contribuito a servire i suoi interessi", sostiene Abu Taleb.

L'impatto della guerra in Ucraina sull'economia egiziana ha comunque messo il paese in una posizione difficile. L'Egitto è il principale importatore di grano al mondo: il 70% delle sue importazioni di grano proviene dalla Russia e il 10% dall'Ucraina. Nel 2020, l'Egitto ha importato 12,9 milioni di tonnellate di grano dalla Russia e dall'Ucraina per un costo di 3,2 miliardi di dollari. Dall'inizio della guerra, i prezzi del grano sono quasi raddoppiati, da $ 230 a tonnellata a $ 450, mettendo sotto pressione le limitate riserve di valuta estera dell'Egitto.

La Russia e l'Ucraina rappresentavano anche la maggior parte delle importazioni di olio di girasole dall'Egitto. Il settore del turismo egiziano è stato duramente colpito dalla guerra. Si stima che circa 2-3 milioni di turisti russi e ucraini abbiano visitato l'Egitto nel 2021 e si prevede che il numero raddoppierà nel 2022. I due paesi rappresentano un terzo di tutti i turisti stranieri che arrivano in Egitto, ma il mercato si è prosciugato nel la scia della guerra.

Gli aumenti dei prezzi delle materie prime stimolati dalla guerra in Ucraina hanno portato le banche centrali di tutto il mondo a intervenire per aumentare i tassi di interesse nel tentativo di controllare l'inflazione. L'Egitto non ha fatto eccezione. La Banca Centrale (CBE) non solo ha alzato i tassi di interesse, ma è stata anche costretta a svalutare la sterlina egiziana due volte nel 2022. Secondo i dati della CBE, l'inflazione è balzata dal 18,6% nel novembre 2022 al 26,8% nel gennaio 2023, e alcuni se lo aspettano raggiungere il 33% entro la fine di marzo.

L'adozione di un tasso di cambio flessibile è avvenuta dopo che l'Egitto e il FMI hanno raggiunto un nuovo accordo di prestito da 3 miliardi di dollari alla fine di ottobre 2022. Con la guerra in Ucraina che non dovrebbe concludersi a breve, alcuni analisti prevedono che l'Egitto continuerà ad affrontare pressioni inflazionistiche , una sterlina più debole e bassi tassi di crescita economica. Altri, invece, vedono la luce in fondo al tunnel.

Il ministro delle finanze Mohamed Maait ha dichiarato lo scorso dicembre alla conferenza Euromoney Egypt che "sebbene la guerra in Ucraina sia costata molto al paese sotto forma di costosa fattura di importazione e pressioni inflazionistiche, ha anche aumentato le entrate in valuta estera dell'Egitto dal Canale di Suez e esportazioni petrolifere e non petrolifere”.

“Il Canale di Suez ha generato entrate per oltre 8 miliardi di dollari nel 2022 e le esportazioni di petrolio hanno raggiunto un record di 18,2 miliardi di dollari, rispetto ai 12,9 miliardi di dollari del 2021 e ai 7 miliardi di dollari del 2020.

Le esportazioni di GNL a novembre hanno raggiunto i 600 dollari e dovrebbero salire a 1 miliardo di dollari l'anno mese di quest'anno”. Le esportazioni non petrolifere dell'Egitto hanno raggiunto un record di 35,2 miliardi di dollari nel 2022 "nonostante la guerra in Ucraina che ha causato venti contrari finanziari in tutto il mondo", ha osservato il portavoce del governo Nader Saad. Ottimi anche i dati del settore turistico.

Il ministro del Turismo Ahmed Issa ha dichiarato questo mese al Senato che il numero di turisti in visita in Egitto nel 2022 ha superato i 12 milioni, con un aumento del 50% rispetto al 2021. “Questo nonostante la guerra che ha impedito ai turisti russi e ucraini di visitare l'Egitto . L'Egitto è ora sulla buona strada per generare 30 miliardi di dollari dal traffico turistico entro cinque anni ", ha affermato.

Durante una visita all'Accademia militare lo scorso gennaio, il presidente Al-Sisi ha ammesso che mentre la guerra in Ucraina aveva innescato una crisi del costo della vita “il momento più difficile è ormai passato e lo Stato si sta avvicinando a un punto di equilibrio tra fabbisogno e entrate in dollari .” “Stiamo ancora soffrendo per questa guerra e continueremo a soffrire, ma il popolo egiziano ha superato i problemi in passato. Usciremo dalla crisi attuale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è pazienza, determinazione e comprensione", ha detto.




Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie