30 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Una passeggiata nella storia: influenze europee sull'architettura del Cairo

23-08-2022 07:26 - News
Ogni angolo di strada al Cairo racconta la storia di un passato cosmopolita.
Dalle comunità internazionali alle invasioni straniere, molte culture hanno lasciato il segno nella città e nella sua identità unica.

Lontano dalle moderne costruzioni nei nuovi e crescenti distretti satellite del Cairo, il cuore del Cairo vanta un'architettura che racchiude la storia di un crogiolo di culture, con edifici che mostrano le diverse epoche e stili che hanno attraversato il Cairo, modellandolo nella sua forma moderna .

Tra le varie influenze, l'architettura europea ha avuto un ruolo nella costruzione dei multidistretti al Cairo: dagli edifici in stile francese con cupole parigine e sgargianti balconi francesi a sbalzo con ringhiere in acciaio agli edifici britannici con tetto piatto con mattoni rossi a vista.

O le terrazze e i balconi sostenuti da colonne e pilastri di ispirazione greca e romana, una passeggiata al Cairo ti porta lungo il vicolo della memoria della città.

Qui ci sono tre distretti che mostrano i resti della storia e dell'architettura europea al Cairo.

MASR EL-GEDIDA (HELIOPOLIS)
Nonostante le sue radici nell'antichità, Masr El-Gedida, noto anche come Heliopolis, è stato sviluppato come distretto del Cairo solo all'inizio del XX secolo con l'arrivo dell'ingegnere belga Edouard Empain. Heliopolis ospita il Palazzo del Barone Empain, costruito per far vivere Empain e la sua famiglia.

Durante la sua permanenza lì, decise di costruire una città moderna, progettando e costruendo El-Korba, una piccola area ancora amata da Cairenes fino ad oggi, con edifici abbelliti da alti archi e fiancheggiati da numerosi negozi e ristoranti ancora oggi amati e frequentati da Cairenes.

Nota per i suoi ampi viali e palazzi, l'architettura di Heliopolis è fortemente influenzata dagli ampi viali dell'Europa occidentale, combinati con lo stile neoislamico in elementi come le finestre a cupola.

Empain non è stato l'unico visionario responsabile della progettazione di Heliopolis: anche gli architetti francesi Alexandre Marcel e Georges-Louis Claude, insieme all'architetto siro-libanese Habib Ayrout, hanno avuto un ruolo significativo nell'architettura della zona.



DOWNTOWN CAIRO
Il centro del Cairo, noto agli egiziani come Wust El-Balad, è poeticamente inteso come "il cuore del paese".

Questo affollato e vivace quartiere del Cairo è all'altezza del suo nome, in quanto non è solo il centro fisico del Cairo, ma funge da hub per i trasporti, gli affari e la cultura, incentrato su Piazza Talaat Harb e Piazza Tahrir.Il centro del Cairo è stato progettato nel 1880 dopo che Khedive Ismail visitò Parigi e fu ispirato a costruire una città europea a casa.

Ha assunto architetti europei, in particolare Haussmanien francesi, per progettare la città, con ampi viali ed edifici che ricordano quelli che ha trovato a Parigi. L'influenza architettonica francese può essere vista in particolare attraverso i condomini con i loro tradizionali balconi e finestre alla francese, nonché attraverso i disegni in marmo che incorniciano le finestre.Le alte pareti di mattoni rossi a vista e le finestre semplicemente allineate dell'"Ex-Davis Bryan Building" in stile britannico in Abdeen Street sono un altro punto di riferimento chiave del centro del Cairo.

Prende il nome da Davis Bryan, un gallese che teneva un negozio - che vendeva una varietà di beni importati tra cui: cappelli da uomo e da donna, attrezzatura da viaggio, tendaggi, scarpe tra gli altri - in Egitto, l'edificio è stato costruito da un architetto gallese commissionato da Bryan .

C'è anche l'iconico complesso cinematografico, Radio Cinema, che è stato strutturato e progettato da architetti francesi. Radio Cinema ha presentato in anteprima alcuni dei film più acclamati in Egitto ed è stato il palcoscenico dell'icona egiziana di fama mondiale e piena di sentimento, Umm Kulthum.

Un'altra caratteristica europea di spicco nel centro del Cairo è il famoso Groppi in Talaat Harb Square. Groppi era una famosa gelateria e caffetteria fondata da Giacomo Groppi, un pasticcere svizzero che nel 1926 portò una parte della Svizzera in Egitto.


ZAMALEK
Ancora un hotspot per gli abitanti del Cairo fino ad oggi, Zamalek è un altro quartiere influenzato dall'architettura europea.

Con i suoi edifici sobri in stile britannico, è un quartiere ricco e ricco di vita e di colore.

Separato da Giza da un sottile corso del fiume Nilo. La posizione geografica di Zamalek riflette molti dei cambiamenti sociali che l'Egitto ha subito nel corso degli anni e ha sviluppato la propria identità lungo il percorso.

Zamalek fu costruito nel XIX secolo durante l'occupazione britannica, come luogo in cui coloro che lavoravano per il Khedive potevano trovare alloggi economici senza essere troppo lontani dal suo quartier generale a Palazzo Abdeen.

Nel tempo, l'influenza del palazzo diminuì ei proprietari terrieri di Zamalek iniziarono a vendere le loro proprietà. Di conseguenza, Zamalek si è trasformato in un quartiere a base sociale, dai residenti originari della classe operaia alle nuove élite politiche e sociali.

Così, un nuovo stile di architettura ha assunto il quartiere e gli edifici sono stati costruiti secondo gli standard europei a causa dell'influenza straniera presente in Egitto in quel momento.



Fonte: EGYPTIAN STREETS

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie