31 Gennaio 2023
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Uno studio francese rivela il segreto dietro le piramidi

06-09-2022 07:27 - News
Le Piramidi di Giza sono uno dei monumenti più famosi della storia umana, con una costruzione che continua a sconvolgere le menti umane nel corso dei secoli.

Anche dopo quasi 4.500 anni gli archeologi non sono stati in grado di determinare tutti gli aspetti tecnici che circondano la costruzione delle piramidi. Rimangono molte domande su come la civiltà faraonica abbia costruito questi enormi edifici, nonostante la loro mancanza di mezzi tecnici come li conosciamo oggi.

Un nuovo studio condotto da un geografo naturale, Hader Sheisha dell'Università di Aix-Marseille in Francia, ha gettato nuova luce su questo dilemma.

Ha rivelato che la costruzione delle piramidi di Giza era possibile grazie alla presenza di un affluente che si dirama dal Nilo, oggi non più esistente, che consentiva il trasporto dei materiali da costruzione necessari. Secondo Radio Monte Carlo, lo studio suggerisce che gli ingegneri dei Faraoni utilizzassero il Nilo e le sue inondazioni annuali attraverso un complesso sistema di canali e bacini che formavano un complesso portuale ai piedi dell'altopiano di Giza.

Gli esperti hanno studiato l'antico polline del sito, che ha consentito un'analisi precisa della variazione dei livelli dell'acqua in questa regione per più di 8.000 anni, compreso il periodo durante il quale furono costruite le piramidi tra il 2.686 e il 2.160 a.C.

La ricerca ha mostrato che il livello dell'acqua è aumentato bruscamente durante il periodo umido africano tra 4.800 e 5.500 anni fa, il che ha trasformato il suolo secco di una parte del Sahara in una macchia di erba, alberi e laghi. Successivamente, il ramo del Nilo si ritirò, ma rimase a lungo navigabile.

Ciò ha consentito il trasporto di pietre e materiali per la costruzione delle piramidi, ed è stato riferito che molte di queste pietre furono trasportate da siti lontani in Egitto. Lo studio ha mostrato che l'acqua in questo affluente ha mantenuto livelli elevati durante i regni di Cheope, Chefren e Menkaure, il che ha facilitato il trasporto di materiali da costruzione a Giza. Ma dopo il regno del re Tutankhamon, salito al potere dal 1.349 al 1.338 a.C., i livelli dell'acqua in questo affluente del Nilo sono gradualmente diminuiti fino a raggiungere i livelli più bassi documentati negli ultimi 8.000 anni.

Se vuoi restare aggiornato sulle nostre iniziative, iscriviti alla newsletter.



Fonte: EGYPT INDEPENDENT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie