29 Maggio 2024
Notizie
percorso: Home > Notizie > News

Vertice egiziano per la pace| Opportunità per cambiare il corso degli eventi a Gaza, porre fine alla violenza

21-10-2023 07:05 - News
La nuova capitale amministrativa ospiterà sabato il vertice per la pace dell'Egitto con un'ampia partecipazione internazionale prevista per raggiungere una soluzione alle violenze in corso a Gaza che sono iniziate 13 giorni fa e hanno provocato finora l'uccisione di più di 4.137 palestinesi e il ferimento di altri 13.000.

Chi parteciperà?

L'appello lanciato dal presidente Abdel Fattah al Sisi il 15 ottobre durante una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale egiziano è stato elogiato e accolto con favore a livello internazionale, soprattutto con la continua escalation nella Striscia di Gaza e le continue sofferenze del popolo palestinese.

Fino a 31 paesi insieme ad altre tre organizzazioni internazionali hanno confermato la loro partecipazione al vertice, tra cui: Qatar, Grecia, Palestina, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Arabia Saudita, Kuwait, Iraq, Italia, Gran Bretagna, Spagna, Cipro, Turchia, Brasile, Cina, America, Marocco, Sud Africa, Norvegia, Russia, Consiglio europeo, oltre al Segretario generale delle Nazioni Unite.

Dall'inizio della crisi, il 7 ottobre, l'Egitto ha chiesto una de-escalation e negoziati, tuttavia, Israele ha continuato a bombardare diversi obiettivi all'interno di Gaza, tra cui un ospedale e una chiesa dove si sono rifugiati centinaia di civili palestinesi, donne e bambini.

Inoltre, Israele non ha mai risposto a nessun tentativo o negoziato per l'invio di aiuti umanitari al popolo palestinese e ha imposto un assedio, tagliando l'acqua, il cibo, il carburante, l'elettricità e Internet dall'intera banda.

Israele ha chiesto ai palestinesi di spostarsi dalla parte settentrionale di Gaza, dirigendosi a sud, e ha minacciato di iniziare un attacco di terra sulla Striscia di Gaza.

L'Egitto ha descritto lo "sfollamento forzato" del popolo palestinese come un "tentativo di liquidazione della causa palestinese" e ha affermato che questo scenario è "impensabile".

In una conferenza stampa con il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna al Cairo, il ministro egiziano Sameh Shoukry ha affermato il rifiuto dell'Egitto di "liquidare la questione palestinese" e ha sottolineato la necessità di "porre fine immediatamente alla violenza e all'escalation" e di consentire il passaggio degli aiuti ai civili, oltre a lavorare a una soluzione politica globale che garantisca il diritto dei palestinesi di stabilire il loro Stato sui confini del 1976 con Gerusalemme Est come capitale.

Per quanto riguarda il valico di frontiera di Rafah, Shoukry ha affermato che l'Egitto ha cercato di rendere il valico permanentemente operativo per l'ingresso degli aiuti, la normale circolazione e il passaggio degli stranieri dall'inizio dello scoppio della crisi; tuttavia, il governo israeliano non ha adottato alcuna misura che consenta l'apertura del valico dall'altra parte.

Colonna ha accolto con favore l'appello dell'Egitto per il vertice di pace durante la conferenza e ha detto che pensa che il vertice sia un appello importante e che tutti i leader mondiali dovrebbero venire a partecipare.

Il ministro degli Esteri francese ha anche affermato che "non c'è dubbio che l'assedio di Gaza sia considerato una violazione del diritto internazionale, e quindi chiediamo l'apertura dei valichi. Il popolo palestinese deve essere protetto e i suoi bisogni devono essere soddisfatti".

Il 18 ottobre, il presidente al-Sisi ha sottolineato che l'Egitto è uno stato sovrano e respinge i tentativi di spingere i civili a cercare rifugio in Egitto, aggiungendo che "se necessario, posso chiedere agli egiziani di uscire allo scoperto ed esprimere il loro rifiuto all'idea del rifugio, e allora vedrete che milioni di egiziani sono pronti a manifestare come espressione del loro rifiuto dello sfollamento dei palestinesi da Gaza".

Il presidente al-Sisi ha aggiunto durante una conferenza stampa congiunta con il cancelliere tedesco Ulf Schulz presso la sede presidenziale che "l'Egitto rifiuta la soluzione militare alla causa palestinese o qualsiasi tentativo di sfollare con la forza i palestinesi dalla loro terra, o che ciò avvenga a spese della regione", sottolineando che l'Egitto rimarrà nella sua posizione a sostegno del legittimo diritto palestinese alla sua terra.

"Non giustifichiamo alcuna azione violenta contro un civile", ha aggiunto.

"Negli ultimi anni, dopo l'accordo di pace con Israele, siamo stati desiderosi di fare di questo percorso una scelta strategica, e cerchiamo che questo percorso sia sostenuto da altri paesi", ha detto.

Fin dall'inizio della crisi, l'Egitto ha voluto intensificare i suoi appelli con i leader mondiali per cercare un percorso negoziale verso la pace a Gaza.

Il presidente Sisi ha telefonato con i leader di Francia, Turchia, Sud Africa, Giappone, Spagna, Cipro, Italia, Canada, Russia, Grecia, Norvegia, Brasile e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Un vertice quadripartito tra Egitto, Jourdan, Palestina e Stati Uniti avrebbe dovuto svolgersi il 18 ottobre, ma è stato annullato in seguito all'aggregazione israeliana sull'ospedale battista di Gaza che ha ucciso quasi 500 civili.

L'Egitto ha condannato fermamente il bombardamento.

Il 19 ottobre, il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno concordato durante una telefonata la consegna sostenibile di aiuti umanitari alla Striscia di Gaza attraverso il valico di frontiera di Rafah.

Biden ha espresso apprezzamento per gli sforzi della leadership egiziana per raggiungere la pace e la stabilità nella regione.

Proteste di massa

Venerdì, nuclei di egiziani in tutti i governatorati sono scesi in piazza per esprimere il rifiuto dell'aggressione israeliana e dei piani per trasferire gli abitanti di Gaza nel Sinai.

I manifestanti hanno espresso sostegno al presidente Abdel Fattah El-Sisi nell'adozione di misure per proteggere la sicurezza nazionale in mezzo ai piani israeliani per spostare i palestinesi nel Sinai.

Le proteste sono arrivate con l'arrivo del segretario generale dell'Onu all'aeroporto di Al-Arish, per ispezionare gli aiuti umanitari che dovrebbero essere consegnati ai civili di Gaza assediata.

E con centinaia di tonnellate di aiuti in attesa al valico di frontiera di Rafah, in attesa di arrivare alla gente di Gaza dall'altra parte, incrociamo le dita affinché il vertice di pace dell'Egitto raggiunga una soluzione che ponga fine alla violenza a Gaza.

Fonte: Egypt today

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie