30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Un cortocircuito elettrico ha causato l'incendio della chiesa di Abu Sefein: testimoni oculari lo hanno detto al pubblico ministero

15-08-2022 07:19 - News
Le indagini preliminari sul massiccio incendio che ha colpito la chiesa di Abu Sefein di Giza domenica hanno indicato che l'incendio è stato causato da un cortocircuito elettrico, secondo una dichiarazione del pubblico ministero.


In una dichiarazione domenica sera, il procuratore generale Hamada El-Sawy, che ha ispezionato il luogo dell'incidente, ha affermato che testimoni oculari hanno detto alla squadra della procura egiziana incaricata delle indagini che l'incidente è stato causato da un cortocircuito elettrico in un generatore di corrente.
Finora, il pubblico ministero ha interrogato 14 dei feriti, aggiunge la dichiarazione. La squadra dell'accusa ha esaminato tutti i corpi delle vittime e non ha trovato ferite esterne sui corpi dei defunti tranne segni di soffocamento, ha aggiunto la dichiarazione.

Il bilancio delle vittime è stato di 41 e di 14 feriti, tra cui due agenti di polizia e due membri del personale, ha affermato l'accusa.

La Procura ha inoltre ordinato alla Pubblica Amministrazione per le Prove Penali di raccogliere le tracce sul posto al fine di accertare le cause dell'incidente e come sia avvenuto. L'incendio è iniziato alle 8:57 nella chiesa di Giza nel distretto di Imbaba durante la Divina Liturgia.

Tutte le vittime sono state trasferite all'ospedale generale di Imbaba e all'ospedale di Al-Agouza per le cure.

La Croce Rossa egiziana ha anche inviato due squadre di supporto psicologico nei due ospedali dove le vittime dell'incendio stanno ricevendo cure per aiutarle a superare il tragico evento.

Il presidente Abdel-Fattah El-Sisi, gli organi statali e Al-Azhar esprimono le loro condoglianze alle famiglie delle vittime. Il primo ministro Mostafa Madbouly ha visitato le vittime che ricevevano cure mediche nei due ospedali accompagnato dal ministro della Salute Khaled Abdel-Ghaffar, dal ministro della Solidarietà sociale Nevine El-Qabbaj e dal ministro dello Sviluppo locale Hisham Amna.

In un commento televisivo, Madbouly ha affermato che un risarcimento immediato del valore di 100.000 EGP sarà concesso a ciascuna delle famiglie di ciascuna persona deceduta e fino a 20.000 EGP alle famiglie dei feriti in base al grado della lesione.

Inoltre, la massima autorità islamica egiziana Al-Azhar e le organizzazioni della società civile pagheranno un risarcimento aggiuntivo di 50.000 EGP alle famiglie delle vittime, ha affermato in precedenza El-Qabbaj.


Fonte: AL AHRAM NEWS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie